All’Università di Firenze il Master di II livello in Medicina trasfusionale

Il Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell’Università degli Studi di Firenze ha istituito per l’anno accademico 2017/2018 il Master di II livello in Medicina Trasfusionale.
Il Master si propone di offrire un percorso formativo accademico in Medicina Trasfusionale; tale percorso intende favorire l’apprendimento e l’aggiornamento delle conoscenze e delle competenze tecnico scientifiche multidisciplinari che convergono a formare questa disciplina.
Il corso avrà la durata di 20 mesi (biennale) con inizio il 26 febbraio 2018.

Al corso si accede mediante una selezione pubblica.
I titoli richiesti per l’ammissione alla selezione per l’iscrizione al Master sono:
• laurea magistrale conseguita secondo l’ordinamento ex DM 270/2004 nella seguente classe: LM-41 Medicina e Chirurgia;
• oppure laurea specialistica conseguita secondo l’ordinamento ex DM 509/1999 equiparata ai sensi del DI 9 luglio 2009.
• oppure laurea conseguita secondo l’ordinamento antecedente al DM 509/1999 in: Medicina e Chirurgia; oppure altra laurea conseguita secondo l’ordinamento antecedente al DM 509/1999 di contenuto strettamente affine, ritenuta idonea dal Comitato Ordinatore o da una Commissione appositamente nominata.
• oppure titoli accademici conseguiti all’estero valutati equivalenti, ai soli fini dell’accesso al Master, dal Comitato Ordinatore o da una Commissione appositamente nominata, unitamente al possesso dell’abilitazione all’esercizio della professione se necessaria ai fini della partecipazione al Master, in particolare per lo svolgimento delle attività di tirocinio. Possono presentare domanda i candidati in possesso di un titolo accademico equiparabile per durata e contenuto al titolo accademico italiano richiesto per l’accesso al corso.
Il numero massimo delle iscrizioni è 12.

Scarica il bando del Master di II livello in medicina trasfusionale Universitù di Firenze 2017

Sospese le misure di prevenzione Chikungunya nel comune di Roma

Sulla base dei dati epidemiologici relativi ai focolai epidemici da virus Chikungunya (CHIKV), trasmessi dal Servizio Regionale per l’Epidemiologia, Sorveglianza e controllo delle Malattie Infettive (SeRESMi) della Regione Lazio, che dimostrano l’assenza di nuovi casi di infezione umana da CHIKV nelle ultime tre settimane nel comune di Roma, in accordo con la Direzione generale Salute e Politiche sociali e la Struttura di Coordinamento per le Attività Trasfusionali della predetta Regione nonché con i competenti Dipartimenti dell’Istituto Superiore di Sanità, il Centro Nazionale Sangue dispone, con decorrenza dal 10 novembre 2017, la sospensione delle misure di prevenzione, locali e nazionali, della trasmissione dell’infezione da CHIKV mediante la trasfusione di emocomponenti labili adottate per il comune di Roma. Per quanto attiene alle disposizioni di livello locale e nazionale relative al comune di Anzio, rimangono vigenti ed immodificate le ultime disposizioni già emanate il 16 ottobre u.s.

Misure di prevenzione West Nile Virus nella stagione estivo-autunnale 2017

westnilevirusA parziale modifica della circolare del 06 giugno 2017 (Indicazioni per la sorveglianza e la prevenzione della trasmissione dell’infezione da West Nile Virus mediante la trasfusione di emocomponenti labili nella stagione estivo-autunnale 2017), in considerazione delle attuali evidenze epidemiologiche e dell’andamento climatico e meteorologico stagionale, il Centro Nazionale Sangue comunica che tutti i provvedimenti finalizzati alla prevenzione della trasmissione dell’infezione da West Nile Virus mediante la trasfusione di emocomponenti labili sono prorogati fino alla data del 30 novembre 2017.
Inoltre precisa che anche i provvedimenti relativi ai territori esteri compresi nelle segnalazioni della stagione estivo-autunnale 2017 si applicano fino alla medesima data. Ricorda, infine, che la sospensione per 28 giorni è applicata durante tutto l’anno per i donatori che abbiano soggiornato negli USA e in Canada.

West Nile Virus: misure di prevenzione in provincia di Sassari e Nuoro

WestNileVirusIn seguito al riscontro di positività in un esemplare di avifauna selvatica (gheppio) nella provincia di Sassari (comprendente i territori dei comuni della provincia di Olbia-Tempio), in considerazione della vicinanza territoriale della località oggetto della segnalazione con il territorio della provincia di Nuoro, comprendente i territori della provincia dell’Ogliastra, la Struttura regionale di Coordinamento per le Attività trasfusionali della Regione Sardegna ha disposto l’introduzione del test NAT per West Nile Virus per le donazioni di sangue ed emocomponenti per le provincie di Sassari e Nuoro ed ha esteso la sospensione di 28 giorni per tutti i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nelle suddette province.

Nell’area Documenti dal CNS, la comunicazione completa del Centro Nazionale Sangue.

West Nile Virus: aggiornamento misure di prevenzione in Romania – distretto di Neamt

westnilevirusA seguito della segnalazione sul sito dell’European Centre Disease and Control — ECDC di casi confermati di malattia da West Nile Virus nel distretto di Neamt (Romania), in ottemperanza alla circolare Prot. n. 1230.CNS.2017 “Indicazioni per la sorveglianza e la prevenzione della trasmissione trasfusionale dell’infezione da WNV – Stagione estivo-autunnale 2017”, il Centro Nazionale Sangue dispone, ai sensi del decreto ministeriale 2 Novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli ernocomponentr, l’applicazione su base nazionale del provvedimento di esclusione temporanea per 28 giorni dei donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nelle aree indicate.

Nell’area documenti dal CNS la comunicazione completa.

Misure di prevenzione West Nile Virus per dipartimento Alpi Marittime (Francia)

westnilevirusA seguito della segnalazione sulla piattaforma “Rapid Alert on Substances of Human Origin (SoHO) – Blood” di un caso confermato di malattia da West Nile Virus nel dipartimento delle Alpi Marittime (Francia), in ottemperanza alla circolare Prot. n. 1230.CNS.2017 “Indicazioni per la sorveglianza e la prevenzione della trasmissione trasfusionale dell’infezione da WNV – Stagione estivo-autunnale 2017”, il  Centro Nazionale Sangue dispone, ai sensi del decreto ministeriale 2 Novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”, l’applicazione su base nazionale del provvedimento di esclusione temporanea per 28 giorni dei donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nell’area indicata.

Nell’area normativa, documenti dal CNS, la comunicazione completa in merito alla diffusione del West Nile Virus.

Sospese le misure di prevenzione Chikungunya nel comune di Latina

centronazionalesanguelogoIn considerazione della evoluzione della situazione epidemiologica del focolaio epidemico da virus Chikungunya illustrata dal rapporto quotidiano prodotto dal Servizio Regionale per l’Epidemiologia, Sorveglianza e controllo delle Malattie Infettive (SeRESMi), su mandato della Direzione generale Salute e Politiche sociali della Regione Lazio, dal quale si evince l’assenza di attività del focolaio epidemico nel comune di Latina, in accordo con la predetta Direzione, i competenti Dipartimenti dell’Istituto Superiore di Sanità e la. Struttura di Coordinamento per le Attività Trasfusionali della Regione Lazio (SRC), il Centro Nazionale Sangue dispone, con decorrenza immediata, la sospensione delle misure di prevenzione, locali e nazionali, della trasmissione dell’infezione da virus Chikungunya mediante la trasfusione di emocomponenti labili adottate per il comune di Latina il 4 ottobre 2017.
Per quanto attiene alle disposizioni di livello locale e nazionale relative al comune di Roma e al comune di Anzio, rimangono vigenti ed immodificate le ultime disposizioni già emanate il 16 ottobre u.s.

Misure di prevenzione WNV in Turchia e Romania

westnilevirusA seguito della segnalazione sul sito dell’European Centre Disease and Control ECDC di casi confermati di malattia da WNV nelle province di Sanliurfa, Hatay e Adana (Turchia) e nel distretto di Mures (Romania), in ottemperanza alla circolare Prot. n. 1230.CNS.201 7 “Indicazioni per la sorveglianza e la prevenzione della trasmissione trasfusionale dell’infezione da WNV – Stagione estivo-autunnale 2017”, il Centro Nazionale Sangue dispone, ai sensi del decreto ministeriale 2 Novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”, l’applicazione su base nazionale del provvedimento di esclusione temporanea per 28 giorni dei donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nelle aree indicate.

Nell’area normativa, documenti dal CNS, la comunicazione completa in merito alla diffusione del West Nile Virus.