Pubblicato lo schema tipo di convenzione con il Ministero della Difesa

Nella Gazzetta Ufficiale del 14 marzo 2019 è stato pubblicato il decreto 31 dicembre 2018 recante “Schema-tipo di convenzione tra regioni, province autonome e Ministero della difesa, ai sensi dell’articolo 205, comma 4, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66.”.

Con la pubblicazione di quest’ultimo provvedimento termina il lungo percorso di elaborazione dei decreti attuativi previsti dalla Legge 219 del 2005.

D.M. 31.12.2018_Schema tipo convenzioe Regioni MinDifesapdf

Sospensione dei provvedimenti per la prevenzione della trasmissione dell’infezione da virus Dengue

Il Centro nazionale sangue comunica che, in considerazione delle attuali evidenze epidemiologiche e dell’andamento climatico e meteorologico stagionale, sono sospese le misure di prevenzione, della trasmissione trasfusionale dell’infezione da virus Dengue per tutti i territori continentali di Francia e Spagna.

Si precisa tuttavia che rimangono in vigore le analoghe misure per i territori francesi dell’Ile de la Réunion, Guadalupa e Saint-Martin dove persiste la segnalazione di casi autoctoni di infezione.

Nell’area Documenti dal CNS la comunicazione completa.

Pubblicati i rapporti ISTISAN sul Sistema Trasfusionale in Italia

L’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato i volumi “Sistema trasfusionale italiano 2016: dati di attività, emovigilanza e sorveglianza epidemiologica” e “Infezione da virus dell’epatite E nei donatori di sangue (Italia, 2016-2017)”.

I dati relativi alle attività trasfusionali sono infatti fondamentali per valutare la complessiva risposta della rete ai fabbisogni assistenziali dei bacini di utenza di riferimento e allo stesso tempo sono uno strumento imprescindibile nell’attività di programmazione strategica, del coordinamento e del miglioramento costante del Sistema sangue. Il volume  “Sistema trasfusionale italiano: dati di attività, emovigilanza e sorveglianza epidemiologica” prende in esame i dati relativi al 2016 ed è curato da Liviana Catalano, Vanessa Piccinini, Ilaria Pati, Francesca Masiello, Giuseppina Facco, Giuseppe Marano, Simonetta Pupella, Giancarlo Maria Liumbruno.

Il rapporto “Infezione da virus dell’epatite E nei donatori di sangue” prende in esame i casi di infezione di uno dei virus dell’epatite che registra, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità oltre 20 milioni di casi ogni anno e 44 mila decessi. In particolare analizza la situazione italiana nel biennio 2016-2017. Il volume è curato da Enea Spada, Simonetta Pupella, Giulio Pisani, Roberto Bruni, Stefania Taffon, Stefano Boros, Roberta Urciuoli, Paola Chionne, Elisabetta Madonna, Umbertina Villano, Matteo Simeoni, Sara Fabi, Daniela Adriani, Giuseppe Marano, Cinzia Marcantonio, Patrizio Pezzotti, Anna R. Ciccaglione, Giancarlo M. Liumbruno.

Scarica il Rapporto 18-18_Sistema Trasfusionale Italiano 2016

Scarica il Rapporto 18-19_Infezione da virus dell’epatite E nei donatori di sangue

Sospese le misure di prevenzione West Nile Virus

Il Centro Nazionale Sangue comunica che ad oggi non sono pervenute segnalazioni relative a casi umani di infezione da West Nile Virus (WNV) con date inizio sintomi/diagnosi successive al 31 ottobre 2018 (inclusi casi possibili/probabili) e di segnalazioni di positività entomologica e veterinaria successive alla prima settimana di novembre u.s.

Sono quindi sospese, a far data dal 1 dicembre 2018, le misure di prevenzione nazionali e locali, compresi i provvedimenti riguardanti i paesi esteri, finalizzate alla prevenzione della trasmissione trasfusionale dell’infezione West Nile Virus.

In considerazione delle persistente circolazione del WNV in Canada e negli Stati Uniti, si ricorda che ai donatori che vi abbiano soggiornato in qualunque momento dell’anno, deve essere applicato il criterio di sospensione di 28 giorni dal rientro.

La comunicazione completa del CNS è disponibile nell’area DOCUMENTI DAL CNS

Nuovi aggiornamenti Dengue, WNV e Malaria

In seguito alle segnalazioni dell’European Center Disease and Control (ECDC) relativa a casi autoctoni confermati di malaria in alcune municipalità della Grecia, nonché di un caso di virus Dengue in Francia e di casi di West Nile Virus in Serbia, Ungheria, Bulgaria e nell’isola di Cipro, il Centro nazionale Sangue ha trasmesso le indicazioni relative alle misure di prevenzione.

Nell’area Documenti/Documenti dal CNS è possibile trovare tutti gli aggiornamenti in merito.

Aggiornamenti misure di prevenzione WNV in Francia

A seguito della segnalazione sul sito dell’European Centre Disease and Control – ECDC di casi confermati di malattia da WNV nel dipartimento dei Pirenei Orientali e nel dipartimento della Corsica del Sud (Francia), si richiama l’applicazione, per i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nelle aree indicate, di quanto disposto in merito dal decreto ministeriale 2 novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”.

Tuttavia, sembra quanto mai opportuno, al fine di garantire il mantenimento dell’autosufficienza in emocomponenti nel periodo estivo, durante il quale si registrano le più significative variazioni infra-annuali della raccolta di emocomponenti, sottolineare che il provvedimento di esclusione temporanea per “28 giorni dopo aver lasciato, dopo aver soggiornato almeno una notte, un’area a rischio per l’infezione da virus del Nilo occidentale documentato attraverso idonei sistemi di sorveglianza epidemiologica (…) non si applica nel caso in cui sia eseguito, con esito negativo, il test dell’acido nucleico (NAT), in singolo”.

Per quanto sopra, con riferimento alla nota del Centro nazionale sangue prot. n. 1251.CNS.2018 del 6 giugno 2018, si raccomanda di utilizzare il test WNV NAT quale alternativa al provvedimento di sospensione temporanea per 28 giorni dei donatori che hanno trascorso almeno una notte nelle aree interessate.

Misure di prevenzione West Nile Virus nella provincia BAT

A seguito del riscontro di una positività per West Nile Virus (WNV), confermata dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “Giuseppe Caporale” (IZSAM), in equidi allevati nel comune di Trinatopoli (provincia di Barletta, Andria e Trani – BAT), si richiama l’applicazione, per i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella suddetta provincia, di quanto disposto in merito dal decreto ministeriale 2 novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”.
Tuttavia, sembra quanto mai opportuno, al fine di garantire il mantenimento dell’autosufficienza in emocomponenti nel periodo estivo, durante il quale si registrano le più significative variazioni infra-annuali della raccolta di emocomponenti, sottolineare che il provvedimento di esclusione temporanea per “28 giorni dopo aver lasciato, dopo aver soggiornato almeno una notte, un’area a rischio per l’infezione da virus del Nilo occidentale documentato attraverso idonei sistemi di sorveglianza epidemiologica (…) non si applica nel caso in cui sia eseguito, con esito negativo, il test dell’acido nucleico (NAT), in singolo“.
Per quanto sopra, con riferimento alla nota del Centro nazionale sangue del 6 giugno 2018, si raccomanda di utilizzare il test WNV NAT quale alternativa al provvedimento di sospensione temporanea per 28 giorni dei donatori che hanno trascorso almeno una notte nelle aree interessate.

Misure di prevenzione virus Dengue in Spagna

A seguito dell’odierna segnalazione sul sito dell’European Centre Diseuse and Control — ECDC, di casi autoctoni confermati di infezione da virus Dengue (DENV) nella regione di Murcia e nella provincia di Cadice (Spagna), il Centro nazionale sangue raccomanda di:

  • rafforzare le misure di sorveglianza sui possibili casi importati attivando la sorveglianza anamnestica del donatore di sangue per viaggi nell’area interessata;
  • applicare il criterio di sospensione temporanea per 28 giorni dal rientro per i donatori che abbiano soggiornato nell’area interessata;
  • applicare il criterio di sospensione temporanea per 120 giorni dalla risoluzione dei sintomi per i donatori con anamnesi positiva per infezione da DENV (infezione documentata oppure comparsa di sintomatologia compatibile con infezione da DENV;
  • sensibilizzare i donatori ad informare il Servizio trasfusionale di riferimento in caso di comparsa di sintomi compatibili con infezione da DENV nei 14 giorni successivi alla donazione (post donation information).

I responsabili delle Strutture regionali di Coordinamento per le Attività Trasfusionali sono invitati a dare tempestiva attuazione alle suddette indicazioni informando puntualmente i singoli Servizi trasfusionali operanti nelle Regioni/Province autonome di rispettiva competenza, nonché le banche di sangue cordonale ove presenti.