5×1000: disponibili gli elenchi del 2014

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato gli elenchi del 5×1000 del 2014concorso-agenzia-entrate. I dati relativi alle preferenze espresse dai contribuenti nel 2014 per la destinazione del 5 per mille e agli importi attribuiti agli enti che hanno chiesto di accedere al beneficio sono stati raccolti in otto elenchi: Onlus e volontariato (ammessi ed esclusi), ricerca scientifica (ammessi ed esclusi), ricerca sanitaria (ammessi), comuni di residenza (ammessi) e associazioni sportive dilettantistiche (ammesse ed escluse). Gli elenchi pubblicati sono comprensivi degli enti che hanno usufruito della “rimessione in bonis” prevista dall’articolo 2, comma 2 del Decreto-legge del 2 marzo 2012 n. 16. Vengono resi disponibili in ordine decrescente di importo attribuito a ciascun nominativo con l’indicazione dei dati della Regione, della Provincia e del Comune in cui ha sede l’ente.

Nella versione pubblicata gli importi destinati a ciascun soggetto sono stati arrotondati alla seconda cifra decimale. Questo dato – poco significativo per i singoli destinatari, che vedono variare di un centesimo in aumento o diminuzione la somma loro spettante – incide nella definizione dell’importo totale degli elenchi, che subisce una variazione misurabile in alcune decine di euro. L’Agenzia delle entrate, che ha curato la formazione dell’elenco delle Onlus e degli enti del volontariato, collabora con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per l’erogazione delle somme agli aventi diritto. Per velocizzare i tempi di pagamento, è opportuno che tutti gli enti interessati forniscano all’Agenzia le proprie coordinate bancarie o postali, con le modalità illustrate nella apposita pagina: procedura per il pagamento del beneficio.

FIDAS ringrazia tutti coloro che hanno sostenuto la donazione del sangue e degli emocomponenti volontaria, anonima e gratuita a favore dei cittadini che necessitano di terapie trasfusionali.

 

 

FIDAS Basilicata: rinnovate le cariche associative

L’ingegnere Pancrazio Toscano è stato eletto nuovo presidente della FIDAS Basilicata. PancrazioToscanoAd eleggerlo, così come previsto dallo statuto FIDAS, il direttivo che si è riunito subito dopo l’assemblea Regionale:  “La FIDAS Basilicata progetta il suo futuro” tenutasi a Matera domenica scorsa.  La nuova squadra che affiancherà il presidente Pancrazio Toscano risulta essere così composta: Giovanna Amato, Antonio Bronzino, Paolo Ettorre, Rocco Franciosa, Mariangela Giacummo, Angela Grieco, Michele La Cava, Raffaella Langone, Raffaele Marasco, Francesco Salvatore, Filippo Scivoli e Giovanni Spadafino. Eletti anche come probiviri Anna Maria Piarulli, Luigi Clementelli, Giuseppe Palladino e come revisori dei conti Michele Fierri, Leonardo Labriola, Cosimo Losito. I due vice presidenti sono  rispettivamente uno per il materano Mariangela Giacummo,  e uno per il potentino con delega di vicariato Rocco Franciosa. “Sono molto soddisfatto” tra le prime battute del neo presidente “di come siano andati i lavori del rinnovo delle cariche. Abbiamo registrato un rinnovo pari al  50%. Sono certo che l’esperienza  dei componenti “più anziani”  a servizio del gruppo sarà la forza per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Auguro dunque a tutti un cammino nel solco della crescita associativa con l’obiettivo di ultimare gli accreditamenti delle altre sedi territoriali, e di poter arrivare ad ospitare il congresso nazionale a Matera nel 2019”.

DirettivoFIDASBasilicata

“ADVS va a Scuola”: serata di premi e spettacolo al Pala De Andrè

advsvaascuola_buona

Si sono svolte sabato sera le premiazioni del Concorso “ADVS va a Scuola” al Pala De Andrè di Ravenna. La serata è stata organizzata da ADVS Fidas Ravenna, i donatori di sangue dell’ospedale, e costituiva la cerimonia finale di premiazione del concorso rivolto alle scuole organizzato da A.D.V.S. con il patrocinio del Comune di Ravenna e la collaborazione della Direzione Generale Ufficio X – Ufficio Scolastico Regionale E.R. del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Centinaia le persone che hanno partecipato, tra bambini, genitori, insegnanti e pubblico. I saluti portati dai vertici di ADVS, la Presidente Monica Dragoni, il Vice Presidente Raffaello Rossi e il Responsabile Organizzativo Flavio Vichi, seguiti dagli interventi dell’Assessore al Volontariato e Sanità Giovanna Piaia e dalla Coordinatrice dell’Ufficio X Provinciale di Ravenna Prof.ssa Maria Giulia Cicognani, hanno lasciato spazio a un inedito spettacolo. In scena “VOLO VIA” in Viaggio con il Piccolo Principe, una rivisitazione in musica con narrazione del famoso racconto di Antoine de Saint-Exupéry, che ha coinvolto direttamente tutti i bambini presenti che hanno potuto “partecipare” cantando e tenendo il ritmo delle musiche. I testi sono stati curati da Eliseo della Vecchia, voce narrante, mentre le musiche scritte da Vittorio Bonetti. Lo spettacolo ha visto anche la partecipazione straordinaria del coro “The Colours of Freedom” diretto dal Maestro Emilio Cortesi. Sono poi seguite le premiazioni del concorso che hanno visto sul podio al 3° posto la classe 5D della Scuola Primaria “A. Torre”. Medaglia d’argento per le classi 5A e 5B della Scuola Primaria “R. Ricci”. Mentre la classe vincitrice del concorso sul gradino più alto del podio è stata la 5A della Scuola Primaria “Martiri del Montone”. ADVS ha comunque deciso di premiare tutti i bambini di tutte le altre classi partecipanti, assegnando un 4° posto a pari merito. Inoltre ADVS ha messo a disposizione per ogni scuola partecipante al Progetto un buono spesa di € 400,00 in materiale scolastico. “Parlare ai piccoli per insegnare agli adulti – commenta l’Assessore alla Sanità e Volontariato Giovanna Piaia – è un po’ l’obiettivo di questo progetto, che attraverso il coinvolgimento dei bambini delle scuole, delle loro famiglie e degli insegnanti, vuole raggiungere anche i grandi sottolineando l’importanza di donare sempre il sangue, per non rimanerne sprovvisti in caso di bisogno”.

Al concorso hanno partecipato 54 classi quinte di 25 scuole primarie del Comune di Ravenna, che in totale hanno consegnato 51 elaborati sul tema della donazione del sangue. “Abbiamo accolto con piacere questo progetto che abbiamo studiato insieme ad ADVS – spiega la Prof.ssa Maria Giulia Cicognani, coordinatrice dell’Ufficio X di Ravenna Ufficio Scolastico Regionale E.R. – le scuole hanno immediatamente dimostrato interesse sul tema della donazione del sangue, che rientra per altro nel programma dell’anno scolastico. Le insegnanti hanno così coinvolto i bambini delle classi quinte, che hanno realizzato vere piccole opere d’arte con un significato molto profondo, legato appunto al dono”. In totale sono stati 1200 i bambini che hanno partecipato al concorso “ADVS va a scuola” e i loro elaborati sono stati esposti per oltre 3 mesi all’interno dei locali del Centro Raccolta Sangue di ADVS presso l’Ospedale Civile di Ravenna. Nel corso di questo tempo sono stati oltre 1200 i donatori di sangue che hanno espresso il loro voto.

Tutte le foto della serata sono disponibili sul sito www.advsravenna.it e sulla Pagina Facebook ADVS Ravenna.

 

Da sangue versato a sangue donato: i giovani FIDAS #liberididonare

In occasione del prossimo Congresso nazionale, i giovani donatori FIDAS saranno protagonisti dell’iniziativa “Da sangue versato a sangue donato”, una donazione nel centenario della Grande Guerra che si svolgerà a Gorizia il 21 aprile 2016. A distanza di 100 anni i giovani FIDAS vogliono ricordare simbolicamente il primo conflitto mondiale e le sanguinose battaglie consumatesi in quel territorio. Un’autoemoteca sarà presente nella Piazza del Municipio di Gorizia che proprio nel 1916 fu presa dalle truppe italiane.

La battaglia di Gorizia durante la Prima Guerra Mondiale, (9-10 agosto 1916) costò la vita di quasi 100.000 soldati, tra italiani e austroungarici, ma nel 1918 i morti si conteranno a milioni. Papa Benedetto XV parlerà di “inutile strage”, riuscendo a descrivere perfettamente in queste due parole quello che era avvenuto per l’interesse di pochi.

Un secolo dopo i giovani donatori vogliono ricordare quelle atrocità, impegnandosi a lavorare per la pace; e come i giovani soldati della Grande Guerra avevano le loro piastrine di riconoscimento, i giovani FIDAS condivideranno i tesserini che permettono loro di essere parte di una comunità, consapevoli di essere #liberididonare.

Al termine della mattinata i giovani si recheranno ad omaggiare i caduti della Grande Guerra ai sacrari militari di Redipuglia e di Fogliano.

FIDAS Valle D’Aosta: per non dimenticare

Venerdì 15 aprile alle 21 al CCS Cogne di Aosta si svolgerà la serata “Per non dimenticare Silvy e Nicole“organizzata dalla sezione “Silvy Parlato” della FIDAS Valle d’Aosta. Una serata di musica e solidarietà dedicata al ricordo delle giovani valdostane Silvy Parlato e Nicole Landry, vittime rispettivamente nel 2004 e nel 2012 di tragici incidenti stradali.

I musicisti Alessandro Benericetti e Tony Ciccarelli animeranno un appuntamento dedicato principalmente alla riflessione sul tema della sicurezza e della prevenzione degli incidenti stradali, cercando possibili soluzioni per ridurre al minimo le morti e le disabilità causate da queste tragedie che hanno risvolti, in termini socio-economici, sulle famiglie e sulla comunità. Con l’iniziativa di venerdì 15 aprile, infatti, gli organizzatori intendono promuovere l’importanza della donazione di sangue per speranza di vita per tanti pazienti: feriti della strada, politraumatizzati, pazienti oncologici, emofiliaci, talassemici, trapiantati.

“Il nostro obiettivo – dice Gabriele Scannella presidente dell’ Associazione Donatori sangue e organi “Silvy Parlato” – è quello di trasformare il ricordo tragico della morte di due ragazze valdostane in un momento  ricco di vita e pieno di speranza, ponendo l’accento sul rispetto delle persone e sulla volontà di continuare a vivere. Per far questo, però, occorre cambiare: educando giovani e meno giovani ad una guida più attenta e responsabile, oltre a stili di vita corretti e rispettosi della propria e altrui vita, affermando un NO categorico all’assunzione di droghe, promuovendo la moderazione nel consumo di alcolici e sottolineando l’adozione di esempi, atteggiamenti e buone abitudini riguardosi della condizione e della vita propria e degli altri”.

L’ingresso è gratuito

Decreto Ministeriale 2015: il corso del CRS Emilia Romagna

“Decreto Ministeriale 2 novembre 2015: che cosa cambia”. Questo il Corso Regionale organizzato dal Centro Regionale Sangue e dalla SIMTI Emilia-Romagna che prenderà il via mercoledì 27 aprile a Bologna presso la Casa dei Donatori di Sangue in via dell’ Ospedale 20. Quattro moduli in altrettanti incontri per approfondire cosa è cambiato con il DM sulle “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”.

Le iscrizioni dovranno pervenire entro venerdì 15 aprile 2016, esclusivamente tramite e-mail al seguente indirizzo: crs.emilia-romagna@ausl.bologna.it.

Visto il numero di posti disponibili (130 posti), si invitano tutti gli interessati, ad aderire celermente e si fa presente che le domande verranno accettate seguendo l’ ordine di arrivo delle iscrizioni.
Direttore del Corso : Dr. Claudio Velati
Segreteria Organizzativa: Centro Regionale Sangue Regione Emilia-Romagna – Sig.ra Francesca Dugo tel.051/3172955
e-mail crs.emilia-romagna@ausl.bologna.it

Programma corso DM 2 novembre 2015

Scheda iscrizione Corso

 

Premio giornalistico “FIDAS-Isabella Sturvi”: la giuria al lavoro

logo_premio_SturviScaduti i termini di presentazione dei lavori realizzati dai giornalisti, inizia il lavoro della giuria incaricata di selezionare i vincitori della VI edizione del Premio giornalistico “FIDAS-Isabella Sturvi”. Quest’anno sono state numerosissime le domande di partecipazione al premio, a testimonianza della crescente attenzione dei professionisti del settore verso il mondo del volontariato e del volontariato del dono del sangue in particolare.
Il Premio giornalistico, infatti, è finalizzato alla promozione dell’impegno del giornalismo sociale, alla valorizzazione del grande patrimonio costituito dalle numerose associazioni del territorio impegnate nel volontariato, all’educazione e sensibilizzazione dei giovani verso l’impegno sociale e civile, nonché al ricordo della dottoressa Isabella Sturvi, già responsabile dell’ufficio VIII, “Sangue e trapianti”, presso la Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute.
La giuria, incaricata di valutare articoli, video, servizi radiofonici che si sono occupati, nel periodo indicato dal Bando del Premio, del volontariato del dono del sangue, sarà presieduta da Donatella Barbetta, giornalista de Il Resto del Carlino e già vincitrice della V edizione del premio. Accanto a lei Clara Capponi, capo ufficio stampa di CSVnet, il giornalista Gianluca Testa, esperto della realtà del volontariato, Dario Cravero, presidente onorario FIDAS, Feliciano Medeot, presidente FIDAS Friuli Venezia Giulia e Andrea Grande, coordinatore nazionale Giovani FIDAS. Entro il prossimo 15 aprile la Giuria, con giudizio insindacabile, selezionerà i servizi giornalistici più rispondenti ai motivi ed agli obiettivi del Premio; il vincitore della sezione radio/tv e il vincitore della sezione stampa/web saranno premiati a Grado (GO) nel corso del 55° Congresso Nazionale FIDAS il prossimo 22 aprile.

5×1000: pubblicate le indicazioni per gli enti di volontariato

agenziadelleentratelogoL’Agenzia delle Entrate ha pubblicato le indicazioni per gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammessi al beneficio del 5×1000 dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, in base alla scelta del contribuente, con riferimento alle dichiarazioni dei redditi 2015. Le iscrizioni si aprono, il 31 marzo e si chiudono il 9 maggio 2016. Modalità e scadenze degli adempimenti sono illustrate sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Che cos’è il 5×1000?

I contribuenti possono destinare una quota pari al 5×1000 dell’Irpef a finalità di interesse sociale. Il contributo è stato reso stabile dalla legge 23/12/2014, n. 190. Le categorie di enti che possono accedere al beneficio, le modalità di iscrizione e i criteri di ammissione al riparto per le diverse tipologie di soggetti sono le stesse di quelle stabilite per il 2010 (Dpcm del 23/4/2010). Inoltre, i contribuenti possono destinare una quota pari al 5 per mille dell’Irpef al finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici (Dl n. 98 del 6/7/2011, convertito, con modificazioni dalla Legge n. 111 del 15/07/2011).

Possono partecipare (articolo 2, comma 2, del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16) al riparto delle quote del cinque per mille gli enti ritardatari che presentino le domande di iscrizione e provvedano alle successive integrazioni documentali entro il 30 settembre 2016, versando contestualmente una sanzione di importo pari a 250 euro utilizzando il modello F24 con il codice tributo 8115 (risoluzione n. 46 del 11/05/12). I requisiti sostanziali richiesti per l’accesso al beneficio devono essere comunque posseduti alla data originaria di scadenza della presentazione della domanda di iscrizione.

I legali rappresentanti degli enti iscritti nell’elenco pubblicato devono spedire entro il 30 giugno 2016 tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, alla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate nel cui ambito si trova il domicilio fiscale dell’ente, una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi dell’articolo 45 del DPR n. 445 del 2000, che attesta la persistenza dei requisiti che danno diritto all’iscrizione. In alternativa, la dichiarazione sostitutiva può essere inviata dagli interessati con la propria casella di posta elettronica certificata alla casella PEC delle predette Direzioni Regionali, riportando nell’oggetto “dichiarazione sostitutiva 5 per mille 2016” e allegando copia del modello di dichiarazione, ottenuta mediante scansione dell’originale compilato e sottoscritto dal rappresentante legale, nonché copia del documento di identità.

Le scadenze

Inizio presentazione domanda di iscrizione  31 marzo 2016
Termine presentazione domanda di iscrizione   9 maggio 2016
Pubblicazione elenco provvisorio  14 maggio 2016
Richiesta correzione domande 20 maggio 2016
Pubblicazione elenco aggiornato 25 maggio 2016
Termine presentazione dichiarazione sostitutiva 30 giugno 2016 alle Direzioni Regionali dell’Agenzia delle Entrate
Termine regolarizzazione domanda iscrizione e/o successive integrazioni documentali 30 settembre 2016