Conclusa la III Conferenza europea ECDHM a Copenhagen

Si è conclusa oggi a Copenhagen la Terza Conferenza Europea sulla Tutela della Salute e Gestione del Donatore (ECDHM). L’incontro che ha preso il via mercoledì 5 settembre ha visto riuniti circa 200 partecipanti che hanno affrontato le tematiche legate alla donazione del sangue, sia per gli aspetti relazionali sia per quelli sanitari. Tra i partecipanti anche il Presidente nazionale FIDAS Aldo Ozino Caligaris, la tesoriera Patrizia Baldessin e il segretario amministrativo Emanuele Gatto. Prossimo appuntamento ad Amburgo nel 2020.

Rinnovato il protocollo d’intesa tra i donatori di sangue e l’ANCI

Questa mattina i rappresentanti delle Associazioni e Federazioni di donatori di sangue – Giampietro Briola e Aldo Ozino Caligaris di Avis e Fidas, il vicepresidente di Fratres Vincenzo Manzo e Nicola Scarfò in rappresentanza di Croce Rossa Italiana – hanno rinnovato il protocollo d’intesa con l’Anci, rappresentata dal presidente e sindaco di Bari Antonio Decaro.

“Rafforzare il senso di solidarietà e sostenere la cultura del dono sensibilizzando anche i giovani cittadini è l’obiettivo di questo importante protocollo. Attraverso i Comuni e i sindaci l’impegno è quello di promuovere una campagna nazionale di sensibilizzazione al dono del sangue come importante gesto di partecipazione alla vita sociale della propria comunità”, ha commentato Decaro.

Il protocollo, di durata triennale, vuole portare avanti attività continuative di confronto per garantire in modo stabile il raccordo e le comunicazioni tra il sistema dei Comuni e quello di Avis, Fidas, Fratres e Donatori di sangue della Croce Rossa Italiana per intraprendere azioni di informazione che coinvolgano la popolazione per la diffusione della cultura della salute e della solidarietà attraverso la donazione di sangue e di emocomponenti, al fine di garantire l’autosufficienza di sangue, emocomponenti e medicinali plasmaderivati.

“Si tratta di un atto volto a rafforzare il legame con i Comuni su tutto il territorio nazionale al fine di condividere attività di sensibilizzazione al dono del sangue e degli emocomponenti, e a condividere obiettivi comuni, nella consapevolezza delle peculiarità di ciascuna realtà associativa. Un importante protocollo soprattutto in un periodo, come quello estivo, in cui si riscontra la sistematica carenza di sangue. Per questo invitiamo cittadini e donatori periodici a compiere un gesto di solidarietà”, hanno dichiarato i responsabili associativi presenti.

La firma di oggi per il sistema sangue acquista un duplice valore: da una parte, infatti, il protocollo vuole promuovere, sostenere e sviluppare iniziative volte alla crescita, tra tutte le componenti della cultura del volontariato in generale e del dono del sangue e dei suoi componenti in particolare, quale atto di partecipazione alla vita sociale e civica del territorio di appartenenza e di educazione alla solidarietà; dall’altra per la prima volta l’accordo con l’Anci coinvolge tutte e quattro le sigle maggiormente rappresentative in Italia che fino ad oggi avevano portato avanti il rapporto istituzionale in maniera separata.

Protocollo CIVIS-ANCI – 08 agosto 2018

On line il nuovo numero di NOI IN FIDAS

On line il nuovo numero del trimestrale NOI IN FIDAS. Numerosi i contenuti: dal Congresso nazionale, al premio giornalistico FIDAS con le interviste ai vincitori, dalle iniziative per la Giornata mondiale del donatore di sangue del 14 giugno all’approfondimento sulle zanzare, dai consigli (molto pratici) per una corretta alimentazione fino allo spazio riservato alla presentazione delle Associazioni FIDAS. Sfoglialo o scarica il pdf e buona lettura.

Nel 2017 calati donatori di sangue, mai così pochi in 10 anni

Continua a calare nel 2017 il numero dei donatori di sangue in Italia, dopo aver già toccato il record negativo dal 2009 nell’anno precedente. Lo certificano i dati raccolti dal Centro Nazionale Sangue e presentati, insieme a una campagna di sensibilizzazione realizzata con il CIVIS, il Coordinamento delle Associazioni di volontari del dono del sangue, oggi a Roma nella sede del Senato in previsione del World Blood Donor Day, che l’OMS celebra il 14 giugno.
I numeri
Secondo le cifre presentate i donatori lo scorso anno sono stati poco più di un milione e 680mila, in calo di 8mila unità rispetto al 2016, di cui 304mila nuovi. Il calo continua dal 2012, anno ‘di picco’ con quasi un milio-ne e 740mila donatori registrati. Il 31% è donna, e la fascia di età in cui sono più numerosi è quella 46-55 anni, il 29% del totale, e quelli tra 36 e 45, il 26%. Il 13% ha tra 18 e 25 anni. Nel 2017 sono state effettuate oltre tre milioni di donazioni (3.006.726 per la precisione), trentamila in meno rispetto all’anno precedente. Attraverso le donazioni in aferesi è stato possibile invece raccogliere quasi 830mila chili di plasma, indispensabile per la produzione di una serie di farmaci salvavita, con un aumento dell’1,8% rispetto al 2016. Grazie al sistema san-gue italiano, che si basa totalmente sulla donazione volontaria e non remunerata, sono state effettuate oltre 637mila trasfusioni, per interventi chirurgici o terapie di malattie come la talassemia. Le trasfusioni di globuli rossi sono in leggero calo grazie anche alle tecniche di Patient Blood Management, fortemente supportate dal Ministero della salute, anche con provvedimenti normativi, che permettono di ottimizzare l’utilizzo delle unità di sangue e migliorare i risultati in termini di salute per i cittadini.
Per quanto riguarda il sangue, sottolinea il direttore del Cns Giancarlo Maria Liumbruno, l’Italia è autosufficiente, grazie alla compensazione tra regioni. “Viviamo in una situazione di sostanziale equilibrio, ma in alcune regioni periodicamente è necessario ricorrere al sistema della compensazione e che garantiscano una organizzazione della rete regionale di medicina trasfusionale tale da mantenere costanti i livelli di raccolta di plasma e sangue anche durante i primi mesi dell’anno o quelli estivi e conseguire gli obiettivi di raccolta del pla-sma e del sangue contenuti nel programma nazionale di autosufficienza, che dalle Regioni è stato condiviso. Anche sulla raccolta del plasma, per cui non siamo autosufficienti, occorre uno sforzo organizzativo delle istituzioni regionali per garantire questa risorsa strategica. Lo sforzo organizzativo dovrebbe avere anche il fine di reperire le risorse necessarie ad ampliare gli orari e i giorni di apertura delle strutture trasfusionali, in modo da favorire con la massima flessibilità l’accesso dei donatori di plasma e sangue”.
La campagna
Quest’anno in occasione della giornata il CNS e il CIVIS, il coordinamento delle associazioni e federazioni dei donatori di sangue, che riunisce Avis, Fidas, Fratres e Croce Rossa, hanno organizzato una campagna, che ri-prende quella dell’Oms, intitolata quindi ‘Be there for someone else’, diretta in maniera particolare alla sensibilizzazione dei giovani sul tema della donazione. L’iniziativa prevede una pagina web sul sito del Cns che verrà messa on line il 14 giugno che raccoglie video di testimonianza raccolti sia tra i pazienti che tra i donatori, iniziative specifiche e contributi di personaggi famosi del mondo dello spettacolo e dello sport. Il materiale verrà anche rilanciato sui diversi social network. Fa parte della campagna anche una conferenza internazionale sulla donazione di plasma prevista per il 15 giugno in collaborazione con Fiods, la federazione internazionale dei donatori di sangue.
“La donazione di sangue ed emocompononenti è un atto volontario, anonimo e responsabile: per questo in occasione del 14 giugno vogliamo innanzitutto dire grazie al milione e 680mila donatori che tendono il proprio braccio a favore di quanti necessitano di terapie trasfusionali – ricorda Aldo Ozino Caligaris, portavoce pro-tempore del Civis – Al tempo stesso, tuttavia, è necessario continuare nell’attività di sensibilizzazione delle nuove generazioni affinché sperimentino l’importanza di questo gesto etico e solidaristico a favore degli altri e di se stessi in quanto contribuisce a tenere sotto controllo il proprio stato di salute e a perseguire corretti stili di vita”
Lo spot
Su iniziativa della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento informazione e editoria verrà riprogrammato sulle reti RAI lo spot sulla donazione del sangue realizzato dal Dipartimento nel 2015 a firma con-giunta Presidenza del Consiglio e Ministero della Salute.
Due nuovi strumenti contro le carenze
Due iniziative appena introdotte potrebbero aiutare le Regioni a far fronte alle carenze “periodiche” che si verificano nei mesi estivi e in quelli di picco dell’influenza. Il Ministero della Salute ha inserito per la prima volta i donatori di sangue tra le categorie per cui è possibile offrire gratuitamente il vaccino antinfluenzale, e una raccomandazione del Centro Nazionale Sangue dà la possibilità a tutte le Regioni di non sospendere i donatori che provengono da aree dove è presente il virus West Nile ma di fare loro il test per scoprirne l’eventuale presenza.

Altri dati

Dal grafico si vede l’aumento negli anni dei donatori nelle fasce più avanti con l’età, mentre calano quelli giovani

I donatori regione per regione

(fonte Centro Nazionale Sangue)

Informare sul dono del sangue: un corso per giornalisti a Catania

Mercoledì 20 giugno a Catania, negli Uffici della Presidenza Regionale, si svolgerà il corso “Comunicare il dono del sangue” che fa parte del percorso “Informazione sulla donazione di sangue ed emocomponenti”, rivolto ai giornalisti pubblicisti, praticanti e professionisti.

Il corso, diretto e moderato da Vincenzo Caruso, responsabile sanitario dell’ADVS-FIDAS Catania, prenederà il via alle 15 con i saluti istituzionali ed avrà l’obiettivo di mettere a confronto il mondo della medicina e quello dell’informazione sui temi della donazione del sangue: ed ha la finalità di promuovere strategie comunicative e suggerimenti deontologici e tecnici per una scientifica e corretta informazione

Interverranno Santi Sciacca, Direttore UOC SIMT Garibaldi di Catania, Giovanni Garozzo, Direttore dell’UOCC di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale di Ragusa e delegato SIMTI Sicilia, Feliciano Medeot, vicepresidente vicario FIDAS Nazionale e Francesco Santocono, Responsabile UOS Comunicazione ed Informazione ARNAS Garibaldi.

Il corso è riconosciuto valido per il conseguimento dei crediti formativi dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia. E’ possibile effettuare l’iscrizione attraverso la piattaforma SIGEF.

Esserci per qualcun altro. Il 15 giugno un convegno per la Giornata mondiale del donatore di sangue

Il 15 giugno 2018 a Roma presso l’Aula Pocchiari dell’Istituto Superiore di Sanità si terrà il convegno “Esserci per qualcun altro. Dona il plasma. Condividi la vita”, organizzato dal Centro Nazionale Sangue in collaborazione con la FIODS – Federazione Internazionale delle Organizzazioni dei Donatori di Sangue. Obiettivo dell’evento è delineare un quadro aggiornato del contesto internazionale di riferimento in materia di circolazione e disponibilità di medicinali plasmaderivati, anche in relazione alle dinamiche emergenti nei grandi Paesi del continente asiatico e, in aggiunta, di fornire elementi di approfondimento sui requisiti per la donazione e raccolta del plasma in aferesi con una rassegna di alcune significative esperienze a livello nazionale. Nello spirito della celebrazione della Giornata mondiale del donatore di sangue, l’evento rappresenta, inoltre, un momento di condivisione fra il cittadino sano ed il paziente attraverso brevi testimonianze di donatori e di pazienti per i quali i prodotti del sangue hanno rappresentato e rappresentano una terapia salva-vita.
Il convegno è destinato al personale di Associazioni e Federazioni dei donatori volontari di sangue, Assessorati regionali alla salute e Responsabili delle Strutture regionali di coordinamento per le attività trasfusionali, Medici e Operatori dei Servizi trasfusionali e delle Unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, Associazioni e Federazioni dei donatori di organi, cellule e tessuti, Medici e Operatori coinvolti nella donazione  e trapianto di organi, cellule e tessuti, Associazioni e Federazioni di pazienti.

Modalità di iscrizione: La domanda di partecipazione deve essere debitamente compilata, stampata, firmata, digitalizzata ed inviata per e-mail alla Segreteria Organizzativa all’indirizzo segreteriagenerale.cns@iss.it entro il 13 giugno 2018. La partecipazione all’evento è gratuita. Le spese di viaggio e soggiorno sono a carico del partecipante.
Saranno ammessi un massimo di 150 partecipanti, selezionati secondo l’ordine di arrivo della domanda. L’ammissione all’evento sarà confermata ai richiedenti a mezzo e-mail. Previsto il servizio di traduzione simultanea.

Catania, 15 maggio: “La donazione del sangue in qualità e sicurezza”

Caruso La donazione..Si svolgerà presso l’Aula Dusmet del Polo Ospedaliero Garibaldi Centro di Catania la seconda edizione del convegno “La donazione del sangue in qualità e sicurezza”, corso di formazione per operatori sanitari dei centri di raccolta (medici, infermieri, biologi e tecnici di laboratorio).

Il corso, diretto e moderato da Vincenzo Caruso, responsabile sanitario dell’ADVS-FIDAS Catania e da Santi Sciacca, direttore SIMT Garibaldi di Catania, organizzato dall’ADVS FIDAS e dall’Arnas Garibalri, prenederà il via alle 15 con i saluti istituzionali. In seguito il responsabile del Centro Regionale Sangue della Sicilia, Attilio Mele, presenterà i dati donazionali della Regione, mentre il Direttore dell’UOCC Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Asp 7 di Ragusa, Giovanni Garozzo, presenterà i cambiamenti del percorso donazionale in seguito al DM 2 novembre 2015.

Seguiranno gli interventi del direttore SIMT AOUPVE di Catania Sebastiano Costanzo, in merito alla sicurezza del sangue e quelli di altri esperti che presenteranno un quadro relativo agli emocomponenti nella provincia catanese..

Al via la collaborazione FIDAS – ANCIU

Questa mattina FIDAS ha formalizzato un’altra collaborazione importante: la firma del protocollo d’intesa con l’ANCIU (Associazione Nazionale dei Circoli Italiani Universitari) rappresentata dal presidente Giuseppe La Sala. Con questo accordo ANCIU e FIDAS instaurano un rapporto di collaborazione, nel rispetto delle specificità e finalità istituzionali, per promuovere congiuntamente opportunità e iniziative di collaborazione.

LogoANCIUQuesti gli obiettivi dell’accordo:

1. avviare attività continuative di confronto tese a garantire in modo stabile il raccordo e le comunicazioni tra ANCIU, i Circoli ad essa aderenti e la popolazione universitaria e FIDAS e le Associazioni federate ad essa aderenti;

2. promuovere, sostenere e sviluppare iniziative volte alla crescita, tra tutte le componenti, della cultura del volontariato in genere e del dono del sangue e dei suoi componenti in particolare, quale atto di partecipazione alla vita sociale ed educazione alla solidarietà;

3. porre in essere esperienze di ricerca e di studio, progetti e stage presso le Associazioni aderenti a FIDAS, in collaborazione con i circoli universitari aderenti a ANCIU che trovino valenza sociale al fine di motivare e di ampliare le scelte di volontariato sociale o di servizio civile da parte dei giovani;

4. favorire, promuovere, sostenere, concorrere ad organizzare (anche sulla base di proposte provenienti delle Associazioni aderenti a FIDAS) eventi, manifestazioni o altre iniziative di reciproco interesse, mirate a conseguire gli obiettivi indicati; incentivare la cultura della donazione con iniziative rivolte all’adesione della popolazione universitaria e degli associati ai circoli universitari aderenti all’ANCIU, anche attraverso l’invio di comunicazioni congiunte di invito a diventare donatori di sangue.