CNS e World Federation of Hemofilia: un accordo per un programma umanitario

Il 29 giugno 2015, rappresentanti della World Federation of Hemophilia (WFH) e del Centro Nazionale Sangue (CNS) si sono incontrati a Londra per formalizzare il progetto WISH 

WISH, (World Federation of Hemophilia and Italian National Blood Centre for a Sustainable Supply for Hemophilia patients) è un programma umanitario orientato a ridurre le differenze tra Paesi a basso reddito e Paesi ad alto reddito nell’accesso ai concentrati di fattori della coagulazione; si fonda sulla distribuzione senza scopo di lucro, nell’arco di un quinquennio, di un totale di 150 milioni di Unità Internazionali di fattore VIII, prodotto in conto-lavoro a partire da donazioni di sangue di volontari italiani non remunerati, ed eccedenti il fabbisogno dei pazienti emofilici italiani.

La partnership tra CNS e WFH mira a garantire ai Paesi di destinazione approvvigionamenti di prodotto a medio e lungo termine attraverso accordi specifici tra le Regioni italiane e gli Stati riceventi.

“Il Sistema Sangue italiano, che può contare su un milione e 700mila donatori volontari non remunerati, è fortemente impegnato a perseguire l’autosufficienza di plasma e di prodotti medicinali plasmaderivati”, ha dichiarato il dott. Giuliano Grazzini, direttore del CNS. “In questo contesto, è nostro desiderio accettare, in collaborazione con la World Federation of Hemophilia, la sfida di promuovere lo sviluppo di progetti etici, trasparenti e sostenibili al fine di estendere e rendere più equo l’accesso alle terapie per i pazienti che ne hanno bisogno nei Paesi destinatari.”

Nell’arco degli ultimi tre anni, 10 milioni di UI di fattori della coagulazione sono stati donati dalle Regioni italiane a Paesi quali Afghanistan, Albania, Armenia, Egitto e India, e ciò ha aperto la strada a ulteriori opportunità offerte dalla cooperazione con la WFH.

“Il progetto WISH è la prova che sono necessari impegno e sinergie a livello globale affinché sempre più prodotti, frutto di donazioni siano disponibili nei Paesi in via di sviluppo”, ha commentato Alain Weill, Presidente della World Federation of Hemophilia. “A sua volta, ciò renderà gli aiuti umanitari maggiormente pianificabili e i trattamenti sostenibili. Offriamo il nostro pieno appoggio al Centro Nazionale Sangue e riconosciamo il valore del loro contributo nel raggiungimento dell’obiettivo della WFH di garantire le cure a tutti i pazienti, in ogni parte del mondo”.

WISH è un’iniziativa nata dall’impegno di entrambe le parti per assicurare una risposta efficace alle necessità terapeutiche di quei pazienti che altrimenti, in caso di bisogno, non avrebbero adeguato accesso alle cure. L’azienda biofarmaceutica italiana Kedrion Biopharma, attualmente unica titolare delle convenzioni con le Regioni italiane per la produzione in conto lavorazione di prodotti medicinali plasmaderivati, ne ha promosso lo sviluppo e ha contribuito al successo di questo accordo, facendosi carico delle spese regolatorie e dei costi di logistica relativi alle spedizioni di prodotto nei Paesi di destinazione, offrendo in questo modo un prezioso contributo ad estendere l’accesso alle terapie a base di fattori della coagulazione in tutto il mondo.

 

40 anni per la FIDAS Ozieri

“40 anni con la gente, fra la gente” è lo slogan scelto dalla FIDAS Ozieri (SS) per festeggiare i 40 anni di attività. Unica presenza FIDAS in Sardegna, l’associazione presieduta da Giuseppe Zintu, spegne 40 candeline il 27 e 28 giugno prossimi. Un convegno di carattere medico-scientifico, cui prenderà parte anche il presidente nazionale FIDAS Aldo Ozino Caligaris e una festa per celebrare tutti coloro che hanno speso tempo ed energie per la donazione del sangue.

Scarica il programma

Chikungunya, Dengue, West Nile Virus: le indicazioni del Ministero della Salute

ministerodellasaluteDengue, Chikungunya, West Nile Virus sono alcune delle malattie acute virali di origine tropicali che nell’ultimo decennio si sono diffuse in Italia e in Europa. La Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria e la Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari del Ministero della Salute forniscono le indicazioni per la sorveglianza dei casi umani e la valutazione del rischio di trasmissione in Italia.

Nell’area normativa la comunicazione del Ministero della Salute e i relativi allegati.

Al Ministero della Salute la presentazione del 14 giugno

civisQuesta mattina al Ministero della Salute, le Associazioni e Federazioni dei donatori di sangue si sono confrontate in vista della giornata mondiale del 14 giugno. Oltre un milione e settecentomila donatori nel 2014 hanno garantito 8500 eventi trasfusionali ogni giorno, ma occorre favorire il ricambio generazionale.

AVIS, Croce Rossa Italiana, FIDAS e FRATRES hanno tracciato un bilancio sull’attività del Sistema Sangue italiano nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta oggi, 12 giugno, a Roma presso l’Auditorium del Ministero della Salute. All’incontro hanno preso parte Maria Teresa Letta, vicepresidente nazionale Croce Rossa Italiana e coordinatore pro tempore CIVIS, Vincenzo Saturni, presidente nazionale AVIS, Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale FIDAS, Luigi Cardini, presidente nazionale FRATRES, Maria Rita Tamburrini, Dirigente dell’Ufficio VIII Sangue e Trapianti del Ministero della Salute, Giuliano Grazzini, Direttore del Centro Nazionale Sangue e Daniela Rodorigo, Direttore Generale della Comunicazione del Ministero della Salute. Anche il ministro della salute Beatrice Lorenzin ha voluto inviare un messaggio esprimendo apprezzamento e ammirazione per i donatori e per i professionisti del settore.

Durante l’incontro è stata presentato l’appuntamento del 14 giugno a Cascina Triulza, nell’area espositiva EXPO: i donatori d’Italia si ritroveranno insieme per testimoniare il valore del dono e alle 11.30 il convegno “Stili di vita e qualità della donazione di emocomponenti”.

A ricordo della giornata il Ministero dello Sviluppo Economico, nel programma di emissione delle carte-valori postali per il 2015 nella serie tematica ordinaria “Il Senso civico”, ha inserito un francobollo commemorativo dedicato al Dono del sangue che sarà emesso ufficialmente il 14 giugno.

protocollocivis-adisco

Infine al termine dell’incontro è stato siglato un Protocollo d’intesa tra CIVIS e ADISCO (Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale) rappresentata dal presidente nazionale Gloria Pravatà, per una promozione condivisa del valore del dono (nella foto da sinistra Maria Rita Tamburrini, Giuliano Grazzini, Maria Teresa Letta, Aldo Ozino Caligaris, Vincenzo Saturni, Gloria Pravatà e Luigi Cardini)

 

 

 

14 giugno: i donatori di sangue si incontrano all’Expo

14giugnomilanoIn occasione della Giornata Mondiale del Donatore del 14 giugno, all’EXPO si svolgerà il convegno promosso dal CIVIS (Coordinamento Interassociativo dei Volontari Italiani del Sangue) sullo stato dell’arte della donazione di sangue nel mondo, con un focus su alimentazione e corretti stili di vita. Nella stessa mattinata i donatori di sangue di AVIS, CRI, FIDAS e FRATRES si raduneranno nella piazza della Cascina Triulza, luogo simbolo del non profit in Expo, indossando cappellini e magliette con i loghi della Giornata Mondiale.

 

Misure di prevenzione West Nile Virus in provincia di Cremona

centronazionalesanguelogoIl Centro Nazionale Sangue comunica che la Struttura Regionale di Coordinamento della Regione Lombardia ha assunto la decisione di introdurre il test WNV NAT su singolo campione, su tutte le donazioni di sangue ed emocomponenti, comprese le cellule staminali emopoietiche da sangue periferico, cordinale e midollare della provincia di Cremona.

 

Comunica, inoltre, che la sospensione temporanea per 28 giorni, come da DM 3 marzo 2005, viene estesa a tutti i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte nella suddetta provincia. Nell’area normativa (documenti dal CNS) la comunicazione completa del Centro Nazionale Sangue.

12 giugno: torna One nation one donation

onenationonedonation2015Venerdì 12 giugno, in prossimità della Giornata mondiale del donatore di sangue, ritorna One nation one donation. Dai microfoni di Radio DeeJay, il Trio Medusa ancora una volta a fianco dei donatori di sangue per ricordare l’importanza del dono. Vi aspettiamo a Milano, Torino, Genova, Udine, Vicenza, Parma, Bologna, Roma, Bari e Gela. Sul sito di Radio Dee Jay tutte le info per partecipare.