Il grazie di FIDAS ai donatori di sangue

“In occasione della Giornata mondiale del donatore di sangue vogliamo dire grazie ai 450mila donatori di sangue delle Associazioni federate FIDAS. Grazie al loro impegno quotidiano riusciamo a contribuire in modo significativo all’autosufficienza di sangue ed emocomponenti in modo da soddisfare le necessità di quanti ogni giorno necessitano di terapie trasfusionali”. Così Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale FIDAS nel corso della giornata che in ogni parte del mondo rende onore ai donatori di sangue. “Il sistema italiano è un esempio virtuoso da seguire, ma possiamo sempre migliorare – continua il presidente. – Oggi in diverse parti di Italia le associazioni federate sono impegnate in attività di raccolta, informazione e sensibilizzazione sul dono del sangue. Ed è un compito che occorre portare avanti sempre con passione e determinazione, con lo sguardo attento ai giovani in modo che possano avvicinarsi al gesto della donazione”.

La giornata mondiale del donatore di sangue è stata istituita nel 2004 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il 14 giugno è stato scelto in quanto giorno di nascita del biologo austriaco Karl Landsteiner, scopritore dei gruppi sanguigni, nel 1900, e coscopritore del fattore Rh.

Quest’anno la sede scelta per le celebrazioni del 14giugno è la Ruanda, mentre per il 2020 è stata accolta la candidatura dell’Italia.

WORLD BLOOD DONOR DAY: il 12 giugno a Roma la Conferenza stampa

Ogni anno il 14 giugno i paesi nel mondo, su impulso dell’Oms, celebrano il World Blood Donor Day. L’evento serve a ringraziare i donatori volontari e non remunerati per il loro ‘dono salvavita’, e per far crescere la consapevolezza della necessità di donazioni di sangue regolari per assicurare la qualità, la sicurezza e la disponibilità del sangue e dei prodotti derivati per i pazienti che ne hanno bisogno. Quest’anno in occasione della giornata il Centro Nazionale Sangue ha organizzato una campagna diretta in maniera particolare alla sensibilizzazione dei giovani. La conferenza stampa, che si svolgerà all’Auditorium “C. Piccinno” del Ministero della Salute in Lungotevere Ripa 1, sarà l’occasione per presentare, oltre ad alcune iniziative legate alla Giornata Mondiale, i numeri aggiornati del sistema sangue italiano.

Programma:
modera Aldo Ozino Caligaris, coordinamento CIVIS
Giancarlo Maria Liumbruno, direttore generale del Centro Nazionale Sangue – I numeri del sistema sangue e le iniziative del ministero della Salute
Paolo Monorchio, referente nazionale sangue CRI e portavoce CIVIS – Il punto di vista dei donatori
Tony Sacca, presidente United – Federazione Italiana Thalassemie, Emoglobinopatie Rare e Drepanocitosi – Le necessità dei pazienti talassemici
Filippo Cristoferi, Associazione Immunodeficienze primitive – Le necessità dei pazienti che dipendono dai plasmaderivati
Conclusioni: Giulia Grillo, ministro della Salute (Invitata)

NB: L’accesso alla sala è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

14 giugno 2019: 15a Giornata Mondiale del Donatore di Sangue

Il 14 giugno 2019 ricorre la 15a Giornata Mondiale del Donatore di Sangue (World Blood Donor Day), promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. La campagna di quest’anno è incentrata sulla sicurezza delle terapie trasfusionali, tradotta attraverso lo slogan “Safe blood for all” (sangue sicuro per tutti): obiettivo che può essere raggiunto tramite la donazione volontaria e soprattutto periodica così da garantire l’autosufficienza.

La campagna non è rivolta solamente ai donatori e potenziali donatori ma anche ai Governi, le competenti autorità nazionali in materia di salute e i servizi trasfusionali i quali, in sinergia, hanno il compito di implementare e promuovere un appropriato utilizzo clinico del sangue e costruire sistemi di controllo e sorveglianza sui processi di raccolta.
Quest’anno le celebrazioni della Giornata Mondiale del Donatore di Sangue si svolgeranno a Kigali, capitale del Ruanda, paese leader nell’utilizzo di droni per il trasporto del sangue.