Meeting Pordenone: eletto il nuovo coordinamento giovani

altSi è concluso ieri a Pordenone, con l’Assemblea elettiva, il XIII Meeting Nazionale dei Giovani FIDAS. Nuovo coordinatore nazionale è stato eletto Matteo Benci; vice coordinatore per il Nord Ovest, Simone Borio; per il Nord Est, Nicola Prendin; per il Centro, Sud e Isole, Marco Ardito; segretario del coordinamento Luca Cambanelli. Al nuovo Coordinamento Giovani FIDAS gli auguri della Federazione.

Nella foto Matteo Benci raccoglie il testimone dalla Coordinatrice nazionale uscente Valentina Massa e dal presidente nazionale FIDAS Aldo Ozino Caligaris.

Pordenone:giovani e dono del sangue, tre giorni di formazione in città

Questo fine settimana, per la prima volta la provincia e la città di Pordenone ospiteranno l’appuntamento annuale di formazione per i giovani volontari della FIDAS, la Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue. Da venerdì 9 a domenica 11 marzo, all’Hotel Santin, si terrà infatti il XIII Meeting nazionale giovani FIDAS organizzato dall’Associazione Friulana Donatori di Sangue (AFDS), sezione provinciale di Pordenone.

Il Meeting nazionale giovani FIDAS è un incontro che viene organizzato ogni anno in varie località italiane al fine di formare i dirigenti associativi del futuro sui temi legati al volontariato del sangue. A Pordenone questo fine settimana, provenienti da tutta Italia, arriveranno centinaia di volontari del dono del sangue, tutti appartenenti alle associazioni federate alla FIDAS e tutti di età compresa fra i 18 ed i 28 anni

L’iniziativa è intitolata “Pordenone … che favola” e rappresenta un importante momento di approfondimento e di confronto su vari argomenti che spaziano dal marketing associativo ai temi scientifici inerenti il dono del sangue. Autorevoli sono i nomi dei relatori che interverranno nel corso della tre giorni.

Venerdì i lavori si concentreranno sulle tematiche relative all’utilizzo degli emocomponenti labili (relatore Giuseppe Aprili, Past President SIMTI e Primario SIT Istituti Ospedalieri Verona), del plasma per uso clinico e dei principali farmaci plasma derivati (relatore Vincenzo de Angelis, responsabile del Coordinamento del Sistema Trasfusionale Regione Friuli Venezia Giulia) e della programmazione del fabbisogno trasfusionale e gestione del donatore (relatore Raffaele Catapano, direttore del Dipartimento Trasfusionale di Area Vasta pordenonese e membro comitato medico-scientifico della FIDAS).

La mattinata del sabato affronterà i vari aspetti delle tecniche per un’efficace comunicazione “one to one”, attraverso l’utilizzo della favola come strumento di marketing sociale e delle tecniche di intervista. Interverranno su questi argomenti Enrico Dalla Rosa, professore dell’ Università Cattolica di Milano e Mario Orlando, marketing manager Kedrion Spa. Verrà sviluppata nei ragazzi l’arte di saper raccontare storie che catturino l’attenzione e che portino l’ascoltatore, donatore e non, a provare determinati stati di coscienza.

Al pomeriggio, verso le 16, i giovani volontari FIDAS partecipanti al meeting si sposteranno all’interno dello stand della FIDAS- AFDS Pordenone allestito in piazza Cavour, in centro storico. Sarà questo un altro importante momento del meeting, nel quale i ragazzi avranno modo di coinvolgere l’intera cittadinanza, mettendo in pratica quanto appreso nel corso delle lezioni. La città di Pordenone sarà infatti coinvolta attraverso un gioco sull’importanza della donazione di sangue, risvegliando i sentimenti e costruendo un evento di grande visibilità.

Un evento quindi nella città di Pordenone e per la città, che si concluderà domenica mattina con l’assemblea elettiva del Coordinamento Giovani FIDAS. Il nuovo coordinamento rimarrà in carica per il prossimo triennio. Al meeting saranno presenti anche il Presidente nazionale FIDAS, Aldo Ozino Caligaris, la Coordinatrice Nazionale Giovani, Valentina Massa, nonché oltre ai relatori già citati i massimi rappresentanti provinciali e regionali del sistema trasfusionale.

Premio Giornalistico FIDAS – “Isabella Sturvi”: entro il 15 la presentazione delle domande

Mancano, oramai, pochi giorni (il termine per la presentazione delle domande è il 15 marzo) per far pervenire alla sede nazionale della FIDAS i contributi per partecipare alla seconda edizione del Premio giornalistico nazionale FIDAS – “Isabella Sturvi”, riservato al miglior articolo/inchiesta (carta stampata, tv, radio e web) sul tema del volontariato e della donazione del sangue.

Il Premio, patrocinato dall’Ordine dei Giornalisti, è finalizzato alla promozione dell’impegno del giornalismo sociale; alla valorizzazione del grande patrimonio costituito dalle numerose associazioni del territorio impegnate nel volontariato; all’educazione e sensibilizzazione dei giovani verso l’impegno sociale e civile; nonché al ricordo della dottoressa Isabella Sturvi, a lungo responsabile dell’ufficio VIII, “Sangue e trapianti”, presso la Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute.

Il 15 marzo saranno comunicati i nomi dei componenti della giuria.

Per maggiori informazioni consulta la pagina del sito dedicata al premio

Risultati soddisfacenti del CO.BUS. di Udine

Soddisfacenti i risultati conseguiti dal CO.BUS. dell’Azienza Universitario Ospedaliera di Udine. Dal lavoro effettuato emerge in modo significativo come la proficua collaborazione tra utilizzatori della risorsa sangue, trasfusionisti e rappresentanti associativi, possa contenere il risparmio della risorsa emocomponenti e farmaci plasma derivati.
Ciò è stato raggiunto con un’attenta e costante verifica dell’appropriatezza della terapia trasfusionale a fronte della disponibilità della risorsa “finita” del sangue e dei suoi componenti.
Nell’area riservata alle Federate, sezione Documenti, è possibile visionare i suddetti documenti.

Piglio: tutti in fila a donare sangue

Centosessantacinque le presenze, di cui 17 giovani matricole alla prima donazione, centoquarantaquattro visitati e centoventinove sono i flaconi di sangue, a favore dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, raccolti in tre ore  dalle ore 8,30 alle 11,30  di Sabato 3 Marzo 2012. Un gesto nobile che onora Piglio e i pigliesi. Confortati da quanto già avvenuto nelle precedenti raccolte, (oltre tremila duecento donazioni) in 32 raccolte, un vero record considerato il basso numero di abitanti di Piglio e per una Associazione costituita il 1° Ottobre 1995, che conta un centinaio di soci, mostrandosi sempre presente laddove le necessità lo richiedono, si  è ripetuta a Piglio, presso la sala “Polivalente” del comune di Piglio, la raccolta di sangue giunta alla 33ma donazione .
Il prelievo di sangue è stato effettuato alla presenza di 4 medici, 3 infermieri e di un tecnico di laboratorio che hanno accertato il reale stato d’idoneità dei soci alla donazione per garantire l’integrità fisica in osservanza delle disposizioni di legge previste a favore dei donatori. In un’ammirevole gara di solidarietà, i volontari di cui molti di questi giovani, hanno contribuito ad arricchire la preziosa raccolta che servirà ad alleviare le sofferenze di tanti piccoli malati. Il paese di Piglio è orgoglioso di annoverare tra i suoi cittadini un gruppo così numeroso che si presta a fornire atti encomiabili di solidarietà e di senso civico. Ormai l’Associazione è una realtà. I donatori effettivi sono circa duecento, e testimoniano la solidarietà, la generosità e lo spirito di sacrificio di quanti non si preoccupano soltanto della propria salute, ma si mettono a disposizione di persone meno fortunate. Come sempre soddisfatto il Presidente dell’Associazione Giovanni Pizzale che ha colto l’occasione per ringraziare la disponibilità sia dello staff medico dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma che periodicamente mette a disposizione, due volte l’anno, uomini e mezzi e sia quella del Sindaco di Piglio, dott. Tommaso Cittadini, che mette a disposizione le strutture. “Il nostro impegno -ha dichiarato Pizzale- è quello di stimolare la donazione di sangue tra i pigliesi invitando tutte le persone a donarlo almeno una volta l’anno a favore dei malati bisognosi, creando nei giovani una coscienza trasfusionale per sopperire alla sempre maggiore richiesta di questa linfa vitale, conseguente al progresso della scienza medica e della tecnica che ha consentito il trapianto di organi. In realtà si vuole, conclude Pizzale, che il giovane pigliese acquisisca la coscienza dei problemi generali connessi alla trasfusione di sangue e si renda conto della funzione del donatore periodico selezionato e controllato, da considerarsi un vero operatore sanitario”. La prossima donazione la 34ma avverrà a Piglio il 5 Agosto 2012
.donatoripiglio

FIDAS Viareggio nuova federata

logofidasviareggioIl Consiglio direttivo nazionale, nella seduta del 3 marzo, ha ammesso all’interno della FIDAS l’Associazione FIDAS Viareggio. Si tratta della 74 associazione iscritta alla Federazione e la prima associazione presente in Toscana. Alla nuova federata gli auguri di tutta la FIDAS.

Riparto risorse per il Sistema Trasfusionale

La Conferenza Permanente dei rapporti Stato-Regioni, nella seduta del 22 febbraio u.s., ha espresso parere favorevole in merito alla ripartizione delle risorse destinate al sistema trasfusionale
(ex articolo 6, comma 1, lettera c) della legge 219 del 2005 e risorse per l’applicazione dei decreti legislaviri n° 207 e 208 del 2007.
Nell’area normativa è possibile scaricare il documento 
Obiettivi e criteri ai fini della ripartizione regionali dei fondi per il Sistema Trasfusionale

CNS: prorogati i termini per il Corso “Sistemi di gestione per la qualità nelle Unità di Raccolta”

Prorogato, solo per le Unità di Raccolta, il termine di presentazione delle richieste di partecipazione al Corso “Sistemi di gestione per la qualità nelle Unità di Raccolta” promosso dal Centro Nazionale Sangue alle ore 13.00 del 31 marzo 2012.

Il Corso si rivolge ai soggetti designati come responsabili della funzione di Garanzia della qualità nelle UdR, ai sensi dei Requisiti minimi organizzativi approvati con l’Accordo Stato Regioni del 16 dicembre 2010. Per ulteriori informazioni sulle disposizioni normative vigenti in materia si rimanda alla nota esplicativa del CNS consultabile sul sito www.centronazionalesangue.it