Premio giornalistico “FIDAS-Isabella Sturvi” VIII edizione

Il premio giornalistico “FIDAS-Isabella Sturvi” è arrivato all’VIII edizione. Un traguardo importante non solo per la FIDAS (Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue) che ha sempre creduto in questo progetto, ma per il mondo dell’informazione che nel corso del tempo ha mostrato un crescente interesse verso questo premio nato nel 2010 ed intitolato memoria di Isabella Sturvi, a lungo responsabile dell’ufficio VIII, “Sangue e trapianti”, presso la Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute.

Negli anni tanti hanno partecipato circa 200 tra professionisti e pubblicisti e l’albo dei vincitori conta nomi illustri di giornalisti della televisione, della radio e della carta stampata.

Quest’anno il Consiglio Direttivo Nazionale FIDAS ha voluto rivedere il bando, apportando alcune significative novità. Innanzitutto le sezioni del premio Radio/Tv e Carta Stampata/Web saranno sostituite dalle sezioni “nazionale” e “locale”. In entrambi i casi potranno concorrere quanti avranno realizzato articoli o inchieste pubblicati su quotidiani, periodici, agenzie di stampa o su internet, servizi o inchieste audio o video trasmessi da radio e tv. “Abbiamo voluto dare più spazio a quei giornalisti che lavorano su testate a diffusione locale – sottolinea Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale FIDAS – che più frequentemente hanno la possibilità di occuparsi delle realtà dell’associazionismo del dono privilegiando le storie delle persone che dedicano il proprio tempo agli altri e di quanti ricevono la vita da un gesto volontario, anonimo e gratuito”.

Ma non è questa l’unica novità di questa edizione. La giuria, che sarà presentata nel mese di gennaio, potrà premiare un giovane giornalista che alla data di pubblicazione del presente bando non abbia compiuto il 30mo anno di età. Infine da quest’anno il Consiglio Direttivo nazionale FIDAS si riserva di attribuire un premio speciale, riservato al giornalista che non risultando vincitore nelle due sezioni precedenti, abbia realizzato un prodotto valido e significativo, rispondente agli obiettivi del premio.

Bando Premio Giornalistico FIDAS VIII edizione

Borsa di ricerca FIDAS: un’analisi sulla salute dei donatori di sangue

Donare il sangue fa bene? Chi dona sangue può migliorare la propria condizione di salute? Ci sono delle patologie che è possibile prevenire grazie ai controlli garantiti dalla normativa vigente ad un donatore di sangue? È questo l’obiettivo della ricerca che FIDAS vuole portare avanti nei prossimi mesi, in vista del sessantesimo anniversario di costituzione che si celebrerà nel 2019.

Per questo ha indetto una borsa di ricerca a favore di un medico ricercatore che elabori uno studio prospettico osservazionale delle patologie rilevate e delle eventuali diagnosi effettuate su donatori di sangue ed emocomponenti. Lo studio dovrà riguardare un numero significativo di volontari del dono, le diagnosi eseguite, il percorso diagnostico-terapeutico utilizzato presso le strutture trasfusionali di riferimento e l’eventuale esito.

“Si tratta di uno studio che coinvolgerà donatori di sangue di tutta Italia – sottolinea Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale FIDAS, – grazie alla collaborazione dei volontari delle nostre 74 Associazioni federate. Siamo certi che essere donatori di sangue ed emocomponenti, oltre ad assicurare la terapia trasfusionale ai pazienti, migliori lo stato di salute delle persone, ma vorremmo che la ricerca diventasse un punto di riferimento per la letteratura scientifica del settore e uno strumento utile di promozione del dono”.

La borsa di studio, che sarà conferita al vincitore mediante un assegno-premio di sedicimila euro, è riservata a laureati in medicina e chirurgia che non abbiano rapporti di lavoro con aziende del Servizio Sanitario nazionale o in convenzione con esso.

È possibile candidarsi entro il 19 gennaio prossimo.

Scarica il bando Borsa Ricerca FIDAS

 

 

 

Riunione plenaria CNS-CRS-CIVIS

CNS-CRS-CIVISVenerdì 1° dicembre, a Roma, presso la sede nazionale di Croce Rossa Italiana, si è svolto l’incontro tra il Centro Nazionale Sangue, i responsabili dei Centri Regionali Sangue e i rappresentanti associativi regionali del CIVIS (FIDAS, Avis, Fratres e Donatori di sangue Croce Rossa). L’appuntamento è finalizzato alla predisposizione del programma annuale di autosufficienza per l’anno 2018. Nel corso del pomeriggio e nella giornata di sabato 2 dicembre si riunirà, presso la sede nazionale FIDAS, la Conferenza dei presidenti Regionali FIDAS.

FIDASLab, buona la prima

Si è concluso il Corso di formazione per responsabili associativi FIDASLab che si è svolto a Roma dal 24 al 26 novembre. Ottimo il riscontro dei cento partecipanti che nel corso della tre giorni hanno approfondito le proprie conoscenze sui diversi aspetti dell’associazionismo del dono. “Siamo molto soddisfatti della buona riuscita della prima edizione di FIDASLab – sottolinea Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale FIDAS. – Quest’anno abbiamo voluto dare una veste nuova alla formazione, raccogliendo i suggerimenti che i partecipanti alle precedenti sessioni formative ci avevano dato. La dinamica laboratoriale ha permesso un’ampia condivisione dei contenuti e soprattutto un approfondimento di quegli aspetti specifici che riguardano la vita associativa, la promozione e la comunicazione del dono”.

L’ampia richiesta ha inoltre portato il Consiglio Direttivo nazionale a raddoppiare, a partire dal prossimo anno, l’appuntamento autunnale con la formazione in modo da permettere a un maggior numero di volontari di partecipare.

FIDASLab, la carica dei 101

Da venerdì 24 a domenica 26 novembre i responsabili delle associazioni di donatori di sangue aderenti alla FIDAS si troveranno a Roma per l’annuale corso di formazione nazionale #FIDASLab. Quest’anno l’evento, divenuto da quasi un ventennio un appuntamento fisso, cambia veste per rispondere in modo più diretto alle esigenze delle associazioni.

“Abbiamo voluto offrire ai volontari che quotidianamente mettono a disposizione il proprio tempo e le proprie energie un percorso sempre più professionalizzante – sottolinea Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale FIDAS, – facendo delle scelte#FIDASLabnon sempre condivise, ma che a lungo termine speriamo si rivelino vincenti. Innanzitutto la scelta di limitare il numero dei partecipanti: saranno infatti 101 i responsabili associativi provenienti da 34 delle oltre 70 associazioni Federate FIDAS, al fine di poter offrire un ambiente formativo più favorevole all’approfondimento e alla condivisione. Inoltre abbiamo proposto un corso-laboratorio, volto all’apprendimento specifico di quelle competenze necessarie per affrontare le sfide di un volontariato qualificato”.Il corso prevede, infatti, una sessione comune che si alternerà ad una serie di incontri laboratoriali.  La prima parte sarà riservata alla fotografia, grazie al contributo di Tommaso Sardelli, docente di teorie e tecniche dell’immagine alla Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale dell’Università Pontificia Salesiana di Roma, al fine di approfondire le modalità visive più efficaci per raccontare la donazione di sangue. Successivamente i partecipanti avranno l’opportunità di seguire uno tra i 5 laboratori relativi alle attività che svolgono all’interno delle proprie associazioni. Sarà quindi possibile approfondire la conoscenza dei social media, le tecniche per una promozione efficace, gli aspetti relativi alla chiamata del donatore, il mondo del people raising ed infine i compiti di un ufficio stampa.

Da segnalare, infine, un dato incoraggiante: i giovani under 28 che parteciperanno al corso sono oltre 40, la percentuale più alta degli ultimi anni, a riprova del lavoro di sensibilizzazione e coinvolgimento delle nuove generazioni portato avanti da FIDAS. “I giovani si aspettano di essere protagonisti, ma spesso restano fuori dal mondo del volontariato anche perché le associazioni non sanno come coinvolgerli – conclude Alessia Balzanello, coordinatrice nazionale Giovani FIDAS. – Le associazioni dei donatori di sangue FIDAS sono consapevoli che sia necessario passare il testimone ai giovani, non solamente chiedendo loro di tendere il braccio a favore degli altri, ma dando loro lo spazio necessario nelle attività associative e comprendendone le necessità”.

 

 

West Nile Virus: misure di prevenzione in provincia di Asti

westnilevirusIn seguito al riscontro di positività per West Nile Virus, in un esemplare di equide in provincia di Asti, segnalato dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Liguria, Piemonte e Valle D’Aosta (IZSTO), la Struttura Regionale di Coordinamento delle Attività Trasfusionali della Regione Piemonte ha introdotto il test NAT per West Nile Virus per le donazioni di sangue ed emocomponenti in tutta la provincia astigiana. Inoltre, viene disposta su base nazionale la sospensione di 28 giorni per tutti i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella suddetta provincia.

Nell’area normativa, documenti dal CNS, la comunicazione completa in merito alla la diffusione del West Nile Virus.

Meeting FIDAS Sicilia. Appuntamento a Milazzo il 7 e 8 ottobre

MeetingFIDASSicilia2017Si svolgerà sabato 7 e domenica 8 ottobre a Milazzo, presso l’Hotel Milazzo, Via Acque Viola n. 78, il secondo meeting regionale della FIDAS Sicilia.

In programma gli interventi dei responsabili associativi e dei rappresentanti istituzionali e del Sistema sangue regionali.

L’incontro prenderà il via alle 15.30 di sabato 7 con i saluti del Sindaco di Milazzo avv. Giovanni Formica e con la presentazione dei  lavori da parte di Salvatore Caruso, Presidente FIDAS Sicilia. Sarà poi la volta del dottor Giovanni Garozzo, Direttore del Servizio Trasfusionale di Ragusa che approfondirà i rapporti tra i Servizi Trasfusionali e le Associazioni, mentre il dottor Attilio Mele, Direttore del Centro Regionale Sangue, farà il punto sul sistema Regionale Sangue in merito all’accreditamento e al recepimento dell’Accordo Stato-Regioni. Poi spazio alle realtà associative con gli interventi del Vice Presidente FIDAS Pierfrancesco Cogliandro, del Presidente AVIS Sicilia e Coordinatore Civis Sicilia Salvatore Mandarà e del Presidente Fratres Sicilia Nino Pane.

Domenica 8 ottobre a partire dalle 9,30 il confronto tra i partecipanti sarà sugli aspetti gestionali delle associazioni (Riforma terzo settore, gestione collaboratori, voucher, privacy e consegna referti) e sul ruolo dei giovani all’interno delle associazioni.

Domenica 1° ottobre: Giornata nazionale FIDAS

Dal Piemonte alla Sicilia, da Friuli Venezia Giulia alla Puglia, dalla Valle D’Aosta all’Abruzzo, passando per Veneto, Toscana e Molise; domenica 1° ottobre le Associazioni dei donatori di sangue FIDAS celebrano l’VIII Giornata nazionale. Un appuntamento nato per ringraziare gli oltre 450mila donatori di sangue ed emocomponenti appartenenti alle 74 Associazioni aderenti alla FIDAS articolate in quasi 1200 sezioni presenti su tutto il territorio nazionale.
Ma non solo. Obiettivo della Giornata è la promozione di un messaggio comune: “I donatori di sangue sono responsabili e partecipi degli obiettivi ordinari e straordinari del Paese – ricorda il presidente nazionale FIDAS Aldo Ozino Caligaris – non solo soddisfacendo i bisogni del proprio territorio, ma considerando che sangue ed emocomponenti sono destinati a chi ne ha necessità. La situazione che si è creata nel Lazio nelle ultime settimane sta mettendo in luce l’importanza di una collaborazione fattiva tra le Regioni chiamate a colmare le inevitabili lacune che si sono verificate in seguito alla minore attività di raccolta dei Servizi Trasfusionali della provincia di Roma. Tuttavia è fondamentale che quanti rispondono ai requisiti per donare, lo facciano nella consapevolezza che il gesto che compiono non è finalizzato a soddisfare il bisogno di un parente o di un amico, ma che la terapia trasfusionale è destinata a chi ne ha bisogno in quel momento.”
Quindi un dono volontario, responsabile, gratuito e assolutamente anonimo per garantire su tutto il territorio nazionale i Livelli Essenziali di medicina trasfusionale, assicurando l’autosufficienza sovra-aziendale, sovra-regionale, nazionale per tutti i cittadini. Evidenziando questo elemento, i volontari delle Associazioni FIDAS scenderanno in piazza per continuare l’attività di informazione e sensibilizzazione. E proprio per superare quei confini territoriali il claim scelto per l’VIII giornata è “I am a donor #iamFIDAS”: al di là dell’attività che si svolge, del luogo dove si vive o degli orientamenti che si seguono, c’è un fattore FIDAS che unisce quanti scelgono il valore etico e indiscutibile del dono.