Il dono del sangue, a Verona, è una questione di famiglia

Alessia Marconi, di Villafranca, prosegue la tradizione di famiglia: per lei prima sacca donata, per papà Corrado era la 135a

Corrado e Alessia Marconi FIDAS VeronaIl dono del sangue è una questione di famiglia: a Villafranca, la famiglia Marconi porta avanti questa tradizione da tre generazioni. È stata una scelta spontanea quella di Alessia Marconi,  studentessa 18enne, dopo aver respirato in famiglia l’esempio del dono. Appena superati i controlli di idoneità, si è recata al Centro trasfusionale dell’Ospedale di Borgo Roma, scortata dal papà Corrado Marconi. Per lui, che da 16 anni siede nel direttivo della sezione FIDAS Verona di Villafranca, era la donazione numero 135; per lei la prima, di plasma.

Sono oltre 300 le donazioni compiute negli anni dalla famiglia Marconi, che conta ben 7 fra donatori o ex donatori. Oltre ad Alessia, si annoverano i nonni Saverio e Mariuccia, gli zii paterni Nicola e Fabrizio e i genitori della neo-donatrice: papà Corrado e mamma Orietta Cordioli. Riccardo, fratello di Alessia, vedendo la sorella recarsi al Trasfusionale ha già buttato le mani avanti: quando sarà maggiorenne, proverà a tendere il braccio anche lui.

«Ho sempre percepito il dono del sangue come una cosa normale, perché l’ho respirato in famiglia. Fin da piccola partecipavo alle feste associative di FIDAS Verona e ho avuto grandi esempi in casa. Mia nonna Mariuccia ha donato 110 volte, tante per una donna – spiega la neo-donatrice –. Così, quando ho compiuto 18 anni, non ho esitato e ho prenotato la visita d’idoneità, coinvolgendo anche una mia amica e suo fratello. Appena si diventa maggiorenni si pensa alla patente e alla maturità, donare forse non è la prima cosa che viene in mente, eppure è un gesto importante. Credo che tutti i giovani, se ne hanno la possibilità, dovrebbero farlo: perché non provare, almeno?».

Papà Corrado è fiero per questa tradizione che continua. «Fa sempre piacere vedere dei giovani approcciarsi al dono del sangue, un bel gesto di generosità verso gli altri. Anche io ho iniziato a donare a 18 anni: nessuno in famiglia me l’aveva chiesto in modo esplicito, per me è stata una cosa da fare senza ragionarci troppo e lo stesso è accaduto con Alessia. In questi tre decenni ho avuto la fortuna di stare sempre bene e ho tenuto il ritmo delle sei donazioni annuali, alternando sangue e plasma ogni due mesi».

Si congratulano con papà e figlia i vertici di FIDAS Verona. «Ci auguriamo che, seguendo l’esempio di Alessia e Corrado, tanti altri si interroghino sulla possibilità di compiere questo gesto altruista, indispensabile a chi ne ha di bisogno: dobbiamo sempre ricordarci che senza sangue e plasma la vita di molti malati sarebbe ancora più complicata», sottolinea la presidente provinciale di FIDAS Verona, Chiara Donadelli. Si congratula con i Marconi anche Elisa Residori, presidente uscente della sezione FIDAS Verona di Villafranca, che a giugno eleggerà il nuovo consiglio direttivo. A Villafranca si contano 472 donatori attivi, che donano in media un paio di volte l’anno.

Il primo maggio i donatori di FIDAS Verona di Villafranca saranno presenti col proprio gazebo nella piazza del castello, insieme all’AIDO.

Per informazioni: www.fidasverona.it.