15 febbraio: XX Giornata Mondiale contro il cancro infantile

Cancro infantileIl 15 febbraio si celebra la XX Giornata Mondiale contro il cancro infantile. Giornata promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e da Childhood Cancer International, la rete globale di 188 associazioni presenti in 93 paesi nel mondo. I dati riguardanti l’Italia parlano di circa 1.400 bambini e 800 adolescenti che ogni anno si ammalano di leucemia o tumore. Nell’80% dei casi i giovani pazienti riescono a superare la malattia, ma per farlo necessitano anche di trasfusioni: di piastrine per far fronte alle possibili emorragie e di globuli rossi per contrastare le gravi anemie. Ecco allora che il ruolo dei donatori di sangue assume, ancora una volta, un valore inestimabile.

Per celebrare questa Giornata diverse federate FIDAS stanno realizzando momenti di sensibilizzazione e promozione del dono del sangue. FIDAS Pescara, ad esempio, in collaborazione con l’ABGE, Associazione Genitori Bambini Emopatici, ha chiamato a raccolta i propri donatori da oggi e fino al 28 gennaio con l’iniziativa “Ti voglio una sacca di bene”. Un sostegno concreto per tutti i bambini dell’Oncoematologia pediatrica e malattie ematologiche rare dell’Ospedale civile di Pescara.

«La Giornata Mondiale contro il cancro infantile rappresenta per noi un ulteriore incentivo alla donazione – afferma Giovanni Musso, Presidente Nazionale FIDAS -.  Chi è in buono stato di salute è invitato a cogliere l’occasione per potersi recare a donare: le terapie trasfusionali sono indispensabili per i piccoli e giovani pazienti che stanno affrontando la diagnosi di leucemia o tumore. Vogliamo essere vicini alle famiglie che vivono questa esperienza dimostrando loro che non sono sole: i donatori sono al loro fianco, non faremo venir meno il nostro contributo».

Giornata Mondiale del Malato: l’importanza del dono per le terapie trasfusionali

terapie trasfusionaliSi celebra oggi, 11 febbraio 2021, la 29^ Giornata Mondiale del Malato, la prima dall’inizio della pandemia.

Una giornata particolare alla quale anche FIDAS si unisce con un invito al dono.

«In occasione della Giornata mondiale del malato – afferma Giovanni Musso, Presidente Nazionale FIDAS – vogliamo ricordare quanti necessitano di terapie trasfusionali. Un gesto volontario, anonimo e gratuito, come la donazione di sangue o singoli emocomponenti, può contribuire ad alleviare le sofferenze e a salvare vite».