West Nile Virus: misure di prevenzione in provincia di Ferrara

In seguito al riscontro nel comune di Ostellato (FE) un esemplare di avifauna selvatica (gazza) positivo per West Nile Virus, confermato dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna (IZSLER), il Centro Regionale Sangue della Regione Emilia Romagna ha introdotto il test NAT per West Nile Virus per le donazioni di sangue ed emocomponenti in tutta la provincia di Ferrara. Inoltre, viene disposta su base nazionale la sospensione di 28 giorni per tutti i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella suddetta provincia.

Nell’area normativa, documenti dal CNS, la comunicazione completa del Centro Nazionale Sangue

Nuovo corso FAD SIMTI: “La prevenzione dell’errore trasfusionale da incompatibilità ABO”

SIMTI comunica che da lunedì 6 marzo 2017 è disponibile online un nuovo Corso FAD. Il titolo del corso è “La prevenzione dell’errore trasfusionale da incompatibilità ABO”.
Il Corso, rivolto a medici, biologi, tecnici ed infermieri, ha come obiettivo principale migliorare la conoscenza e la consapevolezza degli operatori sanitari dei Servizi Trasfusionali. Ma anche delle strutture che effettuano le trasfusioni e delle Direzioni Ospedaliere sull’importanza della corretta identificazione del paziente e delle unità di sangue al fine di prevenire l’errore trasfusionale ABO.
I partecipanti, alla luce degli aspetti scientifici e dei vincoli normativi, acquisiranno conoscenze e competenze sulla prevenzione delle trasfusioni ABO incompatibili, sulla corretta gestione della terapia trasfusionale, e in generale sulle strategie per migliorare la sicurezza del processo trasfusionale e per ridurre il rischio, anche in relazione alla Raccomandazione n. 5 del Ministero della Salute.
Infine ci si prefigge di rendere maggiormente consapevoli gli operatori sanitari sul necessario miglioramento del Sistema di Emovigilanza Nazionale anche per gli aspetti che riguardano gli errori trasfusionali e i near miss correlati al processo di trasfusione. Il programma formativo, strutturato in 12 lezioni tenute da altrettanti docenti, prevede la presentazione delle diapositive e un testo di approfondimento scientifico per ogni argomento. Nel programma vengono affrontati: il rischio in Medicina Trasfusionale e i dati epidemiologici, cosa fare per prevenire gli errori, l’applicazione delle procedure, l’identificazione attiva del paziente e l’utilizzo del braccialetto identificativo e degli strumenti barriera. Infine, come gestire l’evento avverso: l’unità di crisi e la comunicazione al paziente.

Quote di iscrizione:
Euro 40,00 (IVA inclusa) per Soci – Affiliati SIMTI
Euro 120,00 (IVA inclusa) – Non Soci – Non Affiliati SIMTI
Durata del corso:
6 marzo – 20 dicembre 2017
Ore di formazione:
12 ore (tempo stimato per le lezioni e gli approfondimenti)
Numero Crediti ECM:
12 crediti

Per questo nuovo Corso SIMTI ha confermato il dr. Francesco Bennardello quale Responsabile scientifico e scelto i singoli docenti per la loro comprovata esperienza e competenza.
È possibile iscriversi accedendo direttamente alla homepage SIMTI attraverso il banner SIMT FAD Errore ABO (Biomedia provider).
Le modalità operative sono le medesime dei precedenti corsi FAD, ma la Segreteria Nazionale SIMTI resterà comunque a disposizione di quanti avranno necessità di chiarimenti e ulteriori dettagli per l’iscrizione.

 

Prevenzione e sorveglianza West Nile Virus stagione estiva-autunnale 2017

Mosquito_2Il virus del Nilo Occidentale (conosciuto con la denominazione inglese di West Nile Virus) è un Arbovirus che solo accidentalmente può infettare l’uomo. L’infezione umana è in oltre l’80% dei casi asintomatica; nel restante 20% dei casi i sintomi sono quelli di una sindrome pseudo-influenzale. Nell’ 0,1% di tutti i casi (comprensivi dei sintomatici ed asintomatici), l’infezione virale può provocare sintomatologia neurologica del tipo meningite, meningo-encefalite.

Le evidenze scientifiche nazionali ed internazionali hanno recentemente dimostrato l’efficacia dei piani di sorveglianza sistematica delle catture di zanzare vettrici e di sorveglianza attiva degli uccelli selvatici nel fornire informazioni precoci sulla circolazione del West Nile Virus.

Per tutta la stagione estivo-autunnale 2017 il Centro Nazionale Sangue provvederà ad emanare, attraverso specifiche circolari, le disposizioni inerenti le misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale del WNV. Effettuerà inoltre il monitoraggio settimanale della situazione epidemiologica internazionale attraverso la consultazione del sito dell’European Centre for Disease and Control (ECDC).

Indicazioni per la sorveglianza e la prevenzione della trasmissione trasfusionale dell’infezione da WNV – Stagione estivo-autunnale 2017

West Nile Virus 1

 

La valutazione della legislazione europea sul sangue: la road map italiana

La Commissione Europea ha annunciato l’inizio del primo processo di valutazione della legislazione dell’Unione Europea su sangue, tessuti e cellule, emanata con il principale obiettivo di garantire la disponibilità di sangue, cellule e tessuti con livelli elevati e omogenei di qualità e sicurezza per i cittadini europei.

La valutazione avviene a distanza di oltre 10 anni dall’adozione delle Direttive, un intervallo temporale lungo il quale si sono registrati un notevole grado di progresso scientifico e tecnologico nei settori interessati e nuovi rischi di trasmissione di malattie emergenti. La consultazione, che coinvolge tutti gli stakeholder nazionali, è stata lanciata con l’intento di produrre una base di evidenze atte a dimostrare la necessità di apportare eventuali modifiche alla normativa europea.

MinisteroSaluteLOGOIl Ministero della Salute, tramite il Centro Nazionale Sangue, ai fini di una partecipazione il più possibile informata e motivata al processo di valutazione della legislazione in materia di sangue, ha delineato una road map italiana per la raccolta delle osservazioni, iniziata con l’invio agli stakeholder italiani della lettera della Commissione con tutti i quesiti. Il workshop che si svolgerà martedì 27 giugno p.v. dalle ore 10.00 alle ore 16.00, a Roma, presso l’Aula Bovet dell’Istituto Superiore di Sanità, sarà l’occasione per confrontare e rendere omogenee le segnalazioni che verranno poi trasmesse dal Ministero alla Commissione europea.

Programma preliminare Workshop 27 giugno 2017

FNSI e ISS insieme per comunicare salute

Il sangue per le trasfusioni oggi è sicuro? Che succede quando potrebbe mancare, ad esempio in caso di eventi catastrofici come i terremoti? Perché si può donare il cordone, e cosa si può fare con le sue cellule? E’ corretto affermare che possono essere una ‘assicurazione sulla vita’? Sono alcune delle questioni a cui cercherà di rispondere il corso di formazione per giornalisti “La donazione di sangue e cellule staminali, il sistema italiano tra sicurezze e falsi miti”, in programma all’Istituto Superiore di Sanità il prossimo 31 maggio. Il corso, frutto dell’accordo ISS-FNSI, è organizzato dall’ISS in memoria di Francesco Marabotto.

Il corso affronterà il tema della donazione dal punto di vista organizzativo e scientifico ma anche etico e comunicativo, affrontando i possibili rischi derivanti da una gestione errata delle informazioni, come avvenuto ad esempio nel caso del terremoto di Amatrice in cui la diffusione di notizie su una presunta ‘emergenza sangue’ ha portato a una ‘corsa alla donazione’ ingiustificata. Una sessione affronterà anche il tema del ruolo dei media nel veicolare i messaggi sull’uso delle staminali con conseguenze dirette sulle scelte dei potenziali donatori.

(fonte Istituto Superiore di Sanità)

Scarica il programma

 

8 maggio: giornata mondiale della talassemia. Il grazie di United

2162-understanding-thalassemia-world-thalassemia-day-2012In occasione della giornata mondiale della talassemia, che si celebra il prossimo 8 maggio, la Comunità di pazienti che si raccoglie in United, la federazione di Associazioni che si occupano di Talassemia, Drepanocitosi e Anemie Rare, in Italia, presieduta da Valentino Orlandi rivolge il più sentito ringraziamento a tutti i donatori di sangue che con il loro grande gesto regalano a tanti pazienti talassemici la vita: “Non finiremo di esserVi riconoscenti e di ringraziarVi per i quotidiani sforzi operati a nostro favore”.

 

Aggiornamenti Zika Virus 21 aprile 2017

ECDC_logo.svg-300x266Zika Virus: nuovi aggiornamenti forniti dall’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) e dalla Pan American Health Organization (PAHO) relativi alla conferma di recenti casi autoctoni d’infezione in Argentina (Provincia del Chaco).
Tali riscontri fanno seguito alle precedenti comunicazioni che segnalavano la presenza del virus nelle seguenti aree geografiche:

· Brasile
· Colombia
· Suriname
· Guatemala
· El Salvador
· Indonesia
· Capo Verde
· Messico
· Panama
· Paraguay
· Venezuela
· Honduras
· Guyana Francese
· Martinica
· Porto Rico
· Guyana
· Haiti
· Saint Martin
· Barbados
· Bolivia
· Ecuador
· Guadalupa
· Repubblica Dominicana
· Thailandia
· Isole Vergini Americane
· Nicaragua
· Curaçao
· Giamaica
· Costa Rica
· Maldive
· Aruba
· Bonaire
· Trinidad e Tobago
· Saint Vincent e Grenadine
· Sint Maarten
· Filippine
· Cuba
· Dominica
· Vietnam
· Papua Nuova Guinea
· Santa Lucia
· Belize
· Saint-Barthélemy
· Grenada
· Perù
· Argentina (Provincia di Tucuman, Formosa e Salta)
· Anguilla
· Sint Eustatius
· Guinea-Bissau (Isole Bijagos)
· Isola di Saba
· Antigua e Barbuda
· Turks e Caicos (Regno Unito)
· Florida (Stati Uniti d’America)
· Isole Cayman
· Bahamas
· Singapore
· Malesia
· Isole Vergini Britanniche (Regno Unito)
· Saint Kitts e Nevis
· Montserrat
· Texas (Stati Uniti d’America)
· Isole del Pacifico (costante presenza del virus)

Ulteriori informazioni sono disponibili ai seguenti link:

http://ecdc.europa.eu/en/Pages/home.aspx

http://www2.paho.org/hq/index.php?option=com_content&view=article&id=11603&Itemid=41696&lang=en

Considerata la notevole estensione geografica dell’Argentina, le misure introdotte dalla presente nota si applicano in riferimento alla Provincia indicata (Provincia del Chaco).

Nell’ambito delle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale, si raccomanda di applicare quanto contenuto nella circolare del Centro Nazionale Sangue dell’8 marzo 2016 e nei suoi aggiornamenti del 18 marzo 2016 e del 30 agosto 2016.