Barile (PZ), piantati 20 alberi dalla FIDAS

barilePiantare alberi è il primo passo per salvare il pianeta terra. Ne è convinta l’associazione donatori volontari sangue FIDAS Barile che per il secondo anno consecutivo ha piantato nel territorio comunale 20 alberi autoctoni. La seconda giornata dell’albero promossa dalla FIDAS Barile  in collaborazione con “Al Parco la rivista dei parchi” è stata organizzata grazie ad un protocollo d’intesa siglato lo scorso anno con l’Amministrazione Comunale di Barile e l’Istituto Comprensivo Giovanni XXIII di Barile per ridurre l’impatto antropico e migliorare il territorio comunale. Alla manifestazione hanno preso parte Rocco Franciosa, segretario FIDAS Barile, Don Francesco Distasi, parroco di Barile, Anna Maria Piarulli, Vicepresidente FIDAS Basilicata, Antonio Murano, Sindaco di Barile e Tania Lacriola, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Giovanni XXIII di Barile e diversi donatori e volontari dell’associazione Fidas. Protagonisti della seconda edizione della Giornata dell’Albero sono stati i ragazzi delle classi quinta e prima media dell’Istituto comprensivo Giovanni XXIII che coadiuvati da Nicola Crapolicchio titolare della ditta Mondo Verde e manutentore degli spazi verdi comunali, hanno piantato nella piazza Unità d’Italia (di fronte al Pub) 20 alberi autoctoni donati dall’associazione donatori volontari sangue FIDAS Barile. La manifestazione promossa da FIDAS donatori sangue Barile e rivista Al Parco rientra tra gli eventi regionali a sostegno di Matera Città Candidata a Capitale Europea della Cultura per il 2019. Soddisfazione è stata espressa dal Sindaco di Barile, Antonio Murano e dal dirigente scolastico Tania Lacriola che ha sottolineato “la manifestazione legata ai temi della salvaguardia ambientale e della diffusione dei valori della solidarietà promossa dalla Fidas, ben si coniuga con il percorso scolastico ed educativo dei ragazzi, come scuola siamo fieri di collaborare con progetti di tale importanza promossi dall’associazione in questi anni”. Durante la manifestazione i ragazzi della scuola di Barile, grazie all’ausilio delle insegnanti Giorgio Stefania, Marilena Lamorte e Spera Rosa, hanno presentato dei propri lavori legati all’importanza dell’albero ed ai buoni motivi per piantare alberi e per salvare il pianeta terra, per ridurre l’impatto antropico e migliorare il territorio comunale. Per la FIDAS, i dirigenti Rocco Franciosa e Anna Maria Piarulli hanno rimarcato “ringraziamo il Comune di Barile, il parroco, il titolare della ditta Mondo Verde, Nicola Crapolicchio, la scuola e la rivista Al Parco, per la preziosa collaborazione e siamo sempre più convinti che la tutela ambientale, legati alla tutela della salute ed al valore della vita, sono principi inderogabili, alla base dell’impegno volontaristico che portiamo avanti nella nostra comunità”.

 

 

 

A Napoli per crescere condividendo

“Cresciamo condividendo” è il progetto realizzato da Sanitariamente in collaborazione con la FIDAS Partenopea. Un secondo appuntamento a Napoli sul dono del sangue, degli organi e dei tessuti per fare il punto della situazione sulle problematiche regionali, alla luce dell’adeguamento alle normative europee. Con uno sguardo privilegiato alla popolazione giovanile per un’educazione al disinteresse e alla solidarietà. Appuntamento venerdì 24 ottobre alle 14.30 presso l’Aula Magna della Facoltà di Scienze Bioteconologiche in Via T. De Amicis 95.

Scarica il programma

 

11 ottobre: Giornata Europea dei trapianti

giornataeuropeatrapiantiSi celebra domani, 11 ottobre, la 16esima Giornata europea della donazione di organi, l’evento promosso annualmente dal Consiglio d’Europa nella capitale di uno Stato membro per sensibilizzare i cittadini riguardo al tema della donazione di organi e della solidarietà.

 

“L’Italia dei trapianti – ha osservato Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro Nazionale Trapianti – ha fatto passi importanti negli ultimi vent’anni”. Al 31 agosto 2014 i pazienti trapiantati sono stati 2.944 contro i 2.841 nel 2013. I donatori si è passati da 1.318 del 2013 a 1.367 del 2014. “Ma il nostro obiettivo – continua Nanni Costa – è raggiungere i 4 mila trapianti all’anno”. 

Anche FIDAS sarà rappresentata alla cerimonia inaugurale presieduta dal ministro della Salute. “Non possiamo dimenticare – sottolinea Aldo Ozino Caligaris – che anche grazie al dono anonimo, gratuito e volontario del sangue, è possibile eseguire le migliaia di trapianti di organi che ogni anno permettono di salvare tante vite. Per ogni trapianto è indispensabile il supporto della terapia trasfusionale. In questa giornata vogliamo continuare a dire grazie ai volontari del dono che garantiscono il buon funzionamento del Sistema Sanitario nazionale assicurando ogni giorno ai cittadini assistiti oltre 8500 trasfusioni”.

On line il nuovo numero di NOI IN FIDAS

noiinfidas 3-2014 coverTutto quello che avreste voluto sapere e vedere dell’E…state con FIDAS 2014, il congresso europeo sulla gestione dei donatori, i percorsi di accreditamento, la V Giornata nazionale FIDAS e tanto altro nel nuovo numero di NOI IN FIDAS.