istituzionali

Si torna a donare nell’isola di Ischia

Dopo più di un anno si torna a donare nell’isola di Ischia. Domenica 26 agosto dalle 8 alle 12.30 i tanti volontari ischitani della FIDAS potranno tornate a tendere il braccio a favore di quanti necessitano di servizi trasfusionali. E ad oggi già 50 persone si sono prenotate per dare nuova linfa al volontariato del dono nell’isola.

Da un anno a questa parte, infatti, non era stato più possibile raccogliere sangue ed emocomponenti ad Ischia in quanto è stato necessario adeguarsi a nuove disposizioni sulla raccolta. Tuttavia il lavoro portato avanti da Luigi Trani, presidente di FIDAS Ischia, ha portato alla ripresa dell’attività anche grazie alla collaborazione dell’AVIS che ha messo a disposizione la propria autoemoteca per tre giornate di raccolta che si svolgeranno tra fine agosto e il mese di settembre e del Servizio trasfusionale dell’Ospedale Cardarelli che proprio in quest’ultimo periodo ha sottolineato la difficoltà di garantire le terapie trasfusionali per i pazienti.

L’autoemoteca dell’AVIS sarà collocata nell’area antistante l’ingresso dell’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno. L’attività coordinata dal Direttore del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale del Cardarelli, Michele Vacca è stata fortemente voluta da tutti gli attori in campo, a seguito di una riunione di emergenza tenutasi lo scorso 16 agosto presso l’ospedale Cardarelli di Napoli, per far fronte alla grave situazione in cui ci si è venuti a trovare.