Meeting FIDAS Sicilia. Appuntamento a Milazzo il 7 e 8 ottobre

MeetingFIDASSicilia2017Si svolgerà sabato 7 e domenica 8 ottobre a Milazzo, presso l’Hotel Milazzo, Via Acque Viola n. 78, il secondo meeting regionale della FIDAS Sicilia.

In programma gli interventi dei responsabili associativi e dei rappresentanti istituzionali e del Sistema sangue regionali.

L’incontro prenderà il via alle 15.30 di sabato 7 con i saluti del Sindaco di Milazzo avv. Giovanni Formica e con la presentazione dei  lavori da parte di Salvatore Caruso, Presidente FIDAS Sicilia. Sarà poi la volta del dottor Giovanni Garozzo, Direttore del Servizio Trasfusionale di Ragusa che approfondirà i rapporti tra i Servizi Trasfusionali e le Associazioni, mentre il dottor Attilio Mele, Direttore del Centro Regionale Sangue, farà il punto sul sistema Regionale Sangue in merito all’accreditamento e al recepimento dell’Accordo Stato-Regioni. Poi spazio alle realtà associative con gli interventi del Vice Presidente FIDAS Pierfrancesco Cogliandro, del Presidente AVIS Sicilia e Coordinatore Civis Sicilia Salvatore Mandarà e del Presidente Fratres Sicilia Nino Pane.

Domenica 8 ottobre a partire dalle 9,30 il confronto tra i partecipanti sarà sugli aspetti gestionali delle associazioni (Riforma terzo settore, gestione collaboratori, voucher, privacy e consegna referti) e sul ruolo dei giovani all’interno delle associazioni.

On line il nuovo numero di NOI IN FIDAS

C’è davvero tanto nel nuovo numero di NOI IN FIDAS. Dal XVIII Meeting nazionale Giovani alle testimonianze delle nostre donatrici, dal convegno sulle maxi emergenze alle indicazioni normative, e ancora la bella storia di una mamma che attraverso i social racconta la guarigione di sua figlia grazie al contributo dei donatori e tanto altro ancora. NOI IN FIDAS inoltre presenta una nuova grafica e tanti collegamenti ad immagini e video. Insomma, un numero da non perdere, da leggere on line o da scaricare.

 

Prima giornata del Meeting Giovani FIDAS a Caltanissetta

AlessiaHa preso il via a Caltanissetta il XVIII Meeting nazionale Giovani FIDAS. Dopo i saluti del sindaco Giovanni Ruvolo, che ha sottolineato come la presenza dei giovani sia un regalo per il capoluogo nisseno, e del presidente FIDAS Caltanissetta Carmelo Giardina, la coordinatrice nazionale giovani Alessia Balzanello ha presentato il percorso di questi 3 giorni di incontri e lavori ai circa 90 giovani presenti, provenienti da tutta Italia.

Il presidente nazionale FIDAS Aldo Ozino Caligaris ha presentato il percorso della Federazione dal 1959 ad oggi presentando gli elementi identitari e le prospettive future; Andrea Bortolon, consigliere nazionale con delega ai giovani, ha raccontato il cammino dei Giovani FIDAS dalla loro nascita ad oggi, mentre il dottor Giovanni Garozzo, responsabile UOC di Medicina Trasfusionale degli Ospedali Civili di Ragusa ha indicato i criteri di selezione del donatore di sangue, puntando l’attenzione su quegli elementi che possono maggiormente interessare i giovani donatori.

Gruppo2Chiara Ferrarelli ha poi presentato i risultati della ricerca “Giovani e volontariato del dono” condotta dalla FIDAS l’estate scorsa sotto la guida della professoressa Maria Paola Piccini dell’Università Pontificia Salesiana di Roma; infine ha concluso la giornata Marco Cannemi con la presentazione di smartDonor, la nuova applicazione a servizio della donazione del sangue.

Giovani donatori di sangue a confronto a Caltanissetta

Identità e partecipazione al centro. È questo il fil rouge scelto dai Giovani FIDAS per il prossimo Meeting nazionale che si svolgerà dal 24 al 26 marzo. Al centro dei lavori dei donatori under 28 la riflessione sulla propria identità e il ruolo all’interno delle associazioni di volontariato del dono.
Ottanta partecipanti provenienti da tutta Italia si daranno appuntamento al centro della Sicilia ospiti della FIDAS Caltanissetta.

“Da quando è nato, il meeting ha legato le persone provenienti da tutta Italia – sottolinea Andrea Bortolon, Consigliere nazionale FIDAS con delega ai giovani – le ha messe a confronto e le ha aiutate a crescere nel mondo del volontariato del sangue, permettendo lo scambio di idee e azioni pratiche da realizzare poi all’interno delle proprie realtà territoriali. Proprio per questo, il meeting si muove, cambia città ogni anno bilanciando le distanze, ma sempre con lo scopo di unire e di essere usato da chi lo ospita come mezzo di propaganda a 360°”

Tanti i temi che verranno approfonditi nel corso della tre giorni, dai criteri di selezione del donatore al reclutamento e fidelizzazione dei giovani al dono del sangue. E il sabato pomeriggio i partecipanti, guidati dalla coordinatrice nazionale Giovani FIDAS Alessia Balzanello, porteranno il loro entusiasmo nelle strade cittadine per sostenere la campagna di sensibilizzazione della cittadina nissena.

Tutto il meeting sarà anche social: lo racconteremo con immagini, video e testimonianze con l’hashtag #CalMe

#unagocciadalcielo Venerdì 9 dicembre appuntamento con i giovani FIDAS ad Aosta

unagocciadalcielo-9122016fidas-giovaniVenerdì 9 dicembre 2016 alle ore 20:30 presso la Cittadella dei Giovani in via Garibaldi ad Aosta, Valentina Guerrisi, Coordinatrice valdostana del Gruppo Giovani dei Donatori di sangue della FIDAS “Matteo Guerrisi” presenta la spettacolo serale, ad ingresso gratuito, #unagocciadalcielo. Ospiti dell’iniziativa rappresentanti delle Istituzioni, Donatori di sangue, Volontari, Amici e il coro Gospel “ QUINCY BLUE CHOIR “ guidato da Paola Mei.
La complicità del coro gospel, la musica e l’indimenticabile ricordo di Matteo, giovane vittima di un incidente stradale, sono gli ingredienti di una serata che ha l’obiettivo di divertire il pubblico senza sballo, avvicinare nuovi e giovani aspiranti alla donazione del sangue e diffondere stili e condotte di vita rispettose della propria e dell’altrui vita.
L’iniziativa sancisce definitivamente la presenza autorevole e ufficiale all’interno della FIDAS valdostana di un gruppo giovani nutrito e attivo che partecipa alle iniziative regionali e nazionali. Dall’insediamento avvenuto nel giugno scorso, il gruppo FIDAS Giovani vede in Valentina Guerrisi la Coordinatrice Regionale e in Marco Renna il Vice. Il gruppo è costituito da 7 giovani donatori di un’età compresa tra i 18 e i 26 anni si riuniscono presso la sede di via Lucat in Aosta, hanno una pagina facebook Fidas Giovani Valle D’Aosta “Matteo Guerrisi” e hanno in programma diverse iniziative: incontri, feste per ritrovarsi, passeggiate in montagna, escursioni sulla neve, gite e importanti momenti di formazione.
“A tutti rivolgiamo l’invito ad unirsi a noi, di farlo senza indugio, dice Valentina, a tutti chiediamo di portarci la propria esperienza o le proprie idee, di confrontarci e impegnarci nel contribuire ad un rinnovo generazionale del parco donatori. Noi oggi, umilmente, intendiamo avviare la costruzione del domani del sistema trasfusionale regionale, a noi la responsabilità di individuare nuove e giovani risorse da indirizzare al Servizio di Immunologia e Medicina Trasfusionale dell’Ospedale Regionale di Aosta. Un impegno maturo e articolato, attraverso il quale intendiamo coinvolgere tutti: Istituzioni, Associazioni e gruppi, per diffondere e promuovere la cultura del dono del sangue quale gesto anonimo, volontario, periodico e gratuito. Non vendiamo pentole, non compriamo nulla, non distribuiamo sogni: promuoviamo la cultura del dono del sangue a difesa e tutela della vita“.
Invitiamo tutti i giovani valdostani a contattarci, ad unirsi a noi e insieme metterci al servizio della donazione del sangue. Ciascuno può e deve diventare una possibilità per l’altro, conscio che il gesto che compie o compierà è una azione trasversale, non ha barriere, è un atto gratuito che consolida la convivenza civile.
Chi aderisce alla FIDAS Giovani non riceve medaglie o benemerenze, chi aderisce alla FIDAS Giovani è un giovane tra i 18 e i 28 anni, volontario, donatore di sangue, che offre il suo tempo per raggiungere altri donatori: amici, vicini, studenti, sportivi, conoscenti e parenti. Vi invitiamo a far parte di questo gruppo, entità non virtuale, ma costituita da persone, ognuna con un valore inestimabile, ognuna custode di un tessuto importantissimo: il sangue. Risorsa che non si costruisce in laboratorio ma che si dona, indispensabile ad alimentare le speranze di tanti pazienti oncologici, talassemici, trapiantati, emofiliaci, politraumatizzati e tanti ancora che attendono da noi un gesto semplice e naturale: donare!
#unagocciadalcielo è l’appello che lanciamo a tutti i giovani valdostani affinché attraverso la partecipazione associativa diventino cittadini attivi e allo stesso tempo, il dono del sangue, alimenti solidarietà e impegno civico.Durante la serata i giovani FIDAS valdostani distribuiranno materiale informativo e illustreranno agli interessati requisiti e modalità per diventare un donatore di sangue FIDAS.
Questo e ancora tanto altro sono i Giovani della FIDAS valdostana. Se vuoi farne parte avvicinati e partecipa. Ci trovi su facebook, chiama, invia un whatsapp al 333/6306625 oppure inoltra una mail a gdfsnc@hotmail.it .

In FIDAS c’è posto per te. Una nuova campagna rivolta ai giovani donatori

I giovani donatori FIDAS in Italia sono oltre 73 mila, ma tra questi solo una piccola parte svolge qualche attività all’interno dell’associazione di cui fa parte. Per questo FIDAS ha ideato una nuova campagna di comunicazione per la prima volta non indirizzata ad informare o sensibilizzare alla donazione di sangue, ma studiata per coinvolgere le nuove generazioni nella vita delle Associazioni.

gplus5Nel corso dell’estate una rilevazione effettuata da FIDAS sui giovani donatori di sangue ha messo in luce un panorama alquanto articolato. Se in molte realtà associative i giovani sono particolarmente attivi nella promozione di eventi pubblici, nell’accoglienza dei donatori o nella comunicazione, tuttavia tanti rimangono in disparte, perché non hanno mai preso in considerazione un impegno più sistematico o perché non saprebbero cosa fare.

slide1Eppure le possibili attività all’interno delle Associazioni dei donatori sono davvero molte e spesso ricadono sulle spalle di pochi volontari. Dai risultati dell’indagine è nata l’idea di “C’è posto per te” una campagna di comunicazione, che prenderà il via da oggi in occasione della VII giornata nazionale FIDAS.

Uno spot racconta, attraverso le storie di alcuni giovani, quali sono le attività che si possono svolgere all’interno delle realtà associative. Protagonisti proprio i donatori che già svolgono incarichi di vario tipo: Giorgia si occupa di promozione, Felice dell’accoglienza dei donatori, Tony dei social network, Valeria del sito web. Ma le possibilità sono ancora di più.

slide3“L’obiettivo della campagna – sottolinea il presidente nazionale FIDAS Aldo Ozino Caligaris – è incentivare i giovani a trovare un proprio spazio attivo nelle associazioni invitando allo stesso tempo queste ad elaborare strategie per coinvolgere i giovani in maniera fattiva. I dati raccolti mettono in luce, infatti, tra i donatori under 28 un ampio bacino di volontari su cui poter lavorare per assicurare un fondamentale ricambio generazionale”. Quanto emerso all’interno della FIDAS interessa in generale tante altre realtà del Terzo Settore che spesso hanno difficoltà ad intercettare i giovani attraverso proposte concrete.

“Solo il 27% degli intervistati dichiara di svolgere, all’interno dell’associazione donatori sangue, anche altri incarichi oltre alla donazione stessa di sangue e/o emocomponenti – rileva Maria Paola Piccini, Dottore di ricerca in Ricerca applicata nelle scienze sociali dell’Università di Roma – La Sapienza, che ha curato l’elaborazione dei dati. Tuttavia le risposte raccolte meritano particolare attenzione, poiché individuano un prezioso bacino di giovani donatori che sarebbero disponibili a impegnarsi maggiormente in associazione, ma necessitano di orientamento e guida”.

VIDEO 1

VIDEO 2

Giovani FIDAS: eletto il nuovo coordinamento nazionale

giovani-fidasNel corso dell’Assemblea nazionale dei Giovani FIDAS in corso a Roma, questa mattina è stato eletto il nuovo coordinamento nazionale. A guidare la nuova squadra Alessia Balzanello della FIDAS Verona che sarà affiancata dai vicecoordinatori Gabriele Pesce dell’ANDVS Novi Ligure (per il Nord Ovest), Enrico Mazza della FIDAS Treviso (per il Nord Est), Emanuele Coco della FIDAS Caltanissetta (Centro Sud Isole) e dal segretario del coordinamento Luca Molinaro della FIDAS Paola.

coordinamentonazionalefidasgiovaniAl nuovo coordinamento nazionale Giovani FIDAS gli auguri del presidente nazionale Aldo Ozino Caligaris, del consigliere nazionale Andrea Bortolon e del coordinatore nazionale uscente Andrea Grande.