Papa Francesco nel WBDD: “La donazione del sangue, un’occasione di solidarietà per la società”

Papa Francesco si è unito alle celebrazioni del 14 giugno, affermando oggi, dopo l’Angelus trasmesso in diretta dal programma televisivo “A Sua Immagine” come questa giornata rappresenti un’occasione di solidarietà per la società.

Oggi ricorre la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue. – afferma il Pontefice –  È un’occasione per stimolare la società ad essere solidale e sensibile a quanti hanno bisogno. Saluto i volontari presenti ed esprimo il mio apprezzamento a tutti coloro che compiono questo atto semplice ma molto importante di aiuto al prossimo: donare sangue”.

Il messaggio del Presidente Nazionale FIDAS in occasione del WBDD2020

Il messaggio di Giovanni Musso, Presidente Nazionale FIDAS, in occasione del World Blood Donor Day 2020:

WBDD2020“La Giornata Mondiale del Donatore che ricorre ogni anno il 14 giugno, è un appuntamento importante per i donatori di sangue, soprattutto nel nostro Paese dove migliaia di persone in modo volontario, responsabile, periodico, anonimo e gratuito compiono l’importante gesto della donazione del sangue con grande generosità ed altruismo.
Il World Blood Donor Day rappresenta l’occasione per ringraziare, ogni anno, i milioni di donatori di tutto il mondo che consentono di raccogliere oltre 117 milioni di unità di sangue ogni anno contribuendo a salvare milioni di vite umane.
Obiettivo di questa ricorrenza è sensibilizzare non solo i cittadini, ma anche i Governi e i servizi sanitari affinché adottino politiche di promozione e difesa del dono volontario, non retribuito, periodico, associato, responsabile e anonimo. Valori imprescindibili per garantire sangue ed emoderivati con elevati standard di qualità e sicurezza.
Quest’anno l’organizzazione della Giornata Mondiale del Donatore era affidata all’Italia e si sarebbe dovuta tenere a Roma, ma a causa dell’emergenza sanitaria che tutti noi conosciamo questo importante appuntamento è stato rinviato, rinvio ovviamente necessario per garantire la sicurezza dei partecipanti, anche considerando il fatto che erano previsti ospiti da tutta Italia e anche da diversi Paesi esteri, ma si sta già lavorando all’edizione 2021 che l’OMS ha deciso di lasciare al nostro Paese.
Mi auguro che anche se in maniera virtuale i festeggiamenti del 14 giugno quest’anno possano valorizzare ancora di più il sistema sangue italiano, che anche in questo momento così complesso è riuscito a garantire le terapie salvavita a oltre 1800 pazienti al giorno”.

“Sicuro”, la Campagna Nazionale FIDAS per la Giornata Mondiale del Donatore

Safe Blood Saves Life” è lo slogan scelto quest’anno dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per celebrare la Giornata Mondiale del Donatore di sangue.

Il tema della sicurezza, che in questi mesi tutti noi abbiamo riscoperto essere fondamentale in ogni azione del nostro quotidiano, diventa dunque il tema centrale per la riflessione svolta in questi giorni sui canali social della FIDAS Nazionale e delle Federate presenti in tutta Italia. Facendo ricorso all’Enciclopedia Treccani e alla definizione di “Sicuro”, abbiamo potuto notare le diverse sfumature del termine.

Sicuro: detto di persona della quale ci si può fidare“, ma anche “con complemento indicante il pericolo da cui si è lontani” e ancora “con significato attenuato, senza preoccupazioni, di chi ha predisposto ogni cosa e non teme sorprese“. 

L’idea della campagna lanciata da FIDAS è quella di comunicare come ci sia un semplice gesto (la donazione del sangue) che non solo è sicuro e
preserva la sicurezza del donatore attraverso il monitoraggio della sua salute, ma che ha un ulteriore valore aggiunto: quello di renderci compartecipi della salute di altri. Siamo noi, in quest’ottica, a poter contribuire alla sicurezza e alla salute di altre persone.

Tutte le grafiche sono visibili sulle pagine social: facebook, instagram e twitter, condividiamo insieme #SafeBloodSavesLife.