CNS: Indicazioni sulle prestazioni relative all’idoneità alla donazione

A seguito di alcuni quesiti pervenuti al Centro Nazionale Sangue in merito alle condizioni di erogabilità e alle modalità prescrittive delle prestazioni relative all’accertamento dell’idoneità alla donazione del sangue e degli emocomponenti, il Comitato direttivo del Centro Nazionale Sangue ha ritenuto necessario, nel rispetto dei livelli di autonomia organizzativa delle Regioni e Province Autonome, produrre il  seguente documento scaricabile: Documento prestazioni accertamento idoneità donatori.

Nel fornire il quadro normativo e le indicazioni generali sul tema, si intende contribuire ad una semplificazione delle procedure attualmente in essere e al superamento del problema più volte riscontrato della corretta imputazione dei costi correlati alle indagini in oggetto.

Nel merito si ricorda che i costi delle prestazioni relative all’accertamento dell’idoneità alla donazione del sangue e degli emocomponenti (come tutti gli altri costi correlati) sono compresi all’interno delle relative tariffe vigenti e, pertanto, si ritiene debbano gravare sull’Azienda sanitaria sede del Servizio trasfusionale di riferimento (anche quando la donazione avviene presso l’Unità di raccolta convenzionata). Nessun addebito è previsto per il donatore, ai sensi del D. Legislativo n. 124 del 29 aprile 1198.

Si ritiene che, comunque, l’attività in oggetto debba essere rilevata da parte delle Aziende sanitarie che erogano le prestazioni, ma non debba essere inserita nel flusso informativo ASA (Assistenza Specialistica Ambulatoriale) né in quello della mobilità sanitaria.

Infine, si sottolinea che il miglioramento delle condizioni generali di prenotabilità e gestione complessiva delle prestazioni in oggetto contribuisce a facilitare l’accesso dei donatori alle stesse e promuove, quindi, l’autosufficienza del sangue e dei suoi prodotti.

Proroga delle misure di prevenzione WNV 2019

Misure di prevenzione WNV – Provincia di Savona

A seguito del riscontro di positività per West Nile Virus (WNV) in un esemplare di avifauna nel comune di Albenga (provincia di Savona), confermato dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale” (IZSAM), la Struttura Regionale di Coordinamento per le attività trasfusionali della Regione Liguria, ha disposto l’introduzione del test NAT per WNV sulle donazioni di sangue ed emocomponenti raccolte nella predetta area.
Si richiama, pertanto, l’applicazione, per i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella provincia di Savona, di quanto disposto in merito dal decreto ministeriale 2 novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”.
Con riferimento alla circolare del Centro Nazionale Sangue Prot. n. 1419.CNS.2019 “Indicazioni per la sorveglianza e la prevenzione della trasmissione del West Nile Virus e Usutu mediante la trasfusione di emocomponenti labili nella stagione estivo-autunnale 2019” del 31 maggio 2019, si raccomanda di utilizzare il test WNV NAT quale alternativa al provvedimento di sospensione temporanea per 28 giorni dei donatori che hanno trascorso almeno una notte nell’area interessata.
I Responsabili delle Strutture regionali di coordinamento per le attività trasfusionali sono invitati a dare tempestiva attuazione alle suddette indicazioni, informando puntualmente i singoli Servizi trasfusionali operanti nelle Regioni/Province autonome di rispettiva competenza, anche per gli aspetti inerenti alla raccolta di cellule staminali emopoietiche da sangue venoso periferico, e le Banche di sangue cordonale.
Il Centro nazionale sangue aggiornerà le presenti indicazioni in relazione all’evoluzione della situazione epidemiologica nazionale e internazionale.

Proroga delle misure di prevenzione della trasmissione del West Nile Virus

A integrazione della circolare Prot. n. 1419 CNS 2019 del 31/05/2019 recante Indicazioni per la sorveglianza e la prevenzione trasmissione del West Nile Virus e Usutu mediante la trasfusione di emocomponenti labili nella stagione estivo-autunnale 2019, in considerazione delle attuali evidenze epidemiologiche e dell’andamento climatico e metereologico stagionale, si comunica che tutti i provvedimenti finalizzati alla prevenzione della trasmissione dell’infezione da WNV mediante la trasfusione di emocomponenti labili restano in essere fino alla data del 30 novembre 2019, ivi inclusi i provvedimenti relativi ai territori esteri compresi nelle segnalazioni della stagione estivo-autunnale 2019.

Si rammenta che ai donatori che abbiano soggiornato negli USA e in Canada in qualunque momento dell’anno si applica il criterio di sospensione per 28 giorni dal rientro.

I Responsabili delle Strutture regionali di coordinamento per le attività trasfusionali sono invitati a dare tempestiva attuazione alle suddette indicazioni, informando puntualmente i singoli Servizi trasfusionali operanti nelle Regioni/Province autonome di rispettiva competenza, anche per gli aspetti inerenti alla raccolta di cellule staminali emopoietiche da sangue venoso periferico, e le Banche di sangue cordonale.

Il Centro Nazionale Sangue aggiornerà le presenti indicazioni in relazione all’evoluzione della situazione epidemiologica nazionale e internazionale.