On line il nuovo numero di NOI IN FIDAS

A partire dalla seconda metà del Novecento le realtà industriali e aziendali del Belpaese sono state uno dei centri propulsori della donazione di sangue dove i lavoratori si sono fatti promotori di iniziative di solidarietà. E oggi qual è il rapporto tra donazione e mondo del lavoro? Come si è evoluta la situazione in sessant’anni di storia. Questo è uno dei temi del nuovo numero di Noi in FIDAS in cui è presente anche un ricco vademecum per lavoratori, aziende e associazioni per conoscere meglio la normativa. Ma nel trimestrale della FIDAS si racconta anche il Meeting nazionale Giovani FIDAS e si fa il bilancio dell’attività dell’ultima legislatura in merito al Sistema Sangue. E naturalmente non manca la presentazione del prossimo Congresso nazionale e lo spazio riservato alla conoscenza delle Federate.

 

Rinnovato il Coordinamento Nazionale Giovani FIDAS

Con l’assemblea dei delegati si è concluso il XIX Meeting nazionale Giovani FIDAS. Tra Pordenone e Spilimbergo i donatori di sangue under 28 delle Associazioni FIDAS si sono ritrovati per promuovere i valori della solidarietà e confrontarsi sulle proprie esperienze di volontariato. Al termine della tre giorni che ha raccolto partecipanti da tutta Italia in rappresentanza delle oltre 70 Associazioni aderenti alla FIDAS, l’assemblea ha eletto il nuovo Coordinamento nazionale che ha raccolto il testimone da Alessia Balzanello della FIDAS Verona. A guidare la nuova squadra Elia Vazquez dell’AVAS FIDAS Monregalese che sarà affiancato da Gabriele Pesce dell’ANDVS di Novi Ligure come vicecoordinatore del Nord Ovest, Ivan Rosset dell’AFDS Pordenone come vice coordinatore del Nord Est e Lucia Fuina della FIDAS Basilicata come vice coordinatore del Centro Sud e Isole; la segreteria del coordinamento è stata affidata a Teresa Oreade Grillo dell’ADVS FIDAS Bologna.

A Spilimbergo la seconda giornata del Meeting Giovani

Spilimbergo (3)Seconda giornata del XIX Meeting nazionale Giovani FIDAS. I volontari del dono under 28 si sono spostati a Spilimbergo dove hanno continuato a riflettere su come “dare forma” al servizio a favore degli altri.  E quale luogo migliore della Scuola Mosaicisti del Friuli, dove da quasi un secolo si formano i professionisti di questa forma d’arte conosciuta in tutto il mondo. I giovani, immersi in un vero e proprio tempio della bellezza, hanno avuto la possibilità di confrontarsi in piccoli gruppi e realizzare anche loro un oggetto simbolo per comunicare il valore del dono.

Nel pomeriggio focus sull’informazione: quella medica che spesso occorre vagliare con cautela in quanto nasconde delle insidie, come hanno sottolineato Mauro Mazzocut e Chiara Cipollat Mis del Centro di Riferimento Oncologico CRO di Aviano, e quella che vorrebbero e dovrebbero comunicare le associazioni del dono come ha evidenziato Cristiano Lena, responsabile comunicazione FIDAS Nazionale.Spilimbergo (2)

Domani l’ultima giornata del Meeting con le elezioni del nuovo Coordinamento Nazionale Giovani FIDAS.

A Pordenone il XIX Meeting Giovani FIDAS

_MG_6470Con i saluti istituzionali del sindaco di Pordenone, del presidente nazionale FIDAS, del presidente AFDS Pordenone e della Coordinatrice nazionale Giovani FIDAS si è aperto il 19° Meeting nazionale. Tre giorni di formazione e scambio di esperienze per Dare Forma all’impegno nel volontariato del dono. Tra le novità di quest’anno il coinvolgimento delle altre associazioni del dono, Avis, Fratres, Croce Rossa Italiana e Aido con cui FIDAS condivide la sensibilizzazione e l’informazione sul dono a 360 gradi.

Il concept scelto per quest’anno vuole portare i volontari under 28 a scoprire in che modo i giovani delle associazioni FIDAS possono trovare il loro ruolo all’interno delle realtà del volontariato.

_MG_6535Quattro interventi hanno caratterizzato questa prima giornata: Enrico Mazza, vicecoordinatore Nord Est, ha fornito alcune linee guida per approfondire il compito dei volontari del dono che sono chiamati ad essere consapevoli e contemporanei, a guardarsi intorno, a fare rete, a mettere al centro le persone e a mettersi in gioco;  Lucia Popaiz, del Centro Servizio per il Volontariato FVG, ha presentato i dati relativi al volontariato in Italia, sottolineando l’impegno collettivo nel nostro paese; Chiara Ferrarelli della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Salesiana di Roma ha fornito l’interpretazione dei dati sottolineando le motivazioni che spingono i giovani ad impegnarsi nel volontariato; infine Alessia Balzanello, coordinatrice nazionale uscente, ha suggerito alcune modalità per dare forma all’esperienza in FIDAS. E la giornata si è conclusa con l’esilarante spettacolodel duo comico MeridonalArte. Domani i giovani continueranno il Meeting a Spilimbergo presso la Scuola Mosaicisti del Friuli, mentre domenica sarà tempo di elezioni per la scelta del nuovo coordinamento nazionale.

A Pordenone il 19° Meeting nazionale Giovani FIDAS

Si svolgerà a Pordenone dal 16 al 18 marzo il 19° Meeting nazionale Giovani FIDAS.  Tre giorni di formazione, accomunati dal claim “dare forma”, per permettere ai partecipanti di confrontarsi su diversi temi e soprattutto sul ruolo del volontariato del dono all’interno della società in cui viviamo e che assume costantemente forme diverse.

Grazie al lavoro di preparazione portato avanti dal Coordinamento nazionale Giovani FIDAS e dall’AFDS Pordenone, il meeting quest’anno coinvolge numerosi relatori che forniranno utili spunti di riflessioni, ma non mancherà la possibilità di un confronto grazie allo spazio riservato ai lavori di gruppo.

Nella giornata di domenica 18 inoltre l’Assemblea nazionale dei Giovani che eleggerà il nuovo Coordinamento nazionale chiamato a guidare i donatori under 28 fino al 2020.

Programma Meeting Giovani FIDAS 2018

Giovani donatori di sangue a confronto a Caltanissetta

Identità e partecipazione al centro. È questo il fil rouge scelto dai Giovani FIDAS per il prossimo Meeting nazionale che si svolgerà dal 24 al 26 marzo. Al centro dei lavori dei donatori under 28 la riflessione sulla propria identità e il ruolo all’interno delle associazioni di volontariato del dono.
Ottanta partecipanti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento al centro della Sicilia ospiti della FIDAS Caltanissetta.

“Da quando è nato, il meeting ha legato le persone provenienti da tutta Italia – sottolinea Andrea Bortolon, Consigliere nazionale FIDAS con delega ai giovani – le ha messe a confronto e le ha aiutate a crescere nel mondo del volontariato del sangue, permettendo lo scambio di idee e azioni pratiche da realizzare poi all’interno delle proprie realtà territoriali. Proprio per questo, il meeting si muove, cambia città ogni anno bilanciando le distanze, ma sempre con lo scopo di unire e di essere usato da chi lo ospita come mezzo di propaganda a 360°”

Tanti i temi che verranno approfonditi nel corso della tre giorni, dai criteri di selezione del donatore al reclutamento e fidelizzazione dei giovani al dono del sangue. E il sabato pomeriggio i partecipanti, guidati dalla coordinatrice nazionale Giovani FIDAS Alessia Balzanello, porteranno il loro entusiasmo nelle strade cittadine per sostenere la campagna di sensibilizzazione della cittadina nissena.

Tutto il meeting sarà anche social: lo racconteremo con immagini, video e testimonianze con l’hashtag #CalMe