Potenza: Carabinieri e Polizia di Stato uniti dalla donazione del sangue

Si è tenuta martedì 8 giugno una giornata di raccolta sangue promossa, congiuntamente, dalla  sezione FIDAS Polizia di Stato di Potenza e dal gruppo “F. Merlino” dei Carabinieri della stessa città lucana. Si è tenuta martedì 8 giugno una giornata di raccolta sangue promossa, congiuntamente, dalla  sezione FIDAS Polizia di Stato di Potenza e dal gruppo “F. Merlino” dei Carabinieri della stessa città lucana.

Le forze dell’ordine insieme per compiere un gesto di volontariato e al contempo lanciare un messaggio di prudenza sulle strade prima della stagione estiva.

“Abbiamo voluto organizzare questa giornata straordinaria insieme ai colleghi della Polizia – commenta il presidente della FIDAS Potenza, Alessandro Marongiu – per  ricordare ai cittadini che nel periodo estivo le richieste di unità di sangue aumentano con l’aumentare degli incidenti, e che le sale operatorie, alcune volte, devono rimandare le operazioni di routine per rincorrere le emergenze”.

“Anche se la Basilicata, da alcuni anni, ha raggiunto l’autosufficienza – interviene Salvatore Digirolamo, presidente della FIDAS Polizia di Stato Potenza – non bisogna abbassare il livello di guardia. Ad oggi il sangue non può essere prodotto in laboratorio, e ogni giorno ci sono  persone che  ne hanno bisogno per poter vivere. L’appello che desidero lanciare ai donatori è, quindi, di recarsi nei centri trasfusionali prima di andare in vacanza”.  

Per non creare disagio alle strutture ospedaliere, le forze dell’ordine hanno individuato due luoghi diversi per effettuare la donazione, i  Carabinieri  si sono recati presso il centro trasfusionale dell’ospedale S. Carlo, mentre i donatori della Polizia hanno effetuato la donazione nell’infermeria della Questura.

 

Giornata mondiale del donatore: le iniziative a Goia del Colle

Dal 2004, il 14 giugno ricorre la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue. La data è stata scelta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità in quanto giorno di nascita di Karl Landsteiner, scopritore dei gruppi sanguigni e coscopritore del fattore Rh, e per questo due volte insignito del Premio Nobel.

A Gioia del Colle, l’Amministrazione Comunale ha mostrato piena condivisione degli intendimenti solidaristici che sono alla base di tale celebrazione, accogliendo le istanze della locale Sezione Fidas e coinvolgendola in due importanti eventi.

Domenica 13 giugno la FIDAS Gioiese sarà infatti ospite della manifestazione promossa dall’Assessorato all’Ambiente “Meno plastica, meno vetro, più ambiente – la carta che fa la differenza”. E’ questo il decimo e conclusivo evento di un’iniziativa avviata dall’Assessore dott. Federico Antonicelli ad ottobre 2009 con l’obiettivo di sensibilizzare le famiglie e gli istituti scolastici sul tema del risparmio energetico e della raccolta differenziata di carta, plastica e vetro.

L’ appuntamento prevede nella mattinata una passeggiata in bicicletta per le vie cittadine, con raduno in Piazza Plebiscito. Nel pomeriggio a Piazza Pinto saranno premiati con dei gadget alcuni istituti scolastici e famiglie che maggiormente si sono distinti nella raccolta differenziata, il tutto supervisionato, in questi mesi, dalla SPES, a cui il tutto è stato consegnato.

La celebrazione vera e propria della Giornata avverrà il 14 giugno. Alle ore 17.30 presso la Sala De Deo avrà inizio un Convegno sul tema “LA CULTURA DELLA DONAZIONE”, il cui relatore sarà il dott. Giacomo Lucarelli, già primario del reparto di Ematologia dell’Ospedale Miulli di Acquaviva. Dopo i saluti del Sindaco, dott. Piero Longo, e della Presidente Fidas-Fpds prof.ssa Rosita Orlandi, l’argomento sarà introdotto dal dott. Tommaso Donvito, Assessore al Cittadino, e dal dott. Isacco Isdraele, Vice Sindaco e Assessore ai Servizi Sociali. Moderatrice sarà la Presidente della Sezione Fidas di Gioia, Maria Stea.

“In entrambe le iniziative – spiega la presidente Stea –  saranno raccolte adesioni per una raccolta straordinaria di sangue che si svolgerà sabato 19 giugno in piazza Plebiscito con l’Autoemoteca del Policlinico di Bari. Inoltre faremo conoscere ai cittadini gioiesi le iniziative varate dalla nostra Associazione per scongiurare il calo di donazioni che di solito si verifica durante la stagione estiva. Fra l’altro, tutti coloro che doneranno per la Fidas dal 1° giugno al 30 agosto riceveranno in omaggio una bella maglietta-polo rossa.

Gioia del Colle, 9/6/2010

PER INFO  Maria Stea  3295791339

 

Giornata mondiale del donatore: le iniziative a Lecce

In occasione della Giornata mondiale del donatore di sangue del 14 giugno, i consigli  provinciali della FIDAS, della Fratres, dell’AVIS, la provincia di Lecce, l’ASL le1 e il csvsalento hanno patrocinato la festa del donatore che si svolgerà a Lecce il pomeriggio del 13 giugno 2010 con il seguente programma.

  • Ore 18,00 – SANTA MESSA COMUNITARIA nella chiesa di SANTA CROCE in Lecce, celebrata da Don Remo Esposito, assistente spirituale della Fratres. Dopo la S. Messa, ascesa simbolica di GOCCE ROSSE al CIELO (Si prega di partecipare con  il LABARO del Gruppo).
  • Ore 20,30 – SPETTACOLO di MUSICA e CABARET nell’atrio del Palazzo dei Celestini, sede della Provincia di Lecce.

A Bari il XV° Criterium automobilistico del donatore di sangue

Si svolgerà il 26 e 27 giugno, a Bari, il 15° “Criterium automobilistico del donatore di sangue”, una manifestazione non agonistica di precisione ed abilità di guida. Si svolgerà il 26 e 27 giugno, a Bari, il 15° “Criterium automobilistico del donatore di sangue”, una manifestazione non agonistica di precisione ed abilità di guida.

L’evento rientra nell’ambito delle manifestazioni sportive a valenza culturale che la Federazione Pugliese Donatori Sangue  – FIDAS Puglia – organizza avvalendosi della collaborazione della sezione Carbonarese Donatori Sangue, dell’IPA (International Police Association), anch’essa sezione della FPDS, dell’ACI (Automobile Club Italiano di Bari) e della collaborazione tecnica della Federazione Italiana cronometristi.

Si tratta, insomma, di una manifestazione non agonistica, di precisione e regolarità di guida che ha lo scopo di divulgare il concetto della donazione anonima, gratuita e volontaria del sangue, nonché di responsabilizzare gli automobilisti ad un maggior rispetto delle norme del Codice della Strada.

E’ aperta a chiunque, socio o simpatizzante FIDAS – FPDS o componenti delle forze dell’ordine, purchè in possesso di patente di guida e di vettura regolarmente immatricolata e targata ai sensi delle leggi vigenti in materia del codice della strada.

I partecipanti si cimenteranno in test di abilità e precisione di guida su aree messe a disposizione e autorizzate dai Comuni in cui faranno tappa. Le vetture effettueranno un percorso prestabilito che è aperto al traffico normale, pertanto i partecipanti saranno tenuti al pieno rispetto delle norme di circolazione e sicurezza previste dal vigente codice della strada.

Le partenze saranno date singolarmente a distanza di un minuto l’una dall’altra; il trasferimento si svolge a una media non superiore a 40 Km/h ed in alcuni tratti, di particolare interesse turistico e paesaggistico la media imposta è di 30/40 km/h.

 

FIDAS Caltanissetta: “sono finite le sacche di sangue”

Si è svolta stamattina, 1 giugno, presso la sede della associazione Fidas Caltanissetta Donatori Sangue, la conferenza stampa sull’attuale emergenza trasfusionale della città di Caltanissetta.

Anticipati da un servizio su RAI 3 dello scorso venerdì, dove la Fidas ai microfoni del TGR Rai Sicilia ha annunciato lo stato di emergenza che grava sulla nostra città, i presenti alla conferenza stampa, dott. M. Campisi (sindaco di Caltanissetta), dott. F. Di Gesù (presidente Fidas Caltanissetta), ing. R. Bonasera (segretario organizzativo Fidas Nazionale e vice presidente Fidas Caltanissetta), dott.ssa G. Costanza (primario del servizio trasfusionale dell’ASP di Caltanissetta), S. Abbate, S. Calì, Alessio Limuti e Rosaria Giunta (Gruppo Giovani Fidas Caltanissetta), hanno rilanciato alla cittadinanza la necessità di una maggiore sensibilizzazione alla donazione del sangue.

“Alla fine del mese di aprile la nostra associazione – dichiara F. Di Gesù- ha raccolto 120 unità di sangue in meno rispetto lo scorso anno. Se la cittadinanza non cambia questo andamento, rischiamo di chiudere l’anno con 500 unità in meno: a Caltanissetta questo significherebbe condannare i 120 talassemici a vivere periodi di tragicità quotidiana”.

“La Fidas Nazionale – continua R. Bonasera – ha commissionato quest’anno uno studio al centro ricerca CENSIS che ci ha confermato che se non saranno fatti tutti gli sforzi e gli investimenti necessari nella promozione e nella sensibilizzazione alla donazione del sangue, continueranno a diminuire i donatori giovani in età compresa tra 18 e 28 anni, cioè una componente molto importante della popolazione perché si tratta dei donatori periodici destinati a sostenere il sistema trasfusionale dei prossimi anni. La fascia d’età dalla quale proviene la grande maggioranza dei donatori è rappresentata dalle persone in età compresa tra i 30 ed i 55 anni, e le proiezioni dei dati demografici evidenziano come si tratti di una componente del corpo sociale destinata a ridursi in modo significativo nei prossimi decenni.

Il gruppo giovani della Fidas Caltanissetta, in questo ultimo fine settimana, ha riempito la città con 20.000 volantini funebri riportanti la frase “Sono terminate le sacche di sangue”. “Questa campagna costruita sulla tragedia – dichiara S. Abbate – rispecchia la situazione verso cui la città sta andando incontro”. “Oltre al volantinaggio e agli stand in centro – continua S. Calì – abbiamo organizzato alcuni eventi per veicolare la donazione del sangue ai nostri concittadini: domenica 13 giugno (in occasione della Giornata Mondiale della Donazione del Sangue) è prevista una giornata nel boschetto di Mustigaruffi a cui possono partecipare tutti (donatori e non), il 19 giugno si svolgerà la III edizione della “Passeggiata in bici della solidarietà”, con un corteo numeroso in giro per le principali città di Caltanissetta”.

L’associazione inoltre inizierà, grazie alla disponibilità degli spazi di affissione da parte del Comune, una massiccia campagna pubblicitaria dal 21 giugno al 10 ottobre. Inoltre a tutti coloro che doneranno durante i mesi di giugno, luglio e agosto la Fidas regalerà un simpatico e colorato telo mare.

“La promozione della donazione si sangue – sottolinea il sindaco Campisi – è un dovere che questa amministrazione si assume cercando di supportare la Fidas nelle sue iniziative. Durante l’estate metteremo a disposizione degli spazi per la campagna pubblicitaria, organizzeremo insieme la passeggiata in bici per le vie della città e altre iniziative di sensibilizzazione. Inoltre mi farò io stesso promotore di creare un gruppo di donatori presso l’amministrazione comunale e ovunque la Fidas lo ritenga opportuno. A settembre saremo a fianco dell’associazione per sensibilizzare i giovani delle scuole, visto i numeri scoraggianti rilevati dall’indagine del Censis”.


“La donazione del sangue oltre a essere un gesto di solidarietà
– conclude la dott.ssa Costanza –  necessario e doveroso, è un modo per tutelare la propria salute, in quanto essere donatori permette di tenere il proprio stato di salute gratuitamente sotto controllo. Il fabbisogno del distretto CL1, che comprende oltre Caltanissetta anche San Cataldo e Mussomeli, necessita di 8000 unità di sangue all’anno, e ad oggi nelle tre città si raccolgo soltanto 6000 unità”.
 

La Fidas, che da 35 anni supporta il Servizio Trasfusionale di Caltanissetta, rilancia lo stato di emergenza ai cittadini nisseni, nella speranza che si superino gli attuali 2000 donatori sui circa 20.000 possibili in città: ogni anno grazie al dono dei soci della Fidas Caltanissetta, vengono raccolte più di 4000 unità di sangue a fronte di un fabbisogno cittadino di 6500 unità. Per raggiungere l’autosufficienza necessitano quindi almeno 1000 nuovi donatori.

Per diventare donatori basta recarsi a digiuno dal lunedì alla domenica dalle 8,00 alle 11,30 presso il centro raccolta dell’associazione in viale della Regione 68.

 

World Blood Donors Day 2010: “Una movida por la vida”

definitiva-Una-Movida-per-la-Vidapic_255_x_360In occasione della Giornata Mondiale del Donatore di Sangue del 14 giugno, Il Centro Nazionale Sangue, in collaborazione con le quattro associazioni di volontariato: AVIS, Croce Rossa, FIDAS e Fratres, e con il patrocinio della Regione Autonoma Sardegna e del Comune di Alghero, hanno organizzato un grande evento multimediale e multiespressivo per coinvolgere i giovani verso una maggiore consapevolezza sui temi della salute e dell’utilità del sangue.

Il programma, articolato nelle tre giornate di sabato 12, domenica 13 e lunedì 14 giugno, giorno dedicato alla celebrazione mondiale, è stato elaborato sulla falsariga della manifestazione mondiale prevista a Barcellona, che declina il tema sangue in luoghi e modi tali da rendere la città “full blooded”.

Per l’Italia si è pensato ad una “movida por la vida”, e di accedere al tema sangue attraverso tre differenti generi (letterario, musicale, artistico) che daranno lo spunto per informarsi e partecipare anche a coloro che sono fuori dalla numerosa comunità dei donatori di sangue. In particolare:

CHOC Blooded: vampiri e horror per esorcizzare la paura dell’ago

ROCK Blooded: arte, musica e gastronomia per far(si) buon sangue

POP Blooded: informazione e partecipazione che sostengono la popolarità della donazione

In allegato il PROGRAMMA completo della manifestazione