Terzo Settore: via libera del Senato alla riforma

forumterzosettore “Salutiamo con soddisfazione l’approvazione da parte del Senato del DDL di Riforma del Terzo Settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale. Il testo che l’Aula del Senato ha finalmente approvato risponde a molte delle istanze che abbiamo sollevato: la definizione di finalità e oggetto di ente di terzo settore e la questione della revisione fiscale, il riordino in materia di servizio civile nazionale con il riconoscimento della difesa non armata della patria e l’allargamento agli stranieri con regolare permesso di soggiorno”. Queste le parole di Pietro Barbieri, portavoce del Forum del Terzo Settore all’indomani dell’approvazione, da parte di Palazzo Madama, del testo di riforma del Terzo Settore.

“In un testo complessivamente positivo – continua Barbieri – certamente rimangono alcune zone d’ombra e qualche dubbio, che però confidiamo di fugare durante la fase di redazione – auspicando tempi rapidi per il nuovo passaggio del DDL alla Camera dei Deputati – dei Decreti Legislativi, momento decisivo per delineare lo schema normativo effettivo in cui gli Enti di Terzo Settore dovranno operare, e nel cui iter chiediamo, come rappresentanti dei destinatari delle norme, di poter essere ancora coinvolti e ascoltati. Il Forum, come sempre in questi due lunghi e tormentati anni di gestazione della Riforma è pronto a fare la sua parte, con serietà e responsabilità, nell’interesse di tutto il Terzo Settore italiano.”

Di particolare rilevanza è stato approvato all’articolo 4 comma 1 l’emendamento che riconosce e valorizza le reti associative di secondo livello, intese quali organizzazioni che associano enti del Terzo settore, anche allo scopo di accrescere la loro rappresentatività presso i soggetti istituzionali, prevedendo forme e modalità di coinvolgimento delle stesse nelle attività di controllo nei confronti degli associati sulla base di procedure di accreditamento.

 

On line il nuovo NOI IN FIDAS

noiinfidasPrima uscita del 2016 per il trimestrale della FIDAS. In questo numero tutto sul Meeting nazionale Giovani di Mondovì con gli interventi di Andrea Grande e Simone Benedetto, l’approfondimento sulle donazioni in rosa con un’intervista a Cristiana Freni dell’Università Pontificia Salesiana di Roma, la presentazione del prossimo congresso nazionale e le immagini pià belle del Giubileo dei donatori. E ancora lo zoom trasfusioni a cura di Massimiliano Bonifacio, l’intervento di Anna Apollonia su emigrazione e donazione e tanto altro ancora. Noi in FIDAS può essere letto on line o scaricato in formato pdf. Buona lettura

42° Convegno nazionale SIMTI: a Bologna dal 25 al 28 maggio

SimtiConvegnoIl massimo delle possibilità nazionali e internazionali di aggiornamento sui campi più svariati che afferiscono alla disciplina della Medicina Trasfusionale, l’offerta di ritrovare i settori professionali di propria maggiore competenza e anche quelli che sono forse meno consueti, ma proprio per questo richiedono una possibilità di riflessione e di approfondimento. Tutto questo al 42° Convegno Nazionale di Studi di Medicina Trasfusionale della SIMTI che si terrà a Bologna dal 25 al 28 maggio.
Le sessioni plenarie, di grande respiro clinico e organizzativo, si occuperanno di appropriatezza in Medicina Trasfusionale, di plasmaderivazione e medicinali plasmaderivati, degli sviluppi della ricerca in Medicina Trasfusionale, del sistema trasfusionale in Italia e in Europa in riferimento al percorso di accreditamento istituzionale e dell’evoluzione del Servizio trasfusionale in Italia. Sessioni parallele saranno incentrate su temi di grande stimolo e interesse per le componenti professionali: patient blood management, immunoematologia, malattie trasmissibili conosciute ed emergenti, malattia emolitica del neonato, cellule staminali di adulto e di cordone ombelicale, aferesi terapeutica, emocomponenti per uso topico, patologie della coagulazione e dell’emostasi e il loro ruolo nella emorragia massiva, fabbisogni trasfusionali e capacità di mantenere il necessario esercito di donatori, emovigilanza e ancora le sessioni dedicate ai tecnici e agli infermieri che lavorano nei Servizi Trasfusionali.
Un focus particolare sarà riservato ai cambiamenti introdotti nella pratica professionale dal nuovo decreto legislativo sulla sicurezza dei donatori e dei malati. Come è ormai tradizione, sarà nutrita la rappresentanza di colleghi di ogni parte del mondo con i quali avremo modo di scambiare esperienze e di trarre le informazioni a noi necessarie per avere uno sguardo e un confronto con ampi orizzonti.
Consulta il programma

A Padova il Petrarca Rugby in campo con le maglie FIDAS

COR_0244Nella tredicesima giornata del campionato di Eccellenza il PETRARCA Rugby, impegnato in casa contro le Fiamme Oro, è sceso in campo con la maglia FIDAS.
Da circa 4 mesi FIDAS Padova collabora con la società sportiva per promuovere l’attività associativa, allestendo un gazebo informativo durante le partite in casa della squadra padovana, campionato Eccellenza 2015-2016. Domenica scorsa i giocatori della Prima Squadra hanno indosseranno all’ingresso in campo le maglie della FIDAS con la scritta “Facciamo meta, doniamo sangue”.

IMG_0300

 

Presentato a Gorizia il 55° Congresso nazionale FIDAS

Presentato sabato mattina nella sala Consiliare del Comune di Gorizia, il 55° Congresso nazionale FIDAS
che si svolgerà tra Grado e Gorizia dal 21 al 24 aprile prossimi. Presenti il sindaco del capoluogo isontino, Ettore Romoli, l’assessore comunale ai Grandi Eventi, Arianna Bellan, il consigliere regionale Diego Morelli,
l’assessore provinciale Ilaria Cecot, il presidente della CCIAA Gorizia, Gianluca Madriz e il presidente
ADVS Gorizia, Feliciano Medeot.
“Gorizia è stata città testimone di sanguinose battaglie durante la prima Guerra Mondiale, nel corso delle quali – ha sottolineato il sindaco Ettore Romoli – troppo sangue è stato versato e protagonista, invece, in questa lodevole occasione, di sangue donato”.
Lo slogan del Congresso “da sangue versato a sangue donato” è stato ideato per ricordare, simbolicamente, il primo conflitto mondiale. Nei territori dove, un secolo fa, si combatteva tra eserciti di paesi diversi e molti giovani morivano versando il proprio sangue, ora si celebra la vita e la donazione di sangue.
Il presidente di ADVS Gorizia, Feliciano Medeot, ha voluto inoltre ricordare Egidio Bragagnolo, indimenticato presidente di ADVS Gorizia e vicepresidente nazionale della FIDAS, prematuramente scomparso nel 2014.
“I donatori del Goriziano sono orgogliosi di ospitare le delegazioni che arriveranno da tutta Italia – ha
affermato il presidente ADVS Gorizia, Feliciano Medeot – un evento fortemente voluto dalla nostra
associazione che, nel centesimo anniversario della Grande Guerra, intende celebrare la vita e chi
garantisce la vita attraverso il dono del proprio sangue”. Medeot ha voluto ringraziare tutte le
istituzioni, pubbliche e private, che hanno dimostrato la loro attenzione nei confronti dei donatori e
del Congresso, garantendo un importante sostegno economico. “Un ringraziamento che deve essere
esteso anche a tantissimi enti, associazioni e a tutti i volontari che contribuiscono e contribuiranno al
buon esito dell’iniziativa, una “rete” di collaboratori di cui non possiamo che essere fieri”, ha concluso
il presidente.
La manifestazione, in programma dal 21 al 24 aprile, si svolgerà in due momenti e in due location
differenti: dal 22 al 23 aprile, a Grado, saranno ospitati i lavori del congresso nazionale, mentre
Gorizia, domenica 24 aprile, ospiterà 35^ Giornata del Donatore con la grande sfilata nazionale delle
delegazioni italiane.

Party Only Under 28 per giovani donatori dell’ADVS Ravenna

party_giovani_1Il “Party Only Under 28”, una serata dedicata interamente ai giovani donatori di sangue dell’Associazione ADVS ONLUS di Ravenna, con il patrocinio del Comune si è svolto ieri sera alle Artificerie Almagià. Una grande festa per ringraziare e riunire i donatori dai 18 ai 28 anni. Ad accogliere i ragazzi c’era una ricca apericena a buffet, con stuzzichini, piatti caldi e freddi per tutti i gusti. La grande sala si è riempita velocemente. L’arredamento con bassi tavolini e grandi cuscini ha subito creato un’atmosfera molto informale e piacevolmente rilassata.La  musica non è mai mancata, abilmente mixata dal Dj Jurymaru di Radio Studio Delta, dopo aver allietato in sottofondo la cena, ha cambiato ritmo facendo scendere tutti in pista dove anche i più timidi si sono lanciati nei balli.

“Una serata serena e piena di divertimento – ha commentato il Presidente di ADVS Ravenna, Monica Dragoni – è bello vedere tutti questi ragazzi, che con grande semplicità, donano il sangue ed aiutando il prossimo. Un gesto meraviglioso in apparenza semplice ma di grande valore umano che unisce questa fascia di giovani rendendoli attivi nella propria comunità a dimostrazione di quanto siano partecipi alla vita sociale. Donare il sangue fa bene a chi lo riceve, ma è molto gratificante anche per chi lo dona. È un atto di grande responsabilità morale che salva una vita.”

 

Zika Virus: aggiornamenti delle misure di prevenzione

Il Centro Nazionale Sangue, facendo seguito alla comunicazione dell’8 marzo scorso, in considerazione degli aggiornamenti sulle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale dello Zika Virus forniti dall’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) in data 9 marzo e alla luce di quanto emerso dal tavolo di discussione convocato dalla “European Commission DG SANTE (Healt and Food Safety)” si raccomanda di applicare il criterio di sospensione temporanea di 28 giorni dopo l’ultimo rapporto sessuale per i donatori che riferiscano un rapporto sessuale con partner maschile con infezione documentata o sospetta oppure che abbia viaggiato o soggiornato in una zona con trasmissione attiva dello Zika virus nei 6 mesi precedenti il rapporto (anziché i 3 mesi come precedentemente indicato). Le precedenti indicazioni rimangono invariate.

Tutti gli aggiornamenti su Zika Virus ai seguenti link:
Centro Nazionale Sangue
ECDC

Consulta la mappa di diffusione dello Zika Virus
ZikaVirus14marzo216

Premio giornalistico “FIDAS-Isabella Sturvi”. Ancora pochi giorni per candidarsi

logo_premio_SturviFase finale per il premio giornalistico “FIDAS-Isabella Sturvi”, giunto alla sua sesta edizione. Entro il 2 aprile i professionisti del settore possono inviare la candidatura per gli articoli, i servizi e le inchieste relativi la donazione o l’informazione su sangue ed emocomponenti pubblicati, radiotrasmessi o teletrasmessi nel periodo compreso tra il 16 marzo 2015 e il 20 marzo 2016.  Il prossimo 2 aprile, inoltre, sarà comunicata la composizione della giuria che avrà il compito di indicare il vincitore della sezione stampa/web e della sezione radio/tv. I vincitori saranno annunciati il 21 aprile a Gorizia nel corso della conferenza stampa di presentazione del 55° Congresso nazionale FIDAS che si svolgerà a Grado dal 22 al 24 aprile.

Il Premio è finalizzato alla promozione dell’impegno del giornalismo sociale, alla valorizzazione del grande patrimonio costituito dalle numerose associazioni del territorio impegnate nel volontariato, all’educazione e sensibilizzazione dei giovani verso l’impegno sociale e civile, nonché al ricordo della dottoressa Isabella Sturvi, già responsabile dell’ufficio VIII, “Sangue e trapianti”, presso la Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute. La sesta edizione del premio si pregia del patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti, della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, del Centro Nazionale Sangue e della Società Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia.

 

Leggi il bando completo