Giornata dei pazienti affetti da drepanocitosi: il sangue donato, un farmaco salva-vita

Si celebra oggi, 19 giugno, la giornata mondiale dei pazienti affetti da drepanocitosi (o più comunemente conosciuta come “anemia falciforme”).

I pazienti affetti da drepanocitosi presentano un’anomalia dei globuli rossi, i quali assumono una forma a falce (da qui il nome “anemia falciforme”), divenendo estremamente rigidi e fragili. Il sangue ricco di globuli rossi a falce diventa più denso comportando un rallentamento del flusso sanguigno. Ciò causa una carenza di ossigeno e la falcizzazione di altri globuli rossi. Per questo motivo i pazienti affetti da drepanocitosi necessitano di terapia trasfusionale.

I dati presentati dal Centro Nazionale Sangue nel 2019 evidenziano come siano 1.275 i pazienti affetti da drepanocitosi in Italia. Le trasfusioni di sangue rappresentano per questi pazienti un vero e proprio farmaco salva vita.

“Tornate a donare sangue”: l’invito di Mario Venuti

“Stiamo tutti lottando contro il Covid-19. Però nel frattempo le riserve di sangue scarseggiano. Quindi è molto importante che voi torniate a donare sangue”. Così il cantautore siciliano Mario Venuti, nello spot che sarà diffuso sui media nazionali dalla Federazione italiana talassemia, drepanocitosi e anemie rare UNITED Onlus, in collaborazione con il CNS (Centro Nazionale Sangue) e il CIVIS (il coordinamento interassociativo dei volontari italiani del sangue di cui la FIDAS fa parte insieme ad AVIS, Croce Rossa Italiana e Fratres).
Il messaggio è rivolto a tutti i donatori di sangue affinché, anche in un momento così difficile, non facciano mancare il loro fondamentale apporto in ordine a una risorsa preziosa e indispensabile per quei pazienti che sono costretti a effettuare trattamenti trasfusionali periodici.
L’artista siciliano ricorda che è possibile continuare a donare in tutta sicurezza, nel rispetto delle disposizioni dei Decreti per il contenimento dell’emergenza da Coronavirus, prenotando un appuntamento nei consueti centri di raccolta del sangue e portando con sé il tesserino di donatore, l’autocertificazione e la conferma della prenotazione. Chi si reca a donare, infatti, non è soggetto alle restrizioni imposte alla mobilità per contenere il contagio.

Venuti e SavaLo spot, realizzato con il coordinamento e la regia di Giuseppe Savarino (Sava&Sava), dura circa 30 secondi e sarà trasmesso da oggi, 24 marzo, sui principali canali televisivi italiani. È stato girato con la generosa collaborazione di Mario Venuti all’interno della sua abitazione, nel massimo rispetto dei protocolli di sicurezza evitando le riprese in esterna.

Il messaggio veicolato dallo spot va a rafforzare gli appelli lanciati in coro, nei giorni scorsi, dalle associazioni di donatori sulla mancanza di sangue negli ospedali italiani. Già in un precedente comunicato, il Presidente della United Onlus Raffaele Vindigni, aveva fatto appello al senso di responsabilità dei donatori: “Chiediamo a tutti i cittadini italiani – si legge – un atto di fiducia e responsabilità: andate a donare il sangue presso i Presidi Ospedalieri o attraverso i canali delle Associazioni dei Donatori. Chiediamo, inoltre, a chi può di iniziare a donare ora, per garantire continuità alle terapie salvavita anche nelle zone maggiormente colpite dall’epidemia di Coronavirus”.

La United Onlus è nata nel 2012 per dare rappresentanza unitaria alle organizzazioni locali e regionali a tutela dei pazienti affetti da Talassemia, Drepanocitosi e anemie rare dinanzi alle Istituzioni nazionali e internazionali e allo scopo di fornire loro e alle rispettive famiglie un’assistenza globale, tutelandone il diritto alla salute, all’accesso alle cure, alla parità sociale, alle opportunità di lavoro.

La FIDAS coglie l’occasione per ricordare l’importanza fondamentale della prenotazione della donazione al fine di evitare inutili attese o possibili assembramenti, ma anche per permettere agli operatori sanitari e i volontari delle Associazioni di effettuare un pre-triage telefonico a tutela della salute di tutti. Prenotare la propria donazione è una scelta di responsabilità importante sempre, in quanto consente di monitorare con maggior consapevolezza la disponibilità delle unità di sangue e dei singoli gruppi sanguigni al fine di garantire una costante presenza e prevenire possibili periodi di carenza degli stessi. 

Guarda lo spot di Mario Venuti.