istituzionali

Carenza sangue: l’invito a donare del CNS e del CIVIS

Con l’avvicinarsi del mese di agosto iniziano le segnalazioni di carenze di sangue in diverse regioni. È quanto segnala il Centro nazionale sangue, che invita chi può ad andare a donare prima di partire per le vacanze.
Tutte le informazioni su come fare, ma anche per fugare eventuali dubbi sono sul nuovo portale realizzato con il Ministero della Salute all’indirizzo www.donailsangue.salute.gov.it.
L’appello vale per tutto il territorio nazionale, anche perché l’autosufficienza è garantita anche dalla compensazione tra regioni, per cui chi raccoglie di più dona a chi è carente. “In questi ultimi giorni anche regioni che solitamente raccolgono più sangue di quello che consumano hanno invece qualche problema a garantire la compensazione”, spiega il direttore del CNS Giancarlo Maria Liumbruno.

“A rischio – continua – ci sono terapie salvavita, considerando ad esempio che per un paziente leucemico servono otto donatori a settimana o che le talassemie e le altre emoglobinopatie assorbono circa il 10% delle unità raccolte sul territorio nazionale. A rischio anche gli interventi chirurgici: ad esempio per un trapianto cuore-polmoni possono essere usate fino a 30-40 sacche di sangue”. Il consiglio è quindi, per chi ha i requisiti, di andare a donare approfittando degli ultimi giorni prima delle ferie.

Sul portale, presentato insieme ad una campagna informativa diretta ai più giovani in occasione della Giornata mondiale del donatore di sangue del 14 giugno, sono presenti tutte le indicazioni dei centri dove è possibile donare, delle caratteristiche che deve avere il donatore e degli esami che vengono effettuati al momento della donazione.
Alcune infografiche sfatano anche i falsi miti più diffusi, come quello secondo cui chi ha un tatuaggio è sospeso definitivamente. Per far fronte alle carenze si sono attivate anche le associazioni, che stanno invitando gli iscritti a recarsi a donare.
“I pazienti purtroppo non vanno in vacanza “, sottolinea il portavoce del Civis, il coordinamento delle associazioni e federazioni nazionali dei donatori di sangue (AVIS, Croce Rossa Italiana, FIDAS e Fratres), Paolo Monorchio. “I cittadini sanno rispondere consapevolmente e responsabilmente agli appelli, tuttavia è importante comprendere che la vera sfida del sistema è assicurare quotidianamente e in ogni periodo dell’anno le disponibilità di sangue ed emocomponenti che garantiscono gli oltre ottomila eventi trasfusionali ogni giorno effettuati nel Paese”, conclude.