Indagine CENSIS – FIDAS: rischio crollo numero donatori e donazioni

Se non saranno fatti tutti gli sforzi e gli investimenti necessari nella promozione e nella sensibilizzazione alla donazione del sangue, continueranno a diminuire i donatori giovani in età compresa tra 18 e 28 anni, cioè una componente molto importante della popolazione perché si tratta dei donatori periodici destinati a sostenere il sistema trasfusionale dei prossimi anni.

Secondo le proiezioni sulla donazione del sangue in rapporto all’andamento demografico è, infatti, stimabile nell’8,4% la riduzione complessiva di donatori ed unità di sangue intero raccolte nel prossimo decennio.

E’ questo uno dei principali risultati emersi dall’indagine condotta dal CENSIS sui dati forniti dalla FIDAS, e presentata oggi alla vigilia del 49° Congresso nazionale della federazione.

La fascia d’età dalla quale proviene la grande maggioranza dei donatori è rappresentata dalle persone in età compresa tra i 30 ed i 55 anni, e le proiezioni dei dati demografici evidenziano come si tratti di una componente del corpo sociale destinata a ridursi in modo significativo nei prossimi decenni. Secondo le elaborazioni condotte dal Censis anche sui dati Istat, i 18-55enni, che nel 2009 sono 23.343.655, pari al 46,8% della popolazione, saranno nel 2020 quasi un milione in meno, 22.514.962, il 43,8% del totale, e nel 2030 si ridurranno a 19.765.468, pari al 37,7%

“Allo scopo di affrontare quella che si profila, a breve, come una vera e propria emergenza, la FIDAS discuterà in questo congresso nazionale le possibili strategie da mettere in atto per invertire questo trend negativo – spiega Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale della federazione -. Ed in particolare su come avvicinare alla donazione del sangue le fasce più giovani della popolazione, alle quali destinare specifiche iniziative di sensibilizzazione”.

 La FIDAS è una federazione alla quale aderiscono 69 associazioni autonome presenti in 16 regioni italiane. I donatori iscritti sono 438.520, quelli sotto i 28 anni 52.444.

Nel corso del 2009 ha raccolto 410.252 donazioni, di cui 334.477 di sangue intero e 75.555 in aferesi. Le donazioni di plasma sono state, invece, 55.665

 

49° Congresso nazionale: giovedì 29 la conferenza stampa di presentazione

Si svolgerà giovedì 29 aprile alle ore 11,30, nella “Sala  Assembleare – Comunità di Valle” di Fiera di Primiero  (via Roma 19, località Tonadico, TN), la conferenza stampa di presentazione del 49° Congresso Nazionale della FIDAS, intitolato quest’anno: “Responsabili del dono”.

L’evento congressuale, che si svolgerà tra Fiera di Primiero e Feltre dal 30 aprile al 2 maggio, sarà l’occasione per mettere in evidenza le risorse umane della terra del Feltrino e del Primiero e per testimoniare la collaborazione interprovinciale nel campo della solidarietà.

Alla conferenza stampa interverranno:

  • dott. Marco Depaoli,         presidente del Consiglio Regionale Regione Trentino Alto Adige
  • dott. Cristiano Trotter,      presidente della Comunità di Primiero
  • dr. Aldo Ozino Caligaris,   presidente nazionale FIDAS
  • prof. Saverio Marchet,      presidente dell’Associazione Feltrina Donatori Volontari di Sangue (AFDVS)

 Tra i momenti più significativi del congresso si ricordano:

  • giovedì 29 aprile, ore 15: anticipazione del congresso con una Fiaccolata dal tempio del donatore (Monte Cesen) fino a Lentiai, organizzata dal Coordinamento dei giovani FIDAS e dall’AFDVS.
  • venerdì 30 aprile, ore 10: presso l’auditorium di Fiera di Primiero, presentazione di un’indagine del CENSIS sui donatori di sangue.
  • domenica 2 maggio, ore 10,45: Giornata del donatore, con la sfilata per il centro storico di Feltre di circa 20 mila donatori di sangue in arrivo da tutta Italia.

La FIDAS è una federazione alla quale aderiscono 69 associazioni autonome presenti in 16 regioni italiane. I donatori iscritti sono 438.520, quelli sotto i 28 anni 52.444.

Nel corso del 2009 ha raccolto 410.252 donazioni, di cui 334.477 di sangue intero e 75.555 in aferesi. Le donazioni di plasma sono state, invece, 55.665

 

“Giochiamo, doniamo e rispettiamo”: manifestazione a Molfetta (BA)

Il 25 aprile alle 8,30, presso il Palazzetto dello Sport di Via Martiri di Via Fani, a Molfetta (BA), la FIDAS e la FIJLKAM (Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali) hanno organizzato una manifestazione sportiva legata al progetto “FIJLKAM e WACKO’S, sport e divertimento a scuola”. Intitolata “Giochiamo, doniamo e rispettiamo”, la giornata è tesa a sensibilizzare i ragazzi alle attività della FIDAS dell’UNICEF e del WWF.

Sangue: donazione, siglata intesa tra Comune Reggio e FIDAS

REGGIO CALABRIA, 14 APR – Un protocollo d’intesa per la promozione della donazione del sangue per il paziente emopatico e’ stato siglato a Reggio tra le societa’ miste e partecipate e l’Adspem-Fidas.

A siglare l’intesa, e’ scritto in una nota, la consigliera Monica Falcomata’ con delega alle societa’ miste e partecipate e Caterina Muscatello, presidente dell’Adspem. All’iniziativa hanno preso parte l’amministratore delegato della Recasi, Giuseppe Del Campo, Serafino Nucera, presidente della Reges, Andrea Viola presidente della Multiservizi e Angelo Mannucchi Amministratrore delegato della Leonia. La Falcomata’ ha sottolineato che lo spirito di questa ”importante iniziativa e’ mirata a sensibilizzare sia i dipendenti delle societa’ miste sia i cittadini ad assumere maggiore consapevolezza verso il problema della donazione del sangue”. ”Attraverso l’autoemoteca dell’Adspem – ha detto Monica Falcomata’ – che si rechera’ presso le sedi delle societa’ miste, si potranno raccogliere non solo tante sacche di sangue ma si potra’ raggiungere anche un numero considerevole di donatori stabili. La raccolta di sangue vede il Comune coinvolto da piu’ di tre anni con l’autoemoteca dell’Adspem che ogni mese raggiunge il Cedir e tanti sono i dipendenti comunali che, da questa iniziativa, sono diventati donatori stabili. Il nostro auspicio -conclude – e che con questa iniziativa si possa incrementare la raccolta di sangue e raggiungere l’obiettivo dell’autosufficienza”. ”La sigla di questo protocollo d’intesa – ha detto Muscatello – ci dara’ sicuramente la possibilita’ di raggiungere un numero considerevole di cittadini e sensibilizzarli verso il gesto della donazione”. (ANSA)

Dal 30 aprile al 2 maggio il 49° Congresso Nazionale

pale-di-s-martino_340_x_255E’, ormai, alle porte il 49° Congresso nazionale, che, a Fiera di Primiero e Feltre (dal 30 aprile al 2 maggio), riunirà circa 350 delegati in rappresentanza delle 69 associazioni aderenti alla federazione, e richiamerà altri ventimila donatori di sangue da tutta Italia per la tradizionale sfilata conclusiva.

Titolo di questo 49° appuntamento sarà: “Responsabili del dono”. Argomento centrale del congresso sarà, infatti, la responsabilità dei soggetti coinvolti nel gesto solidale della donazione del sangue: dai volontari agli operatori sanitari, dai centri trasfusionali alle istituzioni preposte al governo del sistema in termini legislativi e di emovigilanza, dall’industria farmaceutica alle società scientifiche.

Fra gli altri temi al centro del dibattito: “Federalismo e tutela della salute”; “Impresa sociale e volontariato”;  “Il ricevente  al centro della donazione”, temi che saranno al centro dei lavori di gruppo di sabato 1 maggio. Tra i relatori: Guido Memo, direttore del CESIAV (Centro Studi e Iniziative per l’Associazionismo ed il Volontariato); Giuseppe Aprili, presidente nazionale della SIMTI (Società Italiana Medicina Trasfusionale ed Immunoematologia); Ilaria Lucaroni dell’ANPAS Nazionale.

Il giorno prima è, infine, attesa la presentazione di una indagine del CENSIS sui donatori di sangue.

“Un percorso di solidarietà”: il 10 aprile convegno ad Aosta

Sabato 10 aprile, ore 17.00, presso il Salone Ducale del Comune di Aosta, si svolgerà il convegno “Un percorso di solidarietà”.

Organizzato dall’Associazione Donatori Sangue e Organi “San Michele Arcangelo”, il simposio vuole tracciare un bilancio dei primi tre anni di vita della 67 federata FIDAS.

Parteciperanno Guido Grimod, sindaco di Aosta, Albert Laniece, assessore regionale alla Salute e Politiche Sociali della Valle D’Aosta, Aldo Ozino Caligaris, presidente nazionale FIDAS.

Leggi il programma in allegato