“Nuove Radici” l’iniziativa di FIDAS Giovani che regala un albero ai nuovi donatori under 30

Fate come gli alberi: cambiate le foglie, ma conservate le radici. Quindi, cambiate le vostre idee, ma conservate i vostri principi”. Inizia così la nota diffusa da FIDAS Giovani per introdurre l’iniziativa “Nuove Radici”, a cui possono accedere tutti i nuovi donatori under 30 su tutto il territorio nazionale italiano.

Da gennaio grazie alla collaborazione con la piattaforma Treedom, donando sangue ed emocomponenti con FIDAS è possibile ricevere a distanza un albero in omaggio, la cui crescita potrà essere seguita online grazie a fotografie e coordinate GPS.

La nota diffusa da FIDAS Giovani

Di seguito pubblichiamo in versione integrale la nota del gruppo relativa a “Nuove Radici:

“Fate come gli alberi: cambiate le foglie, ma conservate le radici. Quindi, cambiate le vostre idee, ma conservate i vostri principi”.

Riportiamo una frase di Victor Hugo per ricordarci dell’importanza della natura e per celebrarla, nel rispetto della terra e di tutte le creature che la popolano e per contribuire alla salvaguardia e alla tutela delle sue risorse.
Il Coordinamento Giovani FIDAS sulla scia di questo pensiero profondo regala un albero alla prima donazione di giovani tra i 18 e i 30 anni. Questa iniziativa nasce con lo scopo di rinnovarsi come le foglie degli alberi attraverso la donazione di sangue e di emocomponenti, ma al contempo di creare e mantenere radici forti fidelizzando nuovi giovani alla cultura di questo nobile gesto.Roberta Maida, presidente FIDAS Giovani
L’iniziativa in collaborazione con l’azienda Treedom, mira all’educazione civica e al rispetto dell’ambiente, tematica oggi molto sentita. Il giovane donatore ha la possibilità di ricevere una foto e le coordinate GPS del suo albero al momento della messa a terra, e rimanere aggiornato nel tempo sul progetto agroforestale di cui quell’albero fa parte”.

La nota continua: “La FIDAS auspica che questo progetto possa ricordare a tutti quanto un piccolo gesto, come donare il sangue o piantare un albero, possa avere un grande impatto. E come gli alberi che crescono e prosperano rigogliosi su questa terra, ci auguriamo che anche il giovane donatore possa crescere e far crescere la cultura del dono, offrendo alla federazione italiana di associazioni della donazione di sangue sempre nuove foglie che aiutino a migliorare e incrementare il numero di donatori e volontari”. La nota si conclude con una incisiva riflessione: “Tutti insieme possiamo contribuire alla salvaguardia del nostro Pianeta non solo per l’ambiente ma anche per la società”.