Il tuo sangue, una botta di vita. Appello del CIVIS e del Centro Nazionale Sangue

civisIn vista dell’estate 2015, la Presidenza del Consiglio dei Ministri in collaborazione con il Ministero della Salute, le Associazioni e Federazioni di donatori di sangue (AVIS, Croce Rossa, FIDAS e FRATRES) riunite nel Coordinamento Interassociativo Volontari Italiani del Sangue (CIVIS) e il Centro Nazionale Sangue, ha realizzato la campagna “Il tuo sangue, una botta di vita” per sensibilizzare i cittadini sull’importanza della donazione di sangue volontaria, anonima, responsabile e gratuita in ogni periodo dell’anno, perché il bisogno di sangue è costante.

L’Italia ha raggiunto l’autosufficienza di sangue grazie al milione e settecentomila donatori volontari che ogni giorno responsabilmente donano garantendo con il loro gesto la terapia per tutti coloro che necessitano di trasfusioni. Normalmente nei mesi invernali si ha una situazione di bilancio positivo tra numero di unità di sangue donate e fabbisogno a livello locale mentre, nel periodo estivo, alcune Regioni si possono trovare in situazioni di carenza.

L’ondata eccezionale di caldo che ha investito il nostro Paese e il suo perdurare dal mese di luglio hanno influito nel determinare una situazione di carenza di sangue in alcune Regioni italiane (Basilicata, Lazio, Toscana, Puglia, Sardegna e Sicilia).

Si è registrata dunque una diminuzione delle scorte in alcuni ospedali nei quali, pur essendo garantito il supporto alle emergenze e agli interventi chirurgici non differibili, si sono verificati rinvii di interventi chirurgici programmati e terapie trasfusionali di pazienti cronici.

Le Associazioni e Federazioni di donatori di sangue facenti parte del CIVIS sono attive quotidianamente con iniziative di sensibilizzazione su tutto il territorio nazionale.

All’opera del CIVIS si unisce in questi giorni anche l’appello delle Associazioni di pazienti ALT (Associazione per la Lotta alla Talassemia) di Ferrara e UNITED (Unione Associazioni per le Anemie Rare la Talassemia e la Drepanocitosi). In Italia i talassemici sono circa seimila, concentrati soprattutto nel delta padano e nelle regioni insulari. Questi pazienti, adulti e bambini, devono essere periodicamente trasfusi, anche per garantire loro una ottimale qualità di vita. Nelle province dove essi sono più numerosi il fabbisogno di sangue è molto elevato e la richiesta può essere soddisfatta solo se molti cittadini donano periodicamente.

 

E’ importante che tutte le persone in buona salute tra i 18 e i 65 anni siano consapevoli dell’importanza del gesto prezioso del dono e contribuiscano con la loro solidarietà a garantire la continua disponibilità di sangue anche durante questi mesi di caldo eccessivo.

West Nile Virus: misure di prevenzione per Israele e Romania

centronazionalesanguelogoIn seguito alla segnalazione da parte dell’European Centre Disease and Control (ECDC) di un caso confermato di malattia da West Nile Virus in Israele e di uno in Romania, per entrambi i paesi il Centro Nazionale Sangue dispone l’applicazione del provvedimento di sospensione per 28 giorni per tutti i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nelle aree indicate.

Nell’area Normativa/Documenti dal CNS la comunicazione completa.

Progetti sperimentali di volontariato: dal Ministero del Lavoro 2milioni di euro

Adottate le linee di indirizzolps 2015 per la presentazione di progetti sperimentali di volontariato. Le Linee di indirizzo sono finalizzate alla presentazione di progetti sperimentali ed innovativi di volontariato, da parte di organizzazioni di volontariato legalmente costituite da almeno due anni e regolarmente iscritte nei registri regionali/provinciali del volontariato.

Anche per il 2015 ai contributi per la realizzazione delle proposte progettuali sono destinati 2.000.000,00 di euro, che saranno disponibili una volta completato l’iter per la riassegnazione, ai rispettivi capitoli di bilancio del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, delle risorse finanziarie derivanti dal riparto del Fondo nazionale per le politiche sociali per l’anno 2015. Le Linee di indirizzo sono state trasmesse agli Organi di controllo per le verifiche di competenza.

La richiesta di contributo, il progetto descrittivo, il piano economico e il Patto di integrità (contenuti nel formulario allegato alle Linee di indirizzo), devono essere compilati ed inviati al Ministero del lavoro e delle politiche sociali – Direzione generale del terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese, esclusivamente attraverso la piattaforma informatica messa a disposizione dal Ministero all’indirizzo: www.direttiva266.it, entro le ore 12:00 del 21 settembre 2015. 
Le organizzazioni di volontariato che non siano già registrate sulla piattaforma informatica potranno effettuare la registrazione entro le ore 12:00 del 18 settembre 2015
Per consentire il necessario aggiornamento tecnico, la piattaforma informatica dedicata alla presentazione dei progetti sarà attiva a partire dalle ore 12:00 del 14 agosto 2015.

Le principali novità contenute nelle Linee di indirizzo per il 2015:
• Alla domanda di contributo dovrà essere allegato il Patto di integrità, di cui all’articolo 1, comma 17, della legge 6 novembre 2012, n. 190.
• Sono stati meglio specificati alcuni Ambiti d’azione (punto 6.1): 1) promozione della cultura del volontariato, in particolare tra i giovani; 2) accoglienza e reinserimento sociale di soggetti svantaggiati, anche con riferimento ai migranti, profughi e rifugiati; 3) fragilità, marginalità ed esclusione sociale; 4) tutela, sviluppo e valorizzazione dei beni comuni; 5) prevenzione e contrasto delle dipendenze, inclusa la ludopatia.
• E’ stato elevato a 50/100 il punteggio minimo che i progetti dovranno conseguire per risultare ammissibili al contributo (nei limiti delle risorse complessivamente disponibili).

Allegati
Allegato 1a) – Formulario di presentazione delle proposte progettuali (richiesta di contributo, progetto descrittivo, piano economico)
Allegato 1b) – Patto d’Integrità

Per ulteriori informazioni:
Direzione generale del terzo settore e della
responsabilità sociale delle imprese
Divisione III 
Tel. 06.4683.4046 – 4091 
e-mail: direttiva266@lavoro.gov.it 

Estensione delle misure di prevenzione WNV nella provincia di Piacenza

centronazionalesanguelogoIn seguito ad un riscontro positivo su un pool di zanzare, il Centro Regionale Sangue dell’Emilia Romagna ha disposto l’introduzione del test NAT per West Nile Virus su tutte le donazioni di sangue ed emocomponenti della provincia di Piacenza.

Inoltre è stato estesa la sospensione di 28 giorni per tutti i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella stessa provincia. Nell’area normativa, documenti dal CNS, la comunicazione completa da parte del Centro Nazionale Sangue.

Misure di prevenzione West Nile Virus in Israele

Centro Nazionale SangueIn seguito alla segnalazione da parte dell’ECDC (European Centre Desease and Control) di due casi confermati di malattina da WNV nelle aree di Haifa e Northern in Israele, il Centro Nazionale Sangue ha disposto l’applicazione su base nazionale del protocollo di sospensione temporanea di 28 giorni ai donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nelle aree indicate.

 

Nell’area normativa la comunicazione completa.

Grande successo per la IX Traversata della solidarietà

traversatasitoSi è conclusa questa mattina la IX Traversata della Solidarietà organizzata da FIDAS Nazionale, FIDAS Calabria e Adspem FIDAS Reggio Calabria. I donatori di sangue, provenienti da tutta Italia si sono alternati in una staffetta nel tratto di mare tra Punta Faro (ME) a Cannitello (RC), sfidando le acque dello Stretto sostenuti dall’entusiasmo di quanti non sono voluti mancare all’appuntamento.

“La traversata dello Stretto di Messina dei donatori di sangue rappresenta per la FIDAS un appuntamento per promuovere la cultura della donazione – ha affermato Aldo Ozino Caligaris presidente nazionale FIDAS. – Quest’estate sta registrando situazioni di criticità in diverse regioni e in quest’occasione vogliamo lanciare un appello mettendo insieme ancora una volta la solidarietà e lo sport, rivolgendoci in primo luogo ai giovani affinché possano garantire ai cittadini la sicura e disponibile terapia trasfusionale per emocomponenti e medicinali plasmaderivati.” E proprio i giovani sono stati protagonisti di questa due giorni che ha preso il via ieri mattina partecipando ad una serie di tornei sulla spiaggia di Reggio Calabria, realizzati grazie alla collaborazione con le istituzioni locali e le realtà associative del territorio. La Traversata della Solidarietà è il primo degli eventi nazionali messi in campo da FIDAS nel corso dell’estate 2015. Il 29 e il 30 agosto appuntamento a Caldiero (VR) per la 24 Ore del donatore.