Carenza sangue in Campania: appello del CNS

La Struttura Regionale di Coordinamento per le attività trasfusionali della Regione Campania ha segnalato al Centro Nazionale Sangue una carenza prevista, per il periodo 15 luglio – 30 settembre, di circa 1.700 unità di emazie, pari a circa 150 unità settimanali con la seguente distribuzione: 82 0+; 5 0-; 41 A+; 7 A-; 14 B+; 1 B-.

Il CNS invita pertanto le Associazioni e Federazioni di donatori di sangue ad avviare azioni di supporto straordinario, anche locali, volte ad intensificare la chiamata dei donatori raccomandando, inoltre, alle Strutture Regionali di Coordinamento di inserire le disponibilità nella bacheca in SISTRA al fine di compensare la carenza della Regione Campania.

Festa al Tempio internazionale del donatore di Valdobbiadene

Domenica 7 luglio, a Pianezze di Valdobbiadene (TV), si è svolta l’annuale festa del Tempio Internazionale del donatore che si celebra in concomitanza con la festa liturgica del Preziosissimo Sangue di Gesù, patrono del Tempio. Un appuntamento volto quest’anno a celebrare i 40 anni di vita della struttura consacrata nel 1979 su impulso delle associazioni dei donatori di sangue.

All’incontro, oltre ad un’ampia rappresentanza di donatori di sangue di Veneto e Friuli Venezia Giulia, erano presenti i presidenti nazionali di AVIS e FIDAS, Giampietro Briola e Aldo Ozino Caligaris, il vicepresidente FRATRES Vincenzo Manzo, la presidente nazionale AIDO Flavia Petrin, nonché il presidente e il vicepresidente della neocostituita Associazione del Tempio del donatore Gino Foffano e Ivo Baita e le altre componenti dell’organismo incaricato della gestione del Tempio.

Una presenza importante per sostenere e rilanciare il Tempio del Donatore quale luogo della cultura del dono, emblema e simbolo di pace e fratellanza. La struttura, infatti, è chiusa da più di un anno in attesa di importanti lavori di restauro, ma la volontà delle associazioni dei donatori è provvedere in breve tempo al suo ripristino perché torni ad essere un punto di riferimento nell’ambito di un percorso di cultura e di solidarietà.

Sempre ieri è giunta inoltre la gradita notizia annunciata dal ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, che le “colline del prosecco” di Conegliano e Valdobbiadene, dove si trova il Tempio internazionale del donatore, sono state riconosciute Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco grazie alla loro bellezza paesaggistica, culturale e agricola unica. E per i volontari del dono anche un patrimonio di universalità e gratuità.

Ricordiamo che è possibile sostere il Tempio del donatore (e l’ODV Tempio Internazionale del donatore) con una donazione su:
IBAN:  IT28 F030 6962 1561 0000 0000 039
Causale: lavori tempio

 

 

“Metti in circolo l’energia” in onda su La7

In questi giorni e fino al 30 giugno lo spot “Metti in circolo l’energia” è in onda su La7. Il video fa parte della campagna di comunicazione sociale realizzata da FIDAS e presentata in occasione del 60mo anniversario di fondazione. Prodotto con l’intento di affrontare il tema della donazione del sangue con un taglio, per quanto possibile, inedito, il video evita deliberatamente ambientazioni ospedaliere, braccia distese, sacche di sangue e simili, ma trasferisce tutto il discorso su un piano metaforico, utilizzando la chiave espressiva della danza. E invitando a condividere l’energia a favore degli altri. Protagonista dello spot l’attore Luca Seta insieme ai ballerini della compagnia GoDance.

Guarda il video

Il grazie di FIDAS ai donatori di sangue

“In occasione della Giornata mondiale del donatore di sangue vogliamo dire grazie ai 450mila donatori di sangue delle Associazioni federate FIDAS. Grazie al loro impegno quotidiano riusciamo a contribuire in modo significativo all’autosufficienza di sangue ed emocomponenti in modo da soddisfare le necessità di quanti ogni giorno necessitano di terapie trasfusionali”. Così Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale FIDAS nel corso della giornata che in ogni parte del mondo rende onore ai donatori di sangue. “Il sistema italiano è un esempio virtuoso da seguire, ma possiamo sempre migliorare – continua il presidente. – Oggi in diverse parti di Italia le associazioni federate sono impegnate in attività di raccolta, informazione e sensibilizzazione sul dono del sangue. Ed è un compito che occorre portare avanti sempre con passione e determinazione, con lo sguardo attento ai giovani in modo che possano avvicinarsi al gesto della donazione”.

La giornata mondiale del donatore di sangue è stata istituita nel 2004 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il 14 giugno è stato scelto in quanto giorno di nascita del biologo austriaco Karl Landsteiner, scopritore dei gruppi sanguigni, nel 1900, e coscopritore del fattore Rh.

Quest’anno la sede scelta per le celebrazioni del 14giugno è la Ruanda, mentre per il 2020 è stata accolta la candidatura dell’Italia.

WORLD BLOOD DONOR DAY: il 12 giugno a Roma la Conferenza stampa

Ogni anno il 14 giugno i paesi nel mondo, su impulso dell’Oms, celebrano il World Blood Donor Day. L’evento serve a ringraziare i donatori volontari e non remunerati per il loro ‘dono salvavita’, e per far crescere la consapevolezza della necessità di donazioni di sangue regolari per assicurare la qualità, la sicurezza e la disponibilità del sangue e dei prodotti derivati per i pazienti che ne hanno bisogno. Quest’anno in occasione della giornata il Centro Nazionale Sangue ha organizzato una campagna diretta in maniera particolare alla sensibilizzazione dei giovani. La conferenza stampa, che si svolgerà all’Auditorium “C. Piccinno” del Ministero della Salute in Lungotevere Ripa 1, sarà l’occasione per presentare, oltre ad alcune iniziative legate alla Giornata Mondiale, i numeri aggiornati del sistema sangue italiano.

Programma:
modera Aldo Ozino Caligaris, coordinamento CIVIS
Giancarlo Maria Liumbruno, direttore generale del Centro Nazionale Sangue – I numeri del sistema sangue e le iniziative del ministero della Salute
Paolo Monorchio, referente nazionale sangue CRI e portavoce CIVIS – Il punto di vista dei donatori
Tony Sacca, presidente United – Federazione Italiana Thalassemie, Emoglobinopatie Rare e Drepanocitosi – Le necessità dei pazienti talassemici
Filippo Cristoferi, Associazione Immunodeficienze primitive – Le necessità dei pazienti che dipendono dai plasmaderivati
Conclusioni: Giulia Grillo, ministro della Salute (Invitata)

NB: L’accesso alla sala è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

Matera capitale del dono del sangue

Una giornata di sole e una Matera calorosa hanno accolto oltre 5500 donatori di sangue provenienti da tutta Italia per la 38ma Giornata del donatore FIDAS. Dopo le due giornate congressuali, una domenica di festa: un corteo lungo oltre un chilometro ha attraversato la città e in piazza Vittorio Veneto è stato accolto da Monsignor Pino Caiazzo, vescovo di Matera-Irsina che ha celebrato la santa Messa. Al termine il passaggio di consegne. Il presidente di FIDAS Basilicata Pancrazio Toscano ha passato il testimone a Carla Buzzelli, presidente di FIDAS Valle d’Aosta che accoglierà il Congresso nazionale FIDAS nel 2020. “Grazie ai donatori FIDAS che oggi hanno raggiunto Matera in rappresentanza dei 450mila donatori di sangue FIDAS che quotidianamente contribuiscono all’autosufficienza nazionale di sangue e plasmaderivati – ha sottolineato il presidente nazionale Aldo Ozino Caligaris – Grazie agli straordinari amici della FIDAS Basilicata per la calorosa accoglienza e per l’impeccabile organizzazione di queste giornate. Grazie alle autorità presenti e a quanti hanno reso possibile una giornata di festa. Non ci stancheremo mai di ricordare l’importanza del dono anonimo, volontario e gratuito”.

On line il nuovo numero di NOI IN FIDAS – Speciale 60mo

On line il nuovo numero di NOI IN FIDAS, il trimestrale della FIDAS. Al centro del numero i 60 anni della Federazione: gli eventi a partire dalla conferenza stampa di presentazione al FIDASTour che sta attraversando l’Italia, alla nuova campagna di comunicazione “Metti in circolo l’energia” e tanto altro.

È possibile sfogliare il nuovo NOI IN FIDAS al link https://issuu.com/noi_in_fidas/docs/noiinfidas_1-2019 . oppure scaricarlo in formato PDF http://fidas.it/periodico/NOIinFIDAS_1-2019.pdf

 

5×1000 pubblicati gli elenchi 2017. FIDAS ringrazia i propri sostenitori.

Il 26 marzo scorso l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato gli elenchi per la destinazione del 5 per mille 2017. Si tratta delle preferenze espresse dai contribuenti nella dichiarazione dei redditi 2017 sull’anno d’imposta 2016. L’elenco degli ammessi comprende 54.276 enti, suddivisi per categoria: in cima alla classifica gli enti del volontariato (44.468), a seguire le associazioni sportive dilettantistiche (9.166), gli enti impegnati nella ricerca scientifica (458), quelli che operano nel settore della sanità (107) e gli enti dei beni culturali e paesaggistici (77). Sono presenti anche 8.004 Comuni. Gli enti ammessi sono circa 3.500 in meno rispetto all’edizione 2016.

“Vogliamo ringraziare quanti hanno scelto di destinare il 5×1000 alla FIDAS e alle 72 Associazioni federate attive su tutto il territorio nazionale – commenta il presidente nazionale FIDAS Aldo Ozino Caligaris. – Si tratta di un gesto importante che permette di sostenere le attività di promozione del dono del sangue e di sensibilizzazione verso corretti stili di vita”.

Gli elenchi dei beneficiari è consultabile sul sito dell’Agenzia dell’Entrate.