1+x=7 la matematica è un’opinione

1+x=7 la matematica è un'opinione - 5“Donare è una scelta naturale” è il titolo della campagna di comunicazione lanciata dal Centro Nazionale Trapianti in collaborazione col Ministero della Salute in occasione della 24ma Giornata nazionale della donazione e del trapianto di organi e tessuti. Obiettivo della campagna è promuovere una corretta informazione e sfatare falsi miti che ancora ostacolano la donazione di organi. “La matematica è un’opinione. 1+X=7” è uno degli slogan della campagna. Un’equazione valida in tema di donazione di organi: basta infatti la propria firma per poter salvare fino a 7 vite.

In Italia i pazienti in lista di attesa per un trapianto sono 8.291, dei quali il 52% ha tra i 40 e i 60 anni. I pazienti pediatrici sono ben 202. Il più giovane ha appena 7 mesi ed è in attesa di ricevere un trapianto di cuore.

L’Italia è un’eccellenza in Europa per quanto riguarda il numero di donazioni e di interventi eseguiti. Nell’anno della pandemia i trapianti hanno registrato un calo contenuto, a dimostrazione della solidità del sistema. Nonostante questi elementi positivi, la disponibilità alla donazione è inferiore rispetto alla necessità: nel 30% circa dei casi non si può procedere al prelievo degli organi a causa di un “no” registrato in vita o rilasciato dai familiari. Per ogni opposizione alla donazione, si calcolano circa 2.5 mancati trapianti. Per questi motivi è importante informarsi e dichiarare la propria volontà attraverso uno dei tanti modi previsti dalla legge:

  • Presso l’ufficio anagrafe del proprio Comune, al momento del rinnovo o del rilascio della carta d’identità
  • Presso la ASL del proprio territorio, presso lo sportello dedicato, richiedendo e firmando l’apposito modulo
  • Iscrivendosi all’Associazione Italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule (AIDO)

Il direttore del Centro Nazionale Trapianti, Massimo Cardillo, dichiara: “I pazienti in lista d’attesa sono ancora troppi e l’unico modo per dare il prima possibile una speranza di guarigione a queste persone è incrementare il numero delle donazioni di organi”.

Scopri di più sulla donazione di organi e tessuti.

 

1+x=7 la matematica è un'opinione - 4

Tempio Internazionale del donatore OdV – 1° posto nella classifica regionale

Il Tempio Internazionale del donatore di Pianezze di Valdobbiadene (Tv) ha conquistato il 1° posto nella classifica regionale dei luoghi del cuore. Lo ha annunciato ieri, 25 febbraio 2021, il FAI (Fondo Ambiente Italiano) nella conferenza stampa di presentazione dei vincitori della X edizione nazionale del censimento “I luoghi del cuore”.

Il simbolo per eccellenza del dono si è aggiudicato il 42° posto nella classifica nazionale, il 9° posto nella classifica dei luoghi sopra i 600 metri e il 1° posto nella classifica della Regione Veneto.

Sorto nel 1962 su un luogo martoriato dalla Grande guerra, laddove prima c’era una postazione di cannoni, a 1.070 metri, ai piedi del Monte Cesen, per ricordare alle generazioni future che “il sangue si dona e non si versa”. Per decenni è stato la méta di convegni, manifestazioni e della visita di donatori di sangue e non solo provenienti da tutta Europa. Purtroppo nel 2017 il Tempio è stato chiuso per inagibilità, a causa dei danni causati dal passare del tempo e dalle intemperie. Per farlo rinascere, le associazioni di donatori di sangue FIDAS, FRATRES ed AVIS e di donatori di organi AIDO si sono riunite, costituendo nell’aprile del 2019 l’ODV (Organizzazione di Volontariato) Tempio Internazionale del donatore e avviando una raccolta fondi per il suo restauro. I lavori per il restauro sono iniziati la scorsa estate.

Il dott. Jacopo Pressato, Consigliere Nazionale FIDAS e Vicepresidente dell’OdV Tempio Internazionale del donatore, in merito all’ufficializzazione dei risultati ottenuti dai partecipanti al censimento FAI “I luoghi del cuore” ha dichiarato: “Il Tempio ha totalizzato 7.419 voti risultando al primo posto nella classifica dei luoghi più votati del Veneto e confermando di essere un luogo simbolo per tutti i donatori a livello internazionale, un luogo carico di significato che ci rende orgogliosi. Il nostro Tempio, che è chiuso per inagibilità dal 2017, riaprirà nei prossimi mesi e questa nuova ripartenza la viviamo come segno di rinascita. Voglio ringraziare tutte le associazioni, i volontari e i privati che hanno sostenuto con i loro voti e con il loro contributo economico il nostro luogo del cuore. Il lavoro continua, consapevoli che questo risultato ci dà quell’entusiasmo e quella certezza che la strada intrapresa è quella giusta per rendere orgogliosi i nostri donatori attuali ed onorare la memoria di quelli che ci hanno lasciato. Grazie davvero di cuore“.

classifica tempio internazionale del donatore
La classifica pubblicata dalla pagina Facebook “ODV – Tempio internazionale del donatore”

Indice del Dono 2020: meno consensi al dono

L’indice del dono 2020, il report che analizza ogni anno le dichiarazioni di volontà sulla donazione di organi e tessuti, nel 2020 ha registrato una flessione.

indice del donoNel 2020 le dichiarazioni di volontà registrate nei Comuni italiani sono state 1.730.904, di queste il 66% erano consensuali alla donazione. Si registra un calo del 32% circa rispetto al 2019 a causa del lockdown che ha determinato un rallentamento delle attività nelle amministrazioni locali nel rilascio delle carte d’identità e, di riflesso, delle volontà registrate.

Il 54,6% dei maggiorenni al momento del rinnovano della carta d’identità si esprimono favorevoli alla donazione, ma il tasso di opposizione alla donazione riguarda più di 3 cittadini su 10 che al momento del rinnovo della carta d’identità, si dichiarano contrari alla donazione (34% i “no” censiti nel 2020, che erano solo 32.8% nel 2019).

L’indice del dono 2020 interroga tutte quelle realtà che si impegnano nella promozione del dono – afferma Giovanni Musso, Presidente Nazionale FIDAS – L’aumento dell’opposizione alla donazione di organi e tessuti rappresenta un ostacolo per tutti coloro che sono in attesa di trapianto. Per molti pazienti, adulti ma anche bambini, il trapianto costituisce l’unica speranza di sopravvivenza e di ritorno alla vita. Invito tutti a prendere in considerazione la possibilità di manifestare la propria volontà. Io stesso ho espresso parere favorevole alla donazione degli organi, al momento del rinnovo della carta d’identità. Consultate il sito dell’AIDO, l’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule (aido.it) per trovare risposta ai tanti possibili dubbi sul tema“.

Due anni all’insegna della collaborazione per promuovere il dono

Esattamente due anni fa, il 12 dicembre 2018, veniva sottoscritto un accordo d’intesa che come FIDAS riteniamo fondamentale in vista di una sempre più capillare promozione del dono.

L’accordo d’intesa ha coinvolto, oltre alla FIDAS:

  • AIDO (Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule)
  • ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo)
  • ADISCO (Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale)
  • ADoCeS (Federazione Italiana Associazioni Donatori Cellule Staminali Emopoietiche)
  • FRATRES (Consociazione Nazionale dei Gruppi donatori di sangue)
  • CRI (Associazione della Croce Rossa Italiana – ODV)
  • AVIS (Associazione Volontari Italiani Sangue)

Realtà del volontariato legate al mondo del dono del materiale biologico. Il dono, in tutte le sue forme (donazione di organi, di tessuti, di midollo, di cellule staminali emopoietiche, del cordone ombelicale e del sangue e suoi emocomponenti) può avvenire solamente grazie a donatori e donatrici che responsabilmente e volontariamente fanno dono di sé agli altri.

Obiettivi dell’accordo sono la collaborazione in vista di una promozione della cultura del dono e del volontariato, ma anche dei corretti stili di vita. La sinergia tra le Organizzazioni è ritenuta di grande valore per poter ampliare il bacino dei donatori (specie tra i più giovani) al fine di garantire a tutti i cittadini in attesa di terapie o in liste di attesa, le cure adeguate. Proprio nella collaborazione risiede la possibilità di ottenere risultati importanti e duraturi in questi ambiti.

Il Presidente Nazionale FIDAS, Giovanni Musso, dichiara: «Ritengo sia importante che le federate FIDAS presenti su tutto il territorio nazionale coltivino collaborazioni con altre realtà legate al dono. È importante, per i pazienti in attesa di trapianti, di interventi e della terapia trasfusionale, che chi come noi promuove questi doni sappia collaborare. Insieme si possono raggiungere risultati più importanti, insieme possiamo fare molto di più».

 

Logo AIDO   Logo ADMO  

 

Logo ADISCO

 

Logo ADoCeS

 

 

Logo AVIS

  Logo Croce Rossa Italiana
    Logo Fratres    

 

Tempio Internazionale del Donatore: iniziati i lavori per la ristrutturazione

In queste settimane hanno preso il via i lavori di ristrutturazione e restaurazione del Tempio Internazionale del Donatore. La struttura era stata dichiarata inagibile nel 2017 a causa dei danni provocati dal tempo e dalle intemperie. FIDAS, AVIS, FRATRES e AIDO hanno collaborato per la costituzione dell’Associazione ODV Tempio Internazionale del Donatore, con l’obiettivo di tutelare e salvaguardare questo importante luogo.

Già nelle scorse settimane il FAI – Fondo Ambiente Italiano ha lanciato la campagna “I luoghi del cuore” con l’intento di coinvolgere la popolazione a segnalare e votare i posti simbolo della propria storia. 
I primi tre luoghi in classifica e il vincitore della classifica speciale riceveranno un contributo economico a fronte di un progetto da concordare con il FAI. Il Tempio Internazionale del Donatore è uno dei luoghi che è possibile votare fin da ora, con pochissimi click tramite il sito www.iluoghidelcuore.it o direttamente su bit.ly/tempiodonatore

Al termine del censimento verrà aperto un bando, al quale potranno partecipare tutti i luoghi che avranno raggiunto almeno 2.000 voti. Sarà possibile richiedere un contributo economico o la collaborazione tecnica del FAI in specifici ambiti. “Il Tempio ha svolto negli anni la funzione di sensibilizzazione alla donazione del sangue – commenta il presidente di FIDAS nazionale, Giovanni Musso – e con Aido anche degli organi  e dei tessuti. L’invito è a  votare questo luogo così prezioso”.

Alla precedente iniziativa si aggiunge ora anche la raccolta fondi su base volontaria da parte di tutte le federate FIDAS che possono contribuire alla ristrutturazione del Tempio attraverso una donazione da inviare a mezzo bonifico bancario al seguente IBAN:

Intestazione: ODV TEMPIO INTERNAZIONALE DEL DONATORE
IT96 Z030 6962 1561 0000 0006851
Causale: Contributo lavori di ripristino conservativo del Tempio Internazionale del Donatore

Forum Terzo Settore: il ricordo di Aldo Ozino Caligaris e il benvenuto a tre nuovi soci

Si è svolta on line, il 23 giugno, l’assemblea straordinaria e ordinaria dei soci del Forum Nazionale Terzo Settore.

In apertura la portavoce Claudia Fiaschi ha voluto ricordare i tanti, tra volontari e operatori del terzo settore, che hanno perso la vita in questi mesi a causa del Covid-19 nel nostro Paese.
È stata anche l’occasione per commemorare Aldo Ozino Caligaris, Presidente Nazionale FIDAS e storico amico del Forum.

Claudia Fiaschi nella sua relazione si è soffermata sulle enormi sfide affrontate dal Terzo settore nell’emergenza e sul futuro, sul ruolo determinante che avrà il terzo settore.

Al suo intervento, è seguito quello della Ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, la quale ha dichiarato: “Continuiamo a lavorare per assicurare al Terzo Settore un ruolo centrale nel piano di rilancio del nostro Paese”.

Il Ministro, nel suo intervento, ha ricordato le misure per gli enti del Terzo Settore fortemente volute e promosse dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: “Dal Decreto Cura Italia all’estensione dell’accesso alla cassa integrazione in deroga, dalla sospensione dei versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria, solo per citarne alcune”.

A seguire l’intervento del DG del terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese, Alessandro Lombardi.

Durante l’assemblea è stato approvato l’ingresso di tre nuovi soci all’interno del Forum Terzo Settore:

A Vercelli un convegno su donazione e trapianto

Domenica 8 settembre, si svolgerà a Vercelli, presso la sala “Don Cesare Massa” in Via Galileo Ferraris 2, il convegno “Il percorso dalla donazione al trapianto”. L’appuntamento, organizzato dall’AIDO interprovinciale di Biella e Vercelli, è rivolto alla cittadinanza nonché all’Ordine dei Farmacisti delle provincie di Biella e Vercelli.

Tra i numerosi interventi di professionisti del settore e volontari, ci sarà anche quello del presidente nazionale FIDAS Aldo Ozino Caligaris.

Festa al Tempio internazionale del donatore di Valdobbiadene

Domenica 7 luglio, a Pianezze di Valdobbiadene (TV), si è svolta l’annuale festa del Tempio Internazionale del donatore che si celebra in concomitanza con la festa liturgica del Preziosissimo Sangue di Gesù, patrono del Tempio. Un appuntamento volto quest’anno a celebrare i 40 anni di vita della struttura consacrata nel 1979 su impulso delle associazioni dei donatori di sangue.

All’incontro, oltre ad un’ampia rappresentanza di donatori di sangue di Veneto e Friuli Venezia Giulia, erano presenti i presidenti nazionali di AVIS e FIDAS, Giampietro Briola e Aldo Ozino Caligaris, il vicepresidente FRATRES Vincenzo Manzo, la presidente nazionale AIDO Flavia Petrin, nonché il presidente e il vicepresidente della neocostituita Associazione del Tempio del donatore Gino Foffano e Ivo Baita e le altre componenti dell’organismo incaricato della gestione del Tempio.

Una presenza importante per sostenere e rilanciare il Tempio del Donatore quale luogo della cultura del dono, emblema e simbolo di pace e fratellanza. La struttura, infatti, è chiusa da più di un anno in attesa di importanti lavori di restauro, ma la volontà delle associazioni dei donatori è provvedere in breve tempo al suo ripristino perché torni ad essere un punto di riferimento nell’ambito di un percorso di cultura e di solidarietà.

Sempre ieri è giunta inoltre la gradita notizia annunciata dal ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, che le “colline del prosecco” di Conegliano e Valdobbiadene, dove si trova il Tempio internazionale del donatore, sono state riconosciute Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco grazie alla loro bellezza paesaggistica, culturale e agricola unica. E per i volontari del dono anche un patrimonio di universalità e gratuità.

Ricordiamo che è possibile sostere il Tempio del donatore (e l’ODV Tempio Internazionale del donatore) con una donazione su:
IBAN:  IT28 F030 6962 1561 0000 0000 039
Causale: lavori tempio