sistema sangue

Aggiornamento misure di prevenzione ZIKAV e segnalazione causo autoctono

Alla luce delle indicazioni fornite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dall’European Centre Disease and Control – ECDC sulle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale dell’infezione ZIKAV, si comunicano i cambiamenti apportati alle disposizioni di cui alle precedenti circolari emesse dal Centro Nazionale Sangue.

Nello specifico, si rappresenta che il criterio di sospensione temporanea per 28 giorni si applica per i donatori che riferiscano un rapporto sessuale con partner maschile con infezione documentata o sospetta (comparsa di sintomatologia compatibile con infezione da ZIKAV) oppure che abbia viaggiato o soggiornato in aree con trasmissione attiva dello ZIKAV nei 3 mesi precedenti (anziché “nei 6 mesi precedenti”) il predetto rapporto.

Inoltre, è introdotto il criterio di sospensione temporanea per 28 giorni per i donatori che riferiscano un rapporto sessuale con partner femminile con infezione documentata o sospetta (comparsa di sintomatologia compatibile con infezione da ZIKAV) oppure che abbia viaggiato o soggiornato in aree con trasmissione attiva dello ZIKAV nei 2 mesi precedenti il predetto rapporto.

Con la presente, si comunica anche che, sul sito dell’European Centre Disease and Control – ECDC, è segnalato un caso autoctono confermato di infezione da ZIKAV nel dipartimento del Var (Francia).

Si raccomanda, pertanto, di:
– rafforzare le misure di sorveglianza sui possibili casi importati attivando la sorveglianza anamnestica del donatore di sangue per viaggi nell’area interessata;
– applicare il criterio di sospensione temporanea per 28 giorni dal rientro per i donatori che abbiano soggiornato nell’area interessata;
– applicare il criterio di sospensione temporanea per 28 giorni dopo l’ultimo rapporto sessuale per i donatori che riferiscano un rapporto sessuale con partner maschile con infezione documentata o sospetta (comparsa di sintomatologia compatibile con infezione da ZIKAV) oppure che abbia viaggiato o soggiornato nell’area interessata nei 3 mesi precedenti il predetto rapporto;
– applicare il criterio di sospensione temporanea per 28 giorni dopo l’ultimo rapporto sessuale per i donatori che riferiscano un rapporto sessuale con partner femminile con infezione documentata o sospetta (comparsa di sintomatologia compatibile con infezione da ZIKAV) oppure che abbia viaggiato o soggiornato nell’area interessata nei 2 mesi precedenti il predetto rapporto;
– applicare il criterio di sospensione temporanea per 120 giorni dalla risoluzione dei sintomi per i donatori con anamnesi positiva per infezione da ZIKAV (infezione documentata oppure comparsa di sintomatologia compatibile con infezione da ZIKAV);
– sensibilizzare i donatori ad informare il Servizio trasfusionale di riferimento in caso di comparsa di sintomi compatibili con infezione da ZIKAV oppure in caso di diagnosi d’infezione da ZIKAV nei 14 giorni successivi alla donazione (post donation information).

I Responsabili delle Strutture regionali di coordinamento per le attività trasfusionali sono invitati a dare tempestiva attuazione alle suddette indicazioni, informando puntualmente i singoli Servizi trasfusionali operanti nelle Regioni/Provincie autonome di rispettiva competenza, anche per gli aspetti inerenti alla raccolta di cellule staminali emopoietiche da sangue venoso periferico, e le Banche di sangue cordonale.

Il Centro Nazionale Sangue aggiornerà le presenti indicazioni in relazione all’evoluzione della situazione epidemiologica nazionale e internazionale.