Misure di prevenzione WNV in provincia di Matera

A seguito del riscontro di una positività per West Nile Virus (WNV), confermata dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “Giuseppe Caporale” (IZSAM), in equide allevato nel comune di Scanzano Ionico (provincia di Matera), si richiama l’applicazione, per i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella provincia di Matera, di quanto disposto in merito dal decreto ministeriale 2 novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”.

Tuttavia, sembra quanto mai opportuno, al fine di garantire il mantenimento dell’autosufficienza in emocomponenti nel periodo estivo, durante il quale si registrano le più significative variazioni infra-annuali della raccolta di emocomponenti, sottolineare che il provvedimento di esclusione temporanea per “28 giorni dopo aver lasciato, dopo aver soggiornato almeno una notte, un’area a rischio per l’infezione da virus del Nilo occidentale documentato attraverso idonei sistemi di sorveglianza epidemiologica (…) non si applica nel caso in cui sia eseguito, con esito negativo, il test dell’acido nucleico (NAT), in singolo“.
Per quanto sopra, con riferimento alla nota del Centro nazionale sangue del 6 giugno 2018, si raccomanda di utilizzare il test WNV NAT quale alternativa al provvedimento di sospensione temporanea per 28 giorni dei donatori che hanno trascorso almeno una notte nelle aree interessate.

 

Conclusa la 37ma Giornata del donatore FIDAS

Con la 37ma Giornata del donatore FIDAS, si è concluso l’appuntamento dei donatori di sangue a Napoli. Dopo la due giorni di Congresso nazionale che ha visto i delegati delle associazioni federate a confronto sui temi del volontariato, questa mattina migliaia di donatori provenienti da tutta Italia si sono dati appuntamento sotto il sole di Napoli per ricordare il valore del dono.

Cardinale“Napoli, terra di sangue, è anche terra di speranza; sangue e speranza sono, per fede e tradizione, le due colonne che formano la sua identità più profonda e caratterizzano la sua storia millenaria – ha ricordato l’Arcivescovo di Napoli Cardinale Crescenzio Sepe che ha sottolineato come il sangue donato sia strumento di solidarietà, e fonte di vita, concludendo la Messa in Piazza del Plebiscito con l’augurio ai presenti “che la Maronna v’accompagni”.

Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris ha salutato i donatori ricordando la vocazione alla solidarietà e alla generosità della gente di Napoli e “l’esempio del volontariato, come l’amore è contagioso”.

Il presidente nazionale Aldo Ozino Caligaris, salutando i convenuti, ha voluto ringraziare ancora una volta il presidente della FIDAS Atan Ciro Caserta, il presidente regionale FIDAS Campania Gennaro Carotenuto e tutti i volontari che hanno organizzato queste giornate congressuali con grande impegno e altrettanta passione.

Infine l’appuntamento al prossimo anno a Matera, dove si svolgerà il prossimo Congresso nazionale nel 2019. A ricevere il testimone da Napoli il presidente della FIDAS Basilicata Pancrazio Toscano e una delegazione di primi cittadini lucani che ospiteranno le giornate congressuali nell’anno del 60° anniversario di fondazione delal FIDAS.

 

 

Due giorni di raccolta per la FIDAS Rotondella (MT)

dav

Due giorni di raccolta per la sezione di Rotondella (MT) della FIDAS Basilicata. Quarantaquattro le donazioni effettuate tra martedì 10 e giovedì 12 con un risultato straordinario per la comunità rotondellese sempre partecipe e sempre più solidale. Tra le unità raccolte 6 sono state di plasma, in quanto da pochi mesi anche a Rotondella è possibile effettuare la plasmaferesi.

Martedì 10 aprile l’autoemoteca è stata posizionata nella zona di Rotondella 2 per rendere sempre più partecipe la popolazione che abita in quella parte di territorio mentre giovedì nel recinto delle scuole elementari del centro storico nell’ambito della campagna “Mamma, papà! Vi accompagniamo a donare” giunta alla terza edizione. Come di consueto il giorno precedente è stata fatta una campagna informativa tra gli studenti per sensibilizzare e informare sulla donazione del sangue ed invogliare i genitori a donare il sangue per dare un esempio concreto di generosità ai propri figli. I bambini hanno partecipato con grande entusiasmo intonando canti sulla solidarietà e indossando le t-shirt appositamente ideate per loro.

Presenti il sindaco Vito Agresti, entusiasta per i risultati che raggiunti  e sempre disponibile nei confronti dell’Associazione, la dirigente scolastica professoressa Liuzzi che accoglie con gioia le iniziative rivolte agli studenti, tutto il corpo docente oltre ovviamente ai 200 alunni dell’Istituto Comprensivo I.Morra .

sdr

“In un piccolo comune questo è un risultato che deve necessariamente rendere orgogliosi tutti noi” ha spiegato la presidente Rosanna Persiani “donatori,  volontari ,  consiglieri e componenti del direttivo,  e di tutti coloro che contribuiscono al raggiungimento di questi ottimi risultati. Il 2017 si è concluso con un incremento di donazioni del 15% sull’anno precedente e soprattutto per il 2018 la squadra di FIDAS Rotondella si è prefissa l’obiettivo ambizioso di un ulteriore incremento, puntando sui giovani e sull’inserimento di giornate straordinarie di donazione di plasma. Il dato importante è che ogni volta si aggiungono nuovi donatori, in queste due ultime giornate sono 13 le persone alla prima donazione, gran parte sotto i 40 anni, pertanto si auspica che siano donatori periodici molto longevi assicurando un ricambio generazionale necessario al fine di garantire continuità alle attività della sezione”

 

FIDAS Basilicata: rinnovate le cariche associative

L’ingegnere Pancrazio Toscano è stato eletto nuovo presidente della FIDAS Basilicata. PancrazioToscanoAd eleggerlo, così come previsto dallo statuto FIDAS, il direttivo che si è riunito subito dopo l’assemblea Regionale:  “La FIDAS Basilicata progetta il suo futuro” tenutasi a Matera domenica scorsa.  La nuova squadra che affiancherà il presidente Pancrazio Toscano risulta essere così composta: Giovanna Amato, Antonio Bronzino, Paolo Ettorre, Rocco Franciosa, Mariangela Giacummo, Angela Grieco, Michele La Cava, Raffaella Langone, Raffaele Marasco, Francesco Salvatore, Filippo Scivoli e Giovanni Spadafino. Eletti anche come probiviri Anna Maria Piarulli, Luigi Clementelli, Giuseppe Palladino e come revisori dei conti Michele Fierri, Leonardo Labriola, Cosimo Losito. I due vice presidenti sono  rispettivamente uno per il materano Mariangela Giacummo,  e uno per il potentino con delega di vicariato Rocco Franciosa. “Sono molto soddisfatto” tra le prime battute del neo presidente “di come siano andati i lavori del rinnovo delle cariche. Abbiamo registrato un rinnovo pari al  50%. Sono certo che l’esperienza  dei componenti “più anziani”  a servizio del gruppo sarà la forza per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Auguro dunque a tutti un cammino nel solco della crescita associativa con l’obiettivo di ultimare gli accreditamenti delle altre sedi territoriali, e di poter arrivare ad ospitare il congresso nazionale a Matera nel 2019”.

DirettivoFIDASBasilicata