Bioetica e diritto alla salute: un convegno a Porto Cesareo (LE)

Porto CesareoSi svolgerà sabato 12 maggio alle 18.30 presso l’Isola Lo Scoglio, il convegno “Bioetica e Diritto alla Salute. Donare per la Vita”, organizzato dalla FIDAS Porto Cesareo in collaborazione con la FIDAS Leccese, l’ADISCO (Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale) e l’ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo).

“Questo convegno apre il calendario delle attività previste per la terza edizione dell’Alto Riconoscimento Virtù e Conoscenza – afferma Cosimo Damiano Arnesano, presidente FIDAS Porto Cesareo – che vanta il patrocinio oltre che del Comune di Porto Cesareo e della Regione Puglia, anche dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, della Provincia di Lecce, dell’Università degli Studi di Bari e dell’Università del Salento, dell’Università di Foggia e dell’UNIMED – Unione delle Università del Mediterraneo”. E aggiunge: “In Italia non ci sono donatori sufficienti per aiutare chi ha bisogno. L’obiettivo di questo convegno, pertanto, è quello di informare e sensibilizzare a compiere un gesto di solidarietà che in molti casi può salvare la vita. Si parlerà non solo di donazione del sangue, indispensabile per molte terapie e situazioni di emergenza, ma anche di donazione di organi e di tessuti, di donazione di cellule staminali attraverso prelievi dal midollo osseo, dal cordone ombelicale e dalla placenta, utilizzate per curare leucemie, talassemie ed altri gravi patologie”.

Dopo il benvenuto di Salvatore Albano (Sindaco di Porto Cesareo), daranno i saluti Emanuele Gatto (Presidente FIDAS Leccese), Cosima Sergi (Presidente FIDAS Puglia), Maria Stea (Presidente ADMO Puglia) e Giuseppe Garrisi (Presidente Nazionale ADISCO). Introdurrà e modererà Laura Tundo Ferente (Docente di Filosofia Morale e Bioetica all’Università del Salento). E’ prevista la testimonianza di alcune persone trapiantate.

INTERVERRANNO:

– Angelo Ostuni (Responsabile del Centro Trasfusionale del Policlinico di Bari e Direttore della Struttura Regionale di Coordinamento della Medicina Trasfusionale della Puglia), si soffermerà su “Il Reclutamento e la gestione del donatore”;

– Nicola Cascavilla (Direttore del Dipartimento di Oncoematologia e Trapianto del Midollo Osseo dell’Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo), parlerà di “Trapianto del midollo osseo. Scenario attuale e prospettive future;

– Nicola Di Renzo (Direttore Immunoematologia e medicina trasfusionale dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce), darà “Indicazioni al trapianto di cellule staminali”;

– Michele Santodirocco (Medical Director della Banca del Cordone Ombelicale della Regione Puglia) tratterà “La funzione della banca del sangue cordonale. Le malattie curabili con l’utilizzo delle cellule del sangue staminale”;

– Vanessa De Pace (Ricercatrice in Chirurgia Generale Trapianti c/o Ospedale Sant’Orsola di Bologna), relazionerà su “Incremento del donator pool nel trapianto di fegato e rene”.

Concluderà Maurizia Pierri (Docente Diritto Pubblico Comparto all’Università del Salento), che a 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione della Repubblica Italiana si soffermerà sul diritto alla salute.

Per l’occasione saranno consegnate le Onorificenze ai donatori FIDAS Porto Cesareo, mentre ai giovani che compiono la maggiore età nel 2018 sarà consegnata, in omaggio, una copia della Costituzione della Repubblica Italiana.

L’ingresso è libero.

Donare, voce del verbo imparare. Quattro incontri con la FIDAS Polesana

Locandina Donare Voce del Verbo ImparareA partire da venerdì 4 maggio la FIDAS Polesana di Adria (RO) organizza quattro incontri di informazione e prevenzione.

Si comincia a Pettorazza, presso la Sala Civica, con “La bioetica nelle questioni di fine vita. Il testamento biologico” presentata dal dottor Andrea Finessi, presidente del Comitato Etico per la pratica clinica ULSS 5 Polesana e “La donazione di sangue: un aiuto concreto per chi soffre” a cura della presidente FIDAS Polesana Roberta Paesante.

Venerdì 11 maggio appuntamento a Ca’ Emo, dove si parlerà di comunicazione come informazione e come scambio. Venerdì 8 giugno a Scardovari si affronteranno i temi dell’alimentazione e dei corretti stili di vita, mentre giovedì 21 giugno a Loreo la conclusione sarà riservata a “Emergenza e primo soccorso” e Comunicazione del dono.