Carenza delle scorte di sangue in quattro regioni. Cns e Civis invitano a prenotare la donazione

Il caldo estivo e le vacanze anche quest’anno si riflettono sulla raccolta del sangue: in questi giorni si stanno registrando carenze di sangue in molte regioni, con picchi negativi più marcati nel Lazio, Sardegna, Toscana e Umbria. I dati riportati nella bacheca SISTRA, il Sistema Informativo dei Servizi Trasfusionali che monitora la situazione nazionale, parlano chiaro: a queste quattro regioni se ne affiancano diverse altre che iniziano a registrare segnali preoccupanti. Il Centro Nazionale Sangue e il Civis, il coordinamento delle associazioni dei donatori che riunisce FIDAS, AVIS, Fratres e Croce Rossa Italiana, invitano a programmare la donazione chiamando il centro di raccolta più vicino.

A determinare questa situazione – commenta Vincenzo De Angelis, il nuovo direttore del Centro Nazionale Sangue – è probabilmente l’attuale periodo di vacanza, anche se presumibilmente quest’anno l’epidemia di Covid-19 ha portato molte meno persone a spostarsi. Per fronteggiare questo problema è fondamentale la collaborazione delle Associazioni e Federazioni di donatori, che con il loro contributo possono incentivare su tutto il territorio nazionale le attività di promozione, chiamata e fidelizzazione. Ricordiamo che per poter donare in sicurezza evitando assembramenti è fondamentale prenotare telefonicamente, una procedura che ci permette anche una migliore programmazione della raccolta”.

Dalla bacheca risulta una carenza di circa 400 unità su tutto il territorio nazionale, comprese quelle regioni che normalmente riescono a mettere a disposizione le proprie scorte in eccedenza per compensare le carenze di altre regioni.

Gianpietro Briola, Presidente di AVIS Nazionale e coordinatore pro-tempore del CIVIS, dichiara: “Da sempre l’estate rappresenta un momento dell’anno particolarmente delicato in tema di raccolta di sangue. Ogni giorno in Italia oltre 1.800 persone necessitano di trasfusioni e questo fabbisogno non si ferma mai, neanche ad agosto. In un momento così delicato per tutto il nostro Paese, ognuno può offrire il proprio contributo e fare la differenza, per garantire la continuità di tutto il sistema e dare una risposta adeguata, tempestiva e immediata alle necessità dei pazienti. Anche d’estate doniamo il sangue e gli emocomponenti”.

All’appello si unisce Giovanni Musso, Presidente Nazionale FIDAS: “Come FIDAS abbiamo lanciato nelle scorse settimane la campagna #DonaVita, con la quale vogliamo sottolineare come un gesto semplice, che al donatore richiede un’ora del suo tempo, rappresenti un vero e proprio farmaco salvavita. La nostra campagna, che in questi giorni è presente sui canali social e che continuerà con altre pubblicazioni nei prossimi giorni, intende essere un’esortazione concreta, nel fare la propria parte per aiutare chi necessita di terapie trasfusionali. In questi giorni è veramente fondamentale che chiunque sia in buono stato di salute si mobiliti per prenotare la propria donazione di sangue e magari coinvolga anche parenti e amici: in estate, grazie al maggiore tempo a nostra disposizione, siamo consueti condividere momenti di spensieratezza, un aperitivo, una passeggiata, un film in compagnia. Perché non condividere anche un gesto che può permetterci di tenere sotto controllo la nostra salute e al contempo regalarci la gioia di sapere di aver donato vita?”.

Misure di prevenzione West Nile Virus in provincia di Sassari

A seguito del riscontro di positività per West Nile Virus (WNV) in un esemplare di avifauna nel comune di Tergu, provincia di Sassari, segnalato dall’Osservatorio Epidemiologico Veterinario Regionale della Regione Sardegna, la Struttura di Coordinamento per le attività trasfusionali della Regione Sardegna dispone l’introduzione del test NAT per WNV sulle donazioni di sangue ed emocomponenti raccolte nella predetta provincia.
Si richiama pertanto l’applicazione, per i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella provincia di Sassari, di quanto disposto in merito dal decreto ministeriale 2 novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”.
Con riferimento alla circolare del Centro Nazionale Sangue Prot. n. 1419.CNS.2019 “Indicazioni per la sorveglianza e la prevenzione della trasmissione del West Nile Virus e Usutu mediante la trasfusione di emocomponenti labili nella stagione estivo-autunnale 2019” del 31 maggio 2019, si raccomanda di utilizzare il test WNV NAT quale alternativa al provvedimento di sospensione temporanea per 28 giorni dei donatori che abbiano trascorso almeno una notte nelle aree interessate.
I Responsabili delle Strutture regionali di coordinamento per le attività trasfusionali sono invitati a dare tempestiva attuazione alle suddette indicazioni, informando puntualmente i singoli Servizi trasfusionali operanti nelle Regioni/Province autonome di rispettiva competenza, anche per gli aspetti inerenti alla raccolta di cellule staminali emopoietiche da sangue venoso periferico, e le Banche di sangue cordonale.
Il Centro nazionale sangue aggiornerà le presenti indicazioni in relazione all’evoluzione della situazione epidemiologica nazionale e internazionale.

Misure di prevenzione West Nile Virus in Sardegna

A seguito del riscontro di positività per West Nile Virus (WNV) in esemplari di avifauna nella provincia del Sud Sardegna e Città metropolitana di Cagliari, segnalato dall’Osservatorio Epidemiologico Veterinario Regionale – Regione Sardegna, la Struttura di Coordinamento regionale per le attività trasfusionali della Regione Sardegna ha disposto l’introduzione del test NAT per WNV sulle donazioni di sangue ed emocomponenti raccolte nelle predette province.
Si richiama, pertanto, l’applicazione, per i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella provincia del Sud Sardegna e nella Città metropolitana di Cagliari, di quanto disposto in merito dal decreto ministeriale 2 novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”.
Tuttavia, sembra quanto mai opportuno, al fine di garantire il mantenimento dell’autosufficienza in emocomponenti nel periodo estivo, durante il quale si registrano le più significative variazioni infra-annuali della raccolta di emocomponenti, sottolineare che il provvedimento di esclusione temporanea per “28 giorni dopo aver lasciato, dopo aver soggiornato almeno una notte, un’area a rischio per l’infezione da virus del Nilo occidentale documentato attraverso idonei sistemi di sorveglianza epidemiologica (…) non si applica nel caso in cui sia eseguito, con esito negativo, il test dell’acido nucleico (NAT), in singolo“.
Per quanto sopra, con riferimento alla nota del Centro nazionale sangue del 6 giugno 2018, si raccomanda di utilizzare il test WNV NAT quale alternativa al provvedimento di sospensione temporanea per 28 giorni dei donatori che hanno trascorso almeno una notte nelle aree interessate.

Misure di prevenzione West Nile Virus in provincia di Nuoro

A seguito del riscontro di positività per West Nile Virus (WNV) in pool di zanzare nel comune di Ottana (provincia di Nuoro), segnalato dall’Osservatorio Epidemiologico Veterinario Regionale – Regione Sardegna, la Struttura di Coordinamento regionale per le attività trasfusionali della Regione Sardegna ha disposto l’introduzione del test NAT per WNV sulle donazioni di sangue ed emocomponenti raccolte nella predetta provincia.
Si richiama, pertanto, l’applicazione, per i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella provincia di Nuoro, di quanto disposto in merito dal decreto ministeriale 2 novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”.
Tuttavia, sembra quanto mai opportuno, al fine di garantire il mantenimento dell’autosufficienza in emocomponenti nel periodo estivo, durante il quale si registrano le più significative variazioni infra-annuali della raccolta di emocomponenti, sottolineare che il provvedimento di esclusione temporanea per “28 giorni dopo aver lasciato, dopo aver soggiornato almeno una notte, un’area a rischio per l’infezione da virus del Nilo occidentale documentato attraverso idonei sistemi di sorveglianza epidemiologica (…) non si applica nel caso in cui sia eseguito, con esito negativo, il test dell’acido nucleico (NAT), in singolo”.
Per quanto sopra, con riferimento alla nota del Centro nazionale sangue prot. n. 1251.CNS.2018 del 6 giugno 2018, si raccomanda di utilizzare il test WNV NAT quale alternativa al provvedimento di sospensione temporanea per 28 giorni dei donatori che hanno trascorso almeno una notte nell’area interessata.

Nell’area Documenti dal CNS la comunicazione completa.

Misure di prevenzione West Nile Virus in provincia di Sassari e di Oristano

Il Centro nazionale sangue comunica che a seguito del riscontro di positività per West Nile Virus (WNV) in pool di zanzare nel comune di Alghero (provincia di Sassari) e in esemplare di avifauna (cornacchia) nel comune di Oristano (provincia di Oristano), segnalato dall’Osservatorio Epidemiologico Veterinario Regionale – Regione Sardegna, la Struttura di Coordinamento regionale per le attività trasfusionali della Regione Sardegna ha disposto l’introduzione del test NAT per WNV sulle donazioni di sangue ed emocomponenti raccolte nelle predette province.
Si richiama, pertanto, l’applicazione, per i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nelle province di Sassari ed Oristano, di quanto disposto in merito dal decreto ministeriale 2 Novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”.
Tuttavia, sembra quanto mai opportuno, al fine di garantire il mantenimento dell’autosufficienza in emocomponenti nel periodo estivo, durante il quale si registrano le più significative variazioni infra-annuali della raccolta di emocomponenti, sottolineare che il provvedimento di esclusione temporanea per “28 giorni dopo aver lasciato, dopo aver soggiornato almeno una notte, un’area a rischio per l’infezione da virus del Nilo occidentale documentato attraverso idonei sistemi di sorveglianza epidemiologica (…) non si applica nel caso in cui sia eseguito, con esito negativo, il test dell’acido nucleico (NAT), in singolo”.
Per quanto sopra, con riferimento alla nota del Centro nazionale sangue prot. n. 1251.CNS.2018 del 6 giugno 2018, si raccomanda di utilizzare il test WNV NAT quale alternativa al provvedimento di sospensione temporanea per 28 giorni dei donatori che hanno trascorso almeno una notte nelle aree interessate.

Nell’area Documenti/CNS la comunicazione completa del Centro Nazionale Sangue.

Convegno regionale donazione midollo osseo – Ozieri (SS) 23 settembre

23settebre-OzieriSi svolgerà ad Ozieri (SS) nel teatro civico “Oriana Fallaci” il convegno regionale della Sardegna sulla donazione del midollo osseo. In occasione della manifestazione internazionale “Match it now“, evento nazionale dedicato alla donazione del midollo osseo e delle cellule staminali emopoietiche, il convegno ha l’obiettivo di informare su come, quando e perché donare il midollo osseo.

E in occasione della manifestazione dalle 8.30 alle 12.30 il personale del Servizio Trasfusionale con l’autoemoteca e i volontari della FIDAS Ozieri, saranno a disposizione per la donazione di sangue e il prelievo per la tipizzazione per tutti coloro che decideranno di diventare potenziali donatori di midollo osseo.

Misure di prevenzione West Nile Virus in Sardegna

WNV28luglioIn seguito al riscontro di un caso umano di malattia neuro-invasiva da West Nile Virus nella provincia di Oristano, il Centro Regionale Sangue della Regione Sardegna ha disposto l’introduzione del test NAT per West Nile Virus per le donazioni di sangue ed emocomponenti nella provincia di Oristano.  Il Centro Nazionale Sangue, inoltre, ha esteso la sospensione di 28 giorni per tutti i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella suddetta provincia.

Nell’area normativa, documenti dal CNS, la comunicazione completa in merito alla diffusione del West Nile Virus.

Misure di prevenzione West Nile Virus in provincia di Nuoro

tabella-sinottica-wnv-17-11-2016Riscontrato nel comune di Nuoro un esemplare di avifauna selvatica (aquila reale) positivo per West Nile Virus, confermato dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna. Per questo il Centro Regionale Sangue della Regione Sardegna ha introdotto il test NAT per West Nile Virus per le donazioni di sangue ed emocomponenti in tutta la provincia di Nuoro. Inoltre, viene disposta su base nazionale la sospensione di 28 giorni per tutti i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella suddetta provincia.

Nell’area normativa, documenti dal CNS, la comunicazione completa in merito alla la diffusione del West Nile Virus.