Carenza sangue: l’invito a donare del CNS e del CIVIS

Con l’avvicinarsi del mese di agosto iniziano le segnalazioni di carenze di sangue in diverse regioni. È quanto segnala il Centro nazionale sangue, che invita chi può ad andare a donare prima di partire per le vacanze.
Tutte le informazioni su come fare, ma anche per fugare eventuali dubbi sono sul nuovo portale realizzato con il Ministero della Salute all’indirizzo www.donailsangue.salute.gov.it.
L’appello vale per tutto il territorio nazionale, anche perché l’autosufficienza è garantita anche dalla compensazione tra regioni, per cui chi raccoglie di più dona a chi è carente. “In questi ultimi giorni anche regioni che solitamente raccolgono più sangue di quello che consumano hanno invece qualche problema a garantire la compensazione”, spiega il direttore del CNS Giancarlo Maria Liumbruno.

“A rischio – continua – ci sono terapie salvavita, considerando ad esempio che per un paziente leucemico servono otto donatori a settimana o che le talassemie e le altre emoglobinopatie assorbono circa il 10% delle unità raccolte sul territorio nazionale. A rischio anche gli interventi chirurgici: ad esempio per un trapianto cuore-polmoni possono essere usate fino a 30-40 sacche di sangue”. Il consiglio è quindi, per chi ha i requisiti, di andare a donare approfittando degli ultimi giorni prima delle ferie.

Sul portale, presentato insieme ad una campagna informativa diretta ai più giovani in occasione della Giornata mondiale del donatore di sangue del 14 giugno, sono presenti tutte le indicazioni dei centri dove è possibile donare, delle caratteristiche che deve avere il donatore e degli esami che vengono effettuati al momento della donazione.
Alcune infografiche sfatano anche i falsi miti più diffusi, come quello secondo cui chi ha un tatuaggio è sospeso definitivamente. Per far fronte alle carenze si sono attivate anche le associazioni, che stanno invitando gli iscritti a recarsi a donare.
“I pazienti purtroppo non vanno in vacanza “, sottolinea il portavoce del Civis, il coordinamento delle associazioni e federazioni nazionali dei donatori di sangue (AVIS, Croce Rossa Italiana, FIDAS e Fratres), Paolo Monorchio. “I cittadini sanno rispondere consapevolmente e responsabilmente agli appelli, tuttavia è importante comprendere che la vera sfida del sistema è assicurare quotidianamente e in ogni periodo dell’anno le disponibilità di sangue ed emocomponenti che garantiscono gli oltre ottomila eventi trasfusionali ogni giorno effettuati nel Paese”, conclude.

Il Decreto crescita è legge: prorogato il termine per la modifica degli statuti ETS

Dopo il sì della Camera, è arrivato anche il via libera da Palazzo Madama al Decreto crescita: con 158 “sì” il Senato della Repubblica Italiana ha approva uno dei Decreti più discussi negli ultimi mesi, il decreto legge del 30 aprile 2019, n.34 recante misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi., facendogli superare la scadenza e convertendolo in Legge.

Le integrazioni e correzioni introdotte dalla Camera dei Deputati lo scorso 22 giugno sono state così confermate; tra queste le norme che modificano la “Legge spazza corrotti” per le organizzazioni di Terzo settore e  la proroga al 30 giugno 2020 per la modifica degli statuti degli Enti del Terzo Settore.

In deroga al termine di cui all’articolo 101, comma 2, del codice del terzo settore (i famosi 24 mesi già concessi e in scadenza il prossimo 3 agosto 2019) i termini per l’adeguamento degli statuti delle bande musicali, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni di promozione sociale sono prorogati al 30 giugno 2020.

Numerose le considerazioni positive e negative. Innanzitutto ci si chiede il perché dell’inserimento delle bande musicali, realtà peraltro già costituite in forma di ONLUS, APS o ODV e prive di un riconoscimento associativo se non in forza di qualche legge regionale per le quali, se in forma associativa ex art. 36 e ss. del Codice Civile, non sono tenute ad alcun termine di adeguamento.
La conseguenza più sorprendete è che con la concessione di questa nuova dilazione porterà ad un ritardo della trasmigrazione dei dati dai vecchi registri al RUNTS con l’esito naturale che il varo del Registro non potrà che avvenire prima dell’ 1 gennaio 2021.

Il testo approvato, infatti, ha stabilito che «in deroga a quanto previsto dall’articolo 101, comma 2, del codice del Terzo settore, di cui al decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117, i termini per l’adeguamento degli statuti delle bande musicali, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale sono prorogati al 30 giugno 2020. Il termine per il medesimo adeguamento da parte delle imprese sociali, in deroga a quanto previsto dall’articolo 17, comma 3, del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 112, è differito al 30 giugno 2020 ».

Scarica il testo completo del Decreto Crescita

La Camera approva il decreto crescita: la proroga della modifica degli statuti è un’occasione mancata per dare certezza agli enti di Terzo settore

La Camera ha votato la fiducia al Decreto “crescita” che ora passa al Senato. Nel decreto sono incluse le norme che modificano la “Legge spazzacorrotti” per le organizzazioni del Terzo settore. “Si tratta di una iniziativa positiva per la quale il Forum si era adoperato nei mesi scorsi e che elimina una serie di appesantimenti burocratici per le associazioni e le imprese sociali”. Così dichiara la Portavoce del Forum Terzo Settore Claudia Fiaschi.

La proroga per la modifica degli statuti di Organizzazioni di Volontariato, Associazioni di Promozione Sociale e Onlus, formulata nuovamente con una scadenza disancorata dalla data di effettiva entrata in vigore del Registro Unico complica ulteriormente il quadro applicativo della riforma – prosegue Claudia Fiaschi – soprattutto per i numerosi enti che in questi mesi hanno già provveduto a mettersi in regola e modificare gli statuti nelle proprie assemblee.”

“Il Forum prosegue nella sua opera di confronto e collaborazione col governo per creare quanto prima un indispensabile quadro di certezza e nel lavoro di assistenza agli enti che nei prossimi mesi hanno già convocato le proprie assemblee. – prosegue Fiaschi. Le oltre trecentomila organizzazioni di Terzo settore del nostro Paese sono da troppo tempo in una situazione di incertezza che non gli consente di operare al meglio e programmare il proprio futuro. È ora di superare questa situazione di stallo, predisponendo i provvedimenti mancanti, necessari per la piena operatività della riforma, primo tra tutti la richiesta dell’autorizzazione EU sui benefici fiscali.”

“Ci auguriamo che nel passaggio al Senato il Decreto Crescita possa essere migliorato, delineando il quadro di certezze atteso dal nostro mondo” – conclude la portavoce del Forum.

(fonte: Forum Terzo Settore)

Il grazie di FIDAS ai donatori di sangue

“In occasione della Giornata mondiale del donatore di sangue vogliamo dire grazie ai 450mila donatori di sangue delle Associazioni federate FIDAS. Grazie al loro impegno quotidiano riusciamo a contribuire in modo significativo all’autosufficienza di sangue ed emocomponenti in modo da soddisfare le necessità di quanti ogni giorno necessitano di terapie trasfusionali”. Così Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale FIDAS nel corso della giornata che in ogni parte del mondo rende onore ai donatori di sangue. “Il sistema italiano è un esempio virtuoso da seguire, ma possiamo sempre migliorare – continua il presidente. – Oggi in diverse parti di Italia le associazioni federate sono impegnate in attività di raccolta, informazione e sensibilizzazione sul dono del sangue. Ed è un compito che occorre portare avanti sempre con passione e determinazione, con lo sguardo attento ai giovani in modo che possano avvicinarsi al gesto della donazione”.

La giornata mondiale del donatore di sangue è stata istituita nel 2004 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il 14 giugno è stato scelto in quanto giorno di nascita del biologo austriaco Karl Landsteiner, scopritore dei gruppi sanguigni, nel 1900, e coscopritore del fattore Rh.

Quest’anno la sede scelta per le celebrazioni del 14giugno è la Ruanda, mentre per il 2020 è stata accolta la candidatura dell’Italia.

Forum Terzo Settore: “Proroga utile solo se parte il RUNTS”

loghiforumterzosettoreClaudia Fiaschi, portavoce del Forum del Terzo Settore, commenta con queste parole l’approvazione di un emendamento al Decreto “Crescita” per prorogare la scadenza prevista al 3 agosto per le modifiche degli statuti degli enti di terzo settore prevista dal nuovo codice portandola a giugno del 2020: “La possibile proroga al giugno 2020 per apportare le modifiche statutarie previste dalla Riforma del Terzo Settore può essere utile solo nella misura in cui consenta al nostro mondo di uscire dalla situazione di incertezza legata ai tempi di attivazione del registro unico del Terzo settore”.

“La costituzione di un quadro di certezze è indispensabile – spiega Fiaschi – peraltro molti enti hanno già provveduto in questi mesi a mettersi in regola o hanno già convocato le loro assemblee. La proroga dei termini per le modifiche statutarie potrebbe anche avere una sua utilità – aggiunge la portavoce – solo se ancorata ai tempi di entrata in vigore del registro unico del Terzo settore. Diversamente una nuova scadenza slegata al funzionamento del registro rischia di introdurre ulteriori elementi di incertezza.”

Fonte: Forum del Terzo Settore

“Safe blood for all”. I numeri del sistema sangue e le iniziative per il WBDD

Si è svolta oggi 12 giugno, la conferenza stampa di presentazione delle iniziative collegate alla Giornata Mondiale del Donatore dell’OMS e dei numeri del sistema sangue, presso l’auditorium “C. Piccinno” del Ministero della Salute.

Alla presenza dell’On. Giulia Grillo, Ministro della Salute, il Direttore del Centro Nazionale Sangue Giancarlo Maria Liumbruno ha reso noti i dati di raccolta del 2018: 1.682.724 i donatori volontari in Italia, un aumento dello 0.2% rispetto all’anno precedente.
Si rileva un leggero calo dei nuovi donatori, poco più di 371.000, mentre il 91,7% dei donatori totali risulta essere un volontario associato. Anche nel 2018 l’Italia ha raggiunto l’autosufficienza ematica, conseguendo il 70% per i medicinali derivati dal plasma.

“La donazione in Italia è un’esperienza di particolare valore che si fonda sulla rete di professionisti, sul sistema di erogazione del Servizio Sanitario, il quale prevede un’universalità di terapie erogate per il ricevente, e sulle donazioni. Un gesto di altruismo gratuito e volontario che crea un connubio unico trovando nella rete un’espressione di grande qualità”. Queste le parole dell’On. Giulia Grillo, la quale continua: “dobbiamo tutti lavorare per sostenere e sviluppare il sistema sangue italiano, recentemente riconosciuto come un modello da seguire anche dall’OMS”. Ricordiamo infatti, che la prossima Giornata Mondiale del Donatore di Sangue del 2020 si svolgerà in Italia.

Durante la conferenza stampa è stato inoltre presentato il nuovo portale dedicato ai donatori: www.donailsangue.salute.gov.it, il quale rappresenta una collaborazione tra tutti gli attori del sistema.

“Oltre a ringraziare i donatori di sangue – conclude il presidente Aldo Ozino Caligaris –  per il loro gesto volontario e responsabile a garanzia della terapia trasfusionale per tutti i cittadini, si condivide quanto affermato dal Ministro della Salute relativamente all’importanza di coinvolgere le nuove generazioni sul tema della solidarietà e del dono del sangue, anche al fine di promuovere corretti stili di vita e attuare, in particolare nelle scuole, una reale azione di informazione e di prevenzione sanitaria. Un ringraziamento speciale va ai rappresentati dei pazienti talassemici e delle immunodeficienze primitive per la gratitudine manifestata verso i donatori e l’impegno di una sinergia attiva per conseguire le sfide future del sistema”.

WORLD BLOOD DONOR DAY: il 12 giugno a Roma la Conferenza stampa

Ogni anno il 14 giugno i paesi nel mondo, su impulso dell’Oms, celebrano il World Blood Donor Day. L’evento serve a ringraziare i donatori volontari e non remunerati per il loro ‘dono salvavita’, e per far crescere la consapevolezza della necessità di donazioni di sangue regolari per assicurare la qualità, la sicurezza e la disponibilità del sangue e dei prodotti derivati per i pazienti che ne hanno bisogno. Quest’anno in occasione della giornata il Centro Nazionale Sangue ha organizzato una campagna diretta in maniera particolare alla sensibilizzazione dei giovani. La conferenza stampa, che si svolgerà all’Auditorium “C. Piccinno” del Ministero della Salute in Lungotevere Ripa 1, sarà l’occasione per presentare, oltre ad alcune iniziative legate alla Giornata Mondiale, i numeri aggiornati del sistema sangue italiano.

Programma:
modera Aldo Ozino Caligaris, coordinamento CIVIS
Giancarlo Maria Liumbruno, direttore generale del Centro Nazionale Sangue – I numeri del sistema sangue e le iniziative del ministero della Salute
Paolo Monorchio, referente nazionale sangue CRI e portavoce CIVIS – Il punto di vista dei donatori
Tony Sacca, presidente United – Federazione Italiana Thalassemie, Emoglobinopatie Rare e Drepanocitosi – Le necessità dei pazienti talassemici
Filippo Cristoferi, Associazione Immunodeficienze primitive – Le necessità dei pazienti che dipendono dai plasmaderivati
Conclusioni: Giulia Grillo, ministro della Salute (Invitata)

NB: L’accesso alla sala è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

Codice Terzo Settore: arrivano chiarimenti sui termini e le modalità di adeguamento statutario

È stata pubblicata sul sito del Ministero del Lavoro la nuova circolare (del 31 maggio 2019) che contiene ulteriori e importanti chiarimenti sugli adeguamenti statutari per gli Enti di Terzo settore.

A distanza di soli cinque mesi dalla circolare 20/2018 il Ministero è intervenuto sulle questioni sollevate dalla previsione di cui all’articolo 101 comma 2 del Codice del Terzo settore fornendo alcuni chiarimenti.

L’art. 101, co. 2, d.lgs. 3 luglio 2017, n.117, così come modificato dall’art. 32, d.lgs. 3 agosto 2018, n. 105, dispone che «fino all’operatività del Registro unico nazionale del Terzo settore, continuano ad applicarsi le norme previgenti ai fini e per gli effetti derivanti dall’iscrizione degli enti nei Registri Onlus, Organizzazioni di Volontariato, Associazioni di promozione sociale e Imprese sociali che si adeguano alle disposizioni inderogabili del presente decreto entro ventiquattro mesi dalla data della sua entrata in vigore. Entro il medesimo termine, esse possono modificare i propri statuti con le modalità e le maggioranze previste per le deliberazioni dell’assemblea ordinaria al fine di adeguarli alle nuove disposizioni inderogabili o di introdurre clausole che escludono l’applicazione di nuove disposizioni derogabili mediante specifica clausola statutaria».

Infine si rileva che il Ministero non si esprime rispetto alla perentorietà o prescrittività del termine del 3 agosto 2019, ossia non si pronuncia sulla questione se il mancato adeguamento statutario entro detto termine possa far venir meno l’iscrizione al registro delle Onlus e, conseguentemente, la possibilità di beneficiare degli effetti che ne derivano, oppure se riguarda esclusivamente la facoltà di utilizzo delle maggioranze ordinarie in sede di modifica da parte dell’Ente.

In via precauzionale il termine indicato è interdesi come essenziale affiche i soggetti  Enti del terzo Settore con qualifica Onlus possano mantenere, per la durata del regime transitorio, i benefici derivanti dal possesso della qualifica di Onlus (iscrizione all’Anagrafe Unica delle Onlus).

Nell’attesa di nuovi aggiornamenti si rimanda al sito del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali.

La circolare è disponibile nell’area Documenti/Normativa Terzo Settore e in allegato:

Allegato 1 – Circolare n. 13/2019