Ciao Professore: il saluto di FIDAS per il Presidente Onorario Dario Cravero

Un’altra grave perdita in casa FIDAS: questa mattina ci ha lasciati all’età di novant’anni il professor Dario Cravero. Presidente della FIDAS Nazionale dal 1985, quando è succeduto al Presidente Sergio Rosa, al 2003, quando è stato eletto Presidente Nazionale Aldo Ozino Caligaris.

Il professor Cravero ricopriva attualmente il ruolo di Presidente Onorario FIDAS. Alla sua famiglia le condoglianze della Federazione.

Biografia del professor Dario Cravero:
Laurea in Medicina e Chirurgia, specialista in Chirurgia Generale ed in Igiene Ospedaliera.
Libero Docente in Patologia speciale chirurgica.
Docente di Clinica Chirurgica e successivamente di Chirurgia d’Urgenza nella Scuola di specializzazione in Chirurgia Generale dell’Università di Torino per circa 25 anni.
Primario chirurgo e Direttore del Dipartimento di emergenza delle Molinette.
Senatore della Repubblica VII Legislatura.
Presidente della Commissione Nazionale del Ministero della Sanità per la programmazione e pianificazione dell’emergenza sanitaria su tutto il territorio nazionale. La Commissione organizzò ed istituì i Dipartimenti d’Emergenza e il 118 in tutta Italia.

Il Presidente Nazionale Giovanni Musso esprime il suo cordoglio per la perdita dichiarando: «Perdiamo un altro punto di riferimento per la nostra amata Associazione, Dario non ha mai fatto mancare il suo punto di vista che spesso era un’analisi precisa della situazione ed era di stimolo per tutti. Anche in questi mesi seguiti alla perdita di Aldo Ozino Caligaris, mi è stato personalmente vicino e mi ha dato utili consigli per come affrontare al meglio il difficile compito che mi si stava presentando, sino a quando le condizioni di salute gliel’hanno consentito si è sempre interessato a FIDAS che per lui era come una seconda famiglia, ci mancherà il suo modo a tratti burbero ma sempre benevolo di affrontare gli argomenti ai quali si continuava ad appassionare con sempre rinnovato entusiasmo. Una grande perdita per tutta la FIDAS».

In un’intervista svolta nel 2017, in occasione del Congresso Nazionale FIDAS di Bergamo, abbiamo chiesto al professor Cravero quale poteva essere, secondo lui, un modo per migliorare il Sistema Sangue. Così ci aveva risposto: «Bisogna aumentare, dove necessario, il sangue, ma per fare questo serve predisposizione, aver dei donatori, aver volontari e le Istituzioni, devono far sì che i servizi trasfusionali siano all’altezza dell’opera. Il che vuol dire fornire elementi, controllare gli orari di servizio, vedere come funziona. Ossia cercare di fare un qualcosa che unendo le due cose (associazioni e Istituzioni ndr), possa far andar avanti insieme il sistema trasfusionale».

I funerali si svolgeranno mercoledì 14 ottobre alle ore 10.30 presso la Parrocchia di Gesù Nazareno in via Pietro Palmieri, 39 – angolo Via Duchessa Jolanda Torino.

VIII premio giornalistico “FIDAS-Isabella Sturvi”: ora tocca alla giuria

Sabato 10 marzo sono scaduti i termini di presentazione delle candidature da parte dei giornalisti. Anche quest’anno sono state numerose le candidature equamente distribuite tra le sezioni nazionale e locale.
Ora il lavoro passa nelle mani della giuria. Tredici tra giornalisti e referenti associativi avranno il compito di scegliere i due vincitori, uno per la sezione nazionale, l’altro per la sezione locale, mentre il Consiglio Direttivo nazionale FIDAS potrà attribuire un premio speciale. I vincitori saranno premiati a Napoli all’apertura del 57° Congresso nazionale FIDAS venerdì 27 aprile.

Della giuria, presieduta da Donatella Barbetta, giornalista de Il Resto del Carlino, fanno parte il responsabile dell’Ufficio Stampa RAI Cultura Carlo Casoli, il caporedattore del Corriere della Sera Buone Notizie Elisabetta Soglio, il direttore di VolontariatOggi Giulio Sensi, il direttore responsabile FanPage.it Francesco Piccinini, la giornalista di Radio 24 Nicoletta Carbone già plurivincitrice del Premio FIDAS, il responsabile ufficio stampa del Centro Nazionale Sangue Pier David Malloni, lo scrittore e fondatore/autore del blog Buonsangue Giancarlo Liviano D’Arcangelo, il presidente onorario FIDAS Dario Cravero, il Vice Presidente nazionale FIDAS Feliciano Medeot, la consigliera nazionale FIDAS con delega alla Comunicazione Ines Seletti e la coordinatrice nazionale Giovani FIDAS 2016-2018 Alessia Balzanello. Al folto gruppo di giurati si aggiungerà il nuovo coordinatore FIDAS Giovani 2018-2020 che sarà eletto domenica 18 marzo a Pordenone.

Il premio è nato nel 2010 per ricordare la dottoressa Isabella Sturvi, responsabile dell’Ufficio Sangue e trapianti alla Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute, scomparsa nel 2009 a seguito di un’improvvisa malattia, la quale per molto tempo ha lavorato con impegno e abnegazione per il sistema trasfusionale nazionale e creduto nella necessità di sensibilizzare la collettività all’importanza della donazione del sangue.